martedì, Aprile 20, 2021

Roma, Raggi annuncia 150km di nuove piste ciclabili

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Per favorire la mobilità sostenibile nella fase di ripresa delle attività post Covid, nelle scorse settimane la sindaca della Capitale, Virginia Raggi, ha annunciato la realizzazione di 150km di piste ciclabili. Vista la ridotta capacità di utenza dei mezzi pubblici imposta dal distanziamento sociale, e più in generale, la necessità di abbattere il traffico nelle grandi città, Roma investe sul potenziamento di nuove piste agili. Il Dipartimento Mobilità ha stanziato i primi 500mila euro e i lavori, in zona Eur, sono già iniziati. Ma con la delibera approvata lo scorso 30 aprile dalla giunta, dei 44 interventi proposti, per il momento ne verranno coperti solo 6. I soldi basteranno per la ‘realizzazione immediata’ dei primi 24,5 km, mentre i restanti 2,5 milioni necessari al completamento dell’opera saranno inseriti nel piano di Bilancio. Ha detto la prima cittadina ai microfoni di Radio Cusano Campus:

Dobbiamo scoraggiare il traffico privato perché, con il trasporto pubblico che dovrà limitare le presenze, rischiamo di essere invasi dalle auto. Stiamo realizzando corsie ciclabili, stiamo pensando di dedicare le controlaterali delle grandi strade alla ciclabilità. Vogliamo incentivare la mobilità dolce anche incentivando l’acquisto di bici elettriche.

Rete di Mobilità di Emergenza: un progetto sostenibile

La sindaca Raggi ha annunciato che il Campidoglio si sta impegnando sul fronte della mobilità sostenibile. Sono stanziati fondi per incentivare gli spostamenti in bicicletta e monopattino. E la Commissione Capitolina Mobilità, nel corso di una seduta in videoconferenza, ha di fatto accolto la proposta delle associazioni del settore per realizzare una Rete di Mobilità di Emergenza. Valerio Montieri, Matteo Dondé e Paolo Gandolfi sono gli architetti esperti di mobilità chiamati dall’associazione Bikenomist per partecipare alla realizzazione a basso costo di questa Rete. In linea con la riorganizzazione del traffico di Milano in Fase 2, anche Roma investe per scongiurare il ‘traffico motorizzato di ritorno’, per evitare cioè la congestione stradale in vista della ripresa totale delle attività. Leggi anche: Milano, più spazi all’aperto per combattere il Covid

Un’opera da 3 milioni di euro

La Commissione Mobilità ha già stanziato 500mila euro per avviare il progetto. Ma, come scritto nel documento che riporta il piano per le nuove ciclabili, il costo complessivo dell’opera è di 3.166.000 euro più Iva. La realizzazione dei nuovi tracciati, si legge nel documento:

È subordinata allo stanziamento di adeguate risorse economiche in Bilancio per la copertura dei costi previsti e, laddove necessario, secondo la natura degli interventi, all’inserimento nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche e ulteriori strumenti di programmazione.

Al momento l’elenco delle opere immediatamente cantierizzabili, riportate da Agi sono: l’estensione di 4,2 km del Corridoio Tuscolano, attualmente di 2,3 km. La ciclabile piazza Cina-Torrino-Eur di 3,8 km, il primo cantiere già avviato. Il corridoio di 5 km da piazza Giureconsulti a Porta Cavalleggeri. L’estensione di 4,4 km del corridoio Nomentano, quello di 2,7 km del percorso Laurentino-Tor Pagnotta e la creazione di 4,4 km ai Colli Portuensi. Leggi anche: Mobilità green: bonus 500 euro per l’acquisto di biciclette e monopattini di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie