lunedì, Agosto 8, 2022

Quarta dose di vaccino, il CEO di Pfizer, Albert Bourla: “Potrebbe non servire”

L'amministratore delegato di Pfizer, anche se l'azienda ha appena dichiarato un nuovo vaccino contro Omicron a marzo , si è detto non è sicuro della necessità di una quarta dose di vaccino contro il Covid.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Quarta dose di vaccino si o quarta dose di vaccino no? Mentre tutta Europa è alle prese con i booster del vaccino, molti si interrogano se ci si dovrà sottoporre a un’ulteriore inoculazione del vaccino anti Covid.

Sull’ipotesi di una quarta dose di vaccino è intervenuto l’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, che nella giornata di ieri ha dichiarato di non essere sicuro della necessità di una quarta dose di vaccino contro il Covid, dichiarazioni che hanno fatto seguito a quelle delle ultime ore in cui la casa farmaceutica ha annunciato che un vaccino contro la variante altamente contagiosa di Omicron sarà pronto a marzo.

Quarta dose di vaccino: ne avremo davvero bisogno?

Quarta dose di vaccino: ne avremo davvero bisogno?

I commenti di Albert Bourla sono decisamente in contrasto con quelli fatti recentemente dal CEO di Moderna, Stephen Bancel, che ha affermato la scorsa settimana che le persone potrebbero aver bisogno di un’altra dose nell’autunno del 2022 poiché l’efficacia dei booster potrebbe diminuire nei prossimi mesi.

Un enorme picco di casi di causato da Omicron ha costretto molte nazioni a guardare a un’altra dose di richiamo, ma i primi segnali suggeriscono che ripetere la vaccinazione potrebbe essere una richiesta difficile poiché significherebbe dire alle popolazioni che ci prepareremo a entrare nel terzo anno di pandemia.

Un’eventualità tra l’altro estremamente concreta per adesso.

“Non so se c’è bisogno di un quarto booster, è qualcosa che deve essere testato”, ha detto Bourla alla CNBC, prima della presentazione di Pfizer alla conferenza sanitaria di JP Morgan.

“Comunque abbiamo un lavoro è in corso su una nuova versione del vaccino che sarebbe efficace contro Omicron e altre varianti” – ha poi aggiunto.

La casa farmaceutica statunitense lunedì annunciato tre accordi per ampliare l’uso della tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA) su cui si basava il vaccino Pfizer, incluso un patto del valore di 1,35 miliardi di dollari con lo specialista di editing genetico Beam Therapeutics.

Pfizer ha cercato di far progredire lo sviluppo di vaccini e terapie a base di mRNA dopo aver guidato gli sforzi globali per sviluppare un vaccino Covid contro la pandemia.

L’azienda collaborerà anche con Codex DNA Inc per sfruttare la tecnologia proprietaria della biotecnologia RNA, che potrebbe consentire uno sviluppo più efficiente di vaccini, terapie e altri prodotti biofarmaceutici a base di mRNA.

Si occuperà di biotecnologie private legate al vaccino l’azienda Acuitas Therapeutics, con sede a Vancouver, che si concentrerà sull’uso della tecnologia delle nanoparticelle lipidiche per lo sviluppo di nuovi vaccini o terapie.

Leggi anche: Omicron piega l’America: più di 500mila casi al giorno e 123 mila ricoveri

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie