giovedì, 9 Luglio 2020

Scoperta la molecola che cura Alzheimer

Avatar
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder dell'azienda Identità Digitali e direttore de Il Digitale. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista, scrive di innovazione e cultura. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.

È ufficiale, la molecola che cura l’Alzheimer è stata scoperta, in grado di ringiovanire il cervello, favorisce la nascita di nuovi neuroni e contrasta i sintomi della malattia, tra cui l’amiloide durante la fase iniziale. Nuove possibilità si prospettano per la diagnosi e per la cura. Lo studio è italiano, è stato coordinato da Antonino Cattaneo, Giovanni Meli e Raffaella Scardigli, della Fondazione Ebri Rita Levi-Montalcini, in collaborazione con il Cnr, la Scuola normale superiore e il dipartimento di Biologia dell’università di Roma Tre. La pubblicazione è stata destinata a ‘Cell Death and Differentiation’.

Da oggi si potrà intervenire tempestivamente sulla malattia

È la prima volta che i singoli mattoncini tossici che formeranno le placche extracellulari di A-beta, primo obiettivo terapeutico della malattia di Alzheimer, sono stati intercettati e neutralizzati sul nascere, prima che essi rechino il danno neuronale irreversibile. La ricerca apre la strada a nuove strategie per la diagnosi e la terapia della malattia neurodegenerativa. Spiegano Raffaella Scardigli e Giovanni Meli:

L’importanza di questa ricerca è duplice: da un lato dimostriamo che la diminuzione di neurogenesi anticipa i segni patologici tipici dell’Alzheimer, e potrebbe quindi contribuire a individuare tempestivamente l’insorgenza della malattia in una fase molto precoce. Dall’altro, abbiamo anche osservato in vivo, nel cervello del topo, l’efficacia del nostro anticorpo nel neutralizzare gli A-beta oligomeri proprio all’interno dei neuroni.

Aggiunge Antonino Cattaneo:

Riuscire a monitorare la neurogenesi nella popolazione adulta offrirà in futuro un potenziale strumento diagnostico per segnalare l’insorgenza dell’Alzheimer in uno stadio ancora molto precoce, cioè quando la malattia è clinicamente pre-sintomatica. Inoltre, l’utilizzo terapeutico dell’anticorpo A13 permetterà di neutralizzare gli A-beta oligomeri dentro i neuroni, laddove si formano per la prima volta, colpendo così l’evento più precoce possibile nell’evoluzione della patologia.

Avatar
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder dell'azienda Identità Digitali e direttore de Il Digitale. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista, scrive di innovazione e cultura. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.

Correlati

In Svezia, aperto il primo ristorante “per uno”. Un tavolo e una sedia in mezzo a un campo

Per chi teme di non rispettare il distanziamento di un metro imposto...

Indagine Bankitalia: drastico calo del reddito per le famiglie italiane

L’onda lunga del coronavirus sta mietendo vittime, prima al livello sanitario ora...

Mondiali 2006, quanto ci mancano nell’era del Covid?

Sono passati esattamente 14 anni dalla conquista del Mondiale in Germania. Oggi le piazze sono più deserte che mai, e la realtà che ci circonda è fatta di mascherine, test sierologici e stadi vuoti.