Home»Digital Life»Chi è Rudolph Ingram, il bimbo più veloce del mondo

Chi è Rudolph Ingram, il bimbo più veloce del mondo

È il nuovo Usain Bolt, stella nascente dell'atletica: a soli sette anni corre i 100 metri in 13"48.

3
Condivisioni
Pinterest Google+

Mio padre mi ha detto che bisogna vincere mentalmente per poi farlo fisicamente. Sono il numero #1 ancora prima dell’inizio della gara.

Queste le parole in un post di Rudolph Ingram, il bambino prodigio di Tampa che ha solo sette anni ma già corre veloce come il vento. Uno spettacolo vederlo polverizzare tutti i suoi avversari su quel percorso rettilineo, che lascia increduli e fa subito pensare ad un brillante futuro da atleta professionista. Con i suoi 100 metri piani in soli 13’’48, Rudolph sembra essere l’erede di Usain Bolt. Infatti, è assurdo pensare che, in una gara ipotetica fra il piccolo Ingram e Bolt, il velocista giamaicano vincerebbe con soli 40 metri di differenza. Impressionante se si pensa che il primo è poco più alto delle gambe di Bolt, ma riesce comunque a mantenere una falcata da vero professionista.

Veloce come un fulmine

Una foto di Rudolph Ingram, rubata in corsa.

Questa sua performace nelle gare under 14 di atletica, ripresa in un video condiviso su Instagram, è la prestazione più veloce nella storia dello sport preadolescenziale. Ha sicuramente ereditato il gene della velocità, per lui questa è una dote naturale, ma è sicuramente accompagnata dal forte sostegno familiare. Suo padre in particolare, nonché suo coach, sta letteralmente plasmando il figlio come un vero campione. È Rudolph Senior Ingram a creare un profilo Instagram che mostra le imprese del piccolo atleta e dimostra il forte orgoglio nel vederlo correre su quelle piste rosse da running. Incredibilmente Ingram brucia le tappe anche sui social: al momento più di 350 mila follower sul suo profilo @blaze_813.

Leggi anche: Aveva 25 anni, cinque più di me. Io sono vivo, lui è morto. 

Promettente atleta, studente diligente

Tutti lo chiamano”Blake”.

Rudolph attira l’attenzione di tutti grazie alla rapidità dei suoi passi, ma le sue capacità non si fermano qui. Sappiamo, infatti, che il soprannome con cui lo chiamano tutti, ossia Blake, è legato al suo amore per il football americano, sport che pratica parallelamente alla corsa. Ha detto il piccolo:

Lavoro duramente per dare il massimo per i miei compagni di squadra. Voglio mostrare loro che dobbiamo dare tutto ciò che abbiamo. Se non sanno come fare qualcosa, mostro loro come farlo.

Inoltre, non solo parliamo di una promettente stella del mondo dell’atletica, ma anche di uno che se la cava bene tra i banchi di scuola. Ha spiegato il padre del bambino:

Non solo è un mago in pista, ma sta anche facendo bene a scuola con ottimi voti in scienze, introduzione ai computer, musica, lingue ed educazione fisica.

Insomma, date le premesse, credo che il mondo dello sport sentirà ancora parlare di lui in futuro.

di Federica Tuseo

Articolo Precedente

“Fate come l’Umbria: veterinario gratis per chi adotta”

Articolo Successivo

Bitcoin, milioni di dollari in fumo per una password smarrita

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *