lunedì, Settembre 26, 2022

I sindacati infermieristici all’Onu: “Distribuzione ingiusta, stop ai brevetti sui vaccini”

I sindacati infermieristici di tutto il mondo chiedono un'azione delle Nazioni Unite sui brevetti dei vaccini contro il Covid. Organismi in 28 paesi hanno presentato ricorso per la rinuncia all'accordo sulla proprietà intellettuale.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

I sindacati infermieristici di 28 paesi hanno presentato un appello formale alle Nazioni Unite per il rifiuto del Regno Unito, dell’UE e di chi in sostanza controlla e trae un profitto incredibile dai brevetti sui vaccini, di rinunciare temporaneamente ai brevetti e quindi alla proprietà intellettuale.

Affermando che ciò è costato un numero enorme di vite nei paesi in via di sviluppo, senza contare lo sviluppo delle varianti che nascono in quelle zone dove l’accesso al vaccino è quasi inesistente.

I sindacati infermieristici chiedono la fine dei brevetti sui vaccini

I sindacati infermieristici chiedono la fine dei brevetti sui vaccini

La lettera scritta dai sindacati infermieristici è inviata lunedì a nome dei sindacati che rappresentano oltre 2,5 milioni di operatori sanitari, afferma che personale sanitario in tutto il mondo ha assistito in prima persona al “numero impressionante di morti e all’immensa sofferenza causata dall’inazione politica”.

Il rifiuto di alcuni paesi di modificare le regole sui diritti di proprietà intellettuale per i vaccini aveva contribuito a un ancora più marcato disequilibrio tra la parte fortunata del pianeta e quella non, in cui le nazioni più ricche si erano assicurate almeno 7 miliardi di dosi, mentre le nazioni a basso reddito ne avevano circa 300 milioni.

Tale distribuzione non era solo “grossolanamente ingiusta”, afferma la lettera, ma la trasmissione dilagante di Covid nei paesi in via di sviluppo ha anche aumentato il rischio che emergano nuove varianti, come Omicron, identificata per la prima volta questa settimana in Sudafrica e che ha spinto il Regno Unito e altre nazioni a dover rafforzare le restrizioni di viaggio e altre regole .

Il Sudafrica, insieme all’India, ha esercitato pressioni sull’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) già mesi fa per contribuire a migliorare l’accesso ai vaccini rinunciando all’accordo multinazionale sugli aspetti legati al commercio dei diritti di proprietà intellettuale.

Una deroga temporanea alle disposizioni riguardo i brevetti sui vaccini Covid, come sostenuto dai sindacati infermieristici, consentirebbe ai vaccini di essere prodotti più ampiamente, migliorando la distribuzione globale. 

Venerdì, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha invitato i membri dell’OMC a compiere questo passo dopo l’emergere della variante Omicron.

La lettera dei sindacati infermieristici alle Nazioni Unite, coordinata dall’organizzazione sanitaria Global Nurses United, Progressive International, partiti, movimenti e sindacati di sinistra, cita quella che definisce una “minaccia immediata al diritto alla salute delle persone” da parte dell’UE, del Regno Unito, Norvegia, Svizzera e Singapore.

Ha affermato che almeno 115.000 membri del personale medico e sanitario in tutto il mondo sono morti a causa del Covid e che mentre il 40% in media è stato completamente vaccinato, in Africa e nel Pacifico occidentale la cifra è inferiore a uno su 10.

Come lavoratori in prima linea, siamo ben posizionati per testimoniare contro la violazione del diritto di tutti al godimento del più alto standard raggiungibile di salute fisica e mentale a causa dell’impatto di una rinuncia ritardata ai vaccini Covid-19 – recita la lettera.

La lettera firmata dai sindacati infermieristici è stata inviata a Tlaleng Mofokeng, un medico sudafricano e attivista per la salute, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla salute fisica e mentale e che ha il potere di avviare un’indagine nell’ambito del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Mofokeng ha affermato che la richiesta di una rinuncia ai brevetti fatta dai sindacati infermieristici “è una scelta che condividoIl ruolo che gli operatori sanitari hanno svolto durante la pandemia fornisce loro autorità morale sulla questione.

Oltre a Sudafrica e India, la chiamata arriva dai sindacati che rappresentano infermieri e personale sanitario negli Stati Uniti, Irlanda, Australia, Brasile, Canada, Costa Rica, Curacao, Repubblica Dominicana, Grecia, Guatemala, Honduras, Israele, Italia, Kenya , Malawi, Nuova Zelanda, Paraguay, Filippine, Portogallo, Ruanda, Corea del Sud, Spagna, Sri Lanka, Taiwan, Uganda e Uruguay.

Deborah Burger, copresidente del sindacato National Nurses United negli Stati Uniti, ha affermato che la distribuzione ineguale dei vaccini e la conseguente probabilità di nuove varianti di Covid “rappresentano un grave rischio per tutte le persone in tutto il mondo”.

Shirley Marshal Díaz Morales, vicepresidente del sindacato Federação Nacional dos Enfermeiros del Brasile, ha dichiarato: “È tempo che i governi del mondo diano priorità alla salute delle persone rispetto ai profitti delle multinazionali approvando l’esenzione dal vaccino”.

Leggi anche: Variante Omicron spaventa l’Europa: i vaccini sono efficaci? Speranza: “Difficile fermarla”

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie