Coltivatore di tulipani in lacrime, Lucarelli: “Non è la prima volta che fa così, soldi raccolti a caso”

A non farsi incantare dalla disperazione del coltivatore di tulipani è stata Selvaggia Lucarelli, che ha sottolineato come quell'uomo sia già stato protagonista di un siparietto simile.

Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img

Le immagini di ieri del coltivatore di tulipani in lacrime dopo la grandinata che ha travolto le campagne di Foggia hanno commosso il popolo del web divenendo immediatamente virali.

Ma a non lasciarsi incantare da quella disperazione è stata Selvaggia Lucarelli, che ha sottolineato come Giuseppe Savino, questo il nome del contadino, sia già stato protagonista di un siparietto simile e come, dopo le lacrime, sia sempre arrivata l’apertura di remunerative e poco trasparenti raccolte fondi.

Su Twitter la giornalista ha scritto: “Ieri è diventato virale il video straziante di un contadino che piange davanti al suo campo di tulipani danneggiato dalla grandine. Immediatamente è partita l’immancabile raccolta fondi! Ma cosa sapevate di questa storia quando avete donato soldi?”.

Coltivatore di tulipani in lacrime, Lucarelli: “Non è la prima volta”

Insomma: secondo Selvaggia Lucarelli, le immagini delle lacrime del coltivatore di tulipani avrebbero dovuto essere accompagnate da un adeguato approfondimento della questione (almeno da parte della stampa). La giornalista, sempre su Twitter, ha spiegato:

Giuseppe e Michele Savino sono i creatori del format ‘Tulipani di Puglia’ nella loro azienda florovivaistica Cascina Savino, due anni fa hanno piantato migliaia di tulipani per portare la bellezza nel loro territorio, certo, ma anche per avviare un’attività commerciale.

L’evento atmosferico che si è abbattuto nel Foggiano non è esattamente un’eccezione e il buon Savino, agricoltore, conosce bene il rischio. Lo conosce così bene che guardate un po’ cosa era successo nel 2021.

Lucarelli ha quindi postato un altro appello di Savino, risalente al 2021, in cui il coltivatore appariva disperato dopo una gelata che aveva danneggiato i fiori. “Stesso copione: Savino piangeva – ha sottolineato la giornalista – nel frattempo moltissimi altri contadini e tante aziende avevano subito danni, ma poveri tulipani e basta. C’è però un altro particolare: furono raccolti dei bei soldi”.

Tutte le perplessità di Selvaggia Lucarelli sul coltivatore di tulipani

Selvaggia Lucarelli è quindi tornata sull’attuale raccolta fondi aperta dal coltivatore di tulipani: “Ora naturalmente è partita la gara a donare e per ragioni come al solito incomprensibili non solo non ci si informa prima sulla reale necessità (chi dice che hanno bisogno di soldi? Chi ha quantificato il danno?), ma si supera la cifra prestabilita e si va avanti a raccogliere soldi a caso”.

Se per due anni su tre i tulipani vengono distrutti dal maltempo, forse bisognerebbe valutare l’idea di una serra boh, o di un’assicurazione – riflette la giornalista – E poi il buon Savino attinge da fondi ministeriali/regionali o fa tutto da solo? Questa è la sua unica attività? Ecco, a me piacciono le storie romatiche con lacrime e fiori, però l’empatia disinformata è peggio della grandine”.

Poi, pubblicando un articolo dell’ottobre 2022, Lucarelli ha sottolineato come i Savino non coltivino solo tulipani, ma abbiano pure “campi di zucche, girasoli e altro, tutte “attività commerciali molto floride come raccontato dalla stampa (vende i fiori, i bulbi e le esperienze nel campo tramite biglietti di ingresso)”.

Da qui, gli interrogativi finali della giornalista rivolti direttamente a Giuseppe Savino: “Cosa ha fatto dei 13mila euro raccolti nel 2021? Perché raccogliere tra ieri e oggi 30mila euro? Accede a fondi del Ministero? È assicurato?”.

Leggi anche: La denuncia del padre di Nina: “Tanta solidarietà, ma non è cambiato nulla”

spot_img

Correlati

Crioconservazione, c’è chi è disposto a pagare 200.000 euro per farsi congelare post-mortem

È possibile tornare in vita dopo la morte grazie alla crioconservazione? Il medico berlinese...

Gino Cecchettin: “I nostri figli devono raccontarci tutto, troviamo il tempo di ascoltare”

Nell'evento di SkyTg24 Live in Milano Gino Cecchettin è tornato a parlare di violenza...

Perché Re Carlo non abdicherà in favore del figlio William nonostante la malattia?

Le condizioni di salute di Re Carlo continuano a migliorare. La Royal Family rimane...
Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img