giovedì, Dicembre 2, 2021

Pensioni, c’è l’accordo: ok a Quota 102 nel 2022. Tagliato il Rdc, M5S: “Valuteremo”

Oggi la legge di bilancio arriva in Cdm: ieri in cabina di regia è stato raggiunto l'accordo. Nel 2022 entrerà in vigore Quota 102, mentre la riforma organica delle pensioni slitta al 2023. Decurtato il Rdc, i 5Stelle: "Valuteremo".

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Quota 102 nel 2022: c’è l’accordo. Oggi la legge di bilancio, la prima post-pandemia, arriva in Cdm. Il Premier Mario Draghi e il ministro del Mef Daniele Franco hanno confermato l’entità della manovra: si tratta di 23,4 miliardi. Dopo i malumori di Lega e sindacati, con questi ultimi che hanno minacciato scioperi e proteste, ieri in cabina di regia sul tema pensioni Draghi ha optato per la mediazione: lo hanno confermato all’Adnkronos fonti di governo.

Nello specifico, il 2022 sarà l’anno di Quota 102: si uscirà da lavoro a 64 anni con almeno 38 di contributi. La misura coprirà una platea di circa 50mila persone. Inoltre verrà istituito un fondo ad hoc di 500 milioni di euro per traghettare i lavoratori delle PMI penalizzati dai nuovi requisiti all’uscita anticipata con le regole di Quota 100. Non solo: si cercherà di rendere strutturali i canali di pensionamento anticipato come l’Ape sociale (con l’allargamento delle mansioni gravose) e Opzione Donna, su cui il Pd ha insistito molto. Poi, da gennaio 2023, l’esecutivo penserà alla riforma organica del sistema pensionistico, aprendo un dialogo con le parti sociali per rivedere la Legge Fornero e garantire maggiore flessibilità.

Pensioni, c’è l’accordo su Quota 102 nel 2022: la riforma slitta al 2023

Alla fine l’accordo è stato raggiunto: la legge di bilancio che verrà varata oggi dal Cdm ha spento i fuochi di protesta di Lega e sindacati, che si erano opposti fermamente all’ipotesi di Quote “a scalini” che nel 2024 avrebbero condotto direttamente al ritorno della Legge Fornero. Il dialogo è stato rimandato e ci sarà più tempo per raggiungere un compromesso. Allo stesso tempo Quota 102, la soluzione temporanea individuata per il 2022, sarà in grado di garantire il raggiungimento di un “equilibrio attuariale”, ovvero una garanzia di maggiore sostenibilità del sistema pensionistico.

La Lega ha espresso entusiasmo per la soluzione raggiunta con l’esecutivo. “Nessun ritorno alla Fornero con Quota 102, in più ci sarà un fondo di 500 milioni per accompagnare alcune categorie all’uscita anticipata dal mondo del lavoro con le regole di Quota 100”, ha fatto sapere il Carroccio. Le richieste dei sindacati, ovvero possibilità di uscita da lavoro a 62 anni o con 41 di contributi a prescindere dall’età, non sono state accolte. Il Governo, però, tenterà di convincere Cgil, Cisl e Uil rimandando il dibattito sulla riforma organica al 2023.

Manovra 2021, Rdc tagliato dopo 4-6 mesi e revocato al 2°rifiuto di una proposta di lavoro

Manovra 2021, Rdc tagliato dopo 4-6 mesi e revocato al 2°rifiuto di una proposta di lavoro
Stefano Patuanelli (M5S)

Non solo Quota 102: ieri in cabina di regia si è parlato anche di Reddito di cittadinanza. La stretta sulla misura bandiera del M5S era arrivata già all’interno del Documento programmatico di bilancio: il Rdc è stato sì finanziato con 8,8 miliardi di euro, ma era stata messa a punto pure una nuova strategia anti-furbetti fatta di controlli ex ante anziché ex post, per scongiurare il pericolo di truffe. Ieri, l’altra novità: una sforbiciata sull’assegno. L’importo erogato, infatti, si ridurrà dopo 4-6 mesi, ma solo per gli occupabili, che sono circa 1/3 dei beneficiari (sono esclusi quindi disabili, anziani, minori).

Confermata anche la revoca dell’assegno al secondo rifiuto di una proposta di lavoro, mentre prima scattava al terzo. I correttivi elaborati dall’esecutivo hanno fatto agitare le acque del M5S: “il partito si riserva di valutare” ha detto Stefano Patuanelli, capodelegazione dei 5Stelle. Che nel frattempo possono dirsi soddisfatti per la proroga del Superbonus 110% per le villette, anche se solo fino a giugno 2022.

Leggi anche: Manovra 2022, 8 mld per taglio delle tasse. Come cambiano pensioni, Rdc, bollette: le novità

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie