martedì, Maggio 11, 2021

Premio Strega 2021, un’edizione molto femminile con 7 finaliste contro 5 finalisti

Tra i finalisti del Premio Strega 2021 spiccano i nomi delle sette scrittrici che si contenderanno il riconoscimento con cinque scrittori.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Premio Strega 2021, 7 donne in lizza per la vittoria. La scena quest’anno è loro, è femminile come lo sono molte delle figure protagoniste dei libri più apprezzati.

Il Comitato direttivo ha scelto, con le scrittrici quest’anno competono soltanto cinque scrittori.

Premio Strega 2021: la 75esima edizione è all’insegna della rinascita

Premio Strega 2021: la 75esima edizione è all'insegna della rinascita.

Tra i 62 libri proposti dagli Amici della Domenica, in una videoconferenza in cui erano presenti fra gli altri la presidente del Comitato direttivo Melania Mazzucco, il presidente e il direttore della Fondazione Bellonci, Giovanni Solimine e Stefano Petrocchi, sono stati indicati i 12 titoli che si contenderanno il premio 2021.

Il Premio Strega viene assegnato ogni anno all’autore di un libro pubblicato in Italia tra il 1º marzo dell’anno precedente e il 28 febbraio dell’anno in corso. Il vincitore verrà annunciato giovedì 8 luglio 2021 e, anche se persino quest’anno fare i conti con la pandemia sarà inevitabile, l’edizione 2021 di quello che è uno dei più importanti riconoscimenti letterari del nostro stivale non sarà meno speciale.

Anzi, al suo settantacinquesimo anno di celebrazione ci si ritrova più che mai con quello stesso spirito che sancito la nascita del concorso: voglia di rinascita, “il desiderio di far riprendere anche attraverso la cultura, la letteratura, questo Paese”, come sottolinea ad ANSA lo stesso presidente Solimine.

Lorenzo Mattotti che si è occupato della raffigurazione che accompagna il premio ha immaginato “una danza selvaggia, un rituale augurale, un sabba moderno fatto da Streghe contemporanee che si battono per i loro diritti e per la loro condizione. Un manifesto dinamico e colorato che vuol celebrare con una ventata d’aria fresca i 75 anni del Premio Strega”.

Voglia di rivalsa, conquista e affermazione, voglia di alzarsi e riemergere anche dopo un difficile anno di costrizioni e sofferenza.

Leggi anche: Edith Bruck sul valore della memoria: “Dopo di noi non faranno altro che cancellare”

Premio Strega 2021: nella dozzina dominano le donne

A proposito del Premio Strega 2021 e in relazione a quel dominio della figura femminile che emerge non solo analizzando la dozzina finalista, ma che è forte considerando soprattutto le tematiche e i protagonisti dei vari testi, Melania Mazzucco racconta:

Fra i sessantadue titoli proposti abbiamo notato il ricorrere della distopia e dell’autobiografia. Le autrici e gli autori prescelti rappresentano più generazioni, con un’escursione anagrafica agli estremi di ben sessantatré anni.  

I titoli selezionati nel 2021 raccontano per la maggior parte storie legate al vissuto personale dell’autrice o dell’autore.

E spiega:

Sono storie di famiglie, dominano le figure delle madri – spesso anaffettive, furiosamente antagoniste – e delle sorelle, mentre i padri sono quasi assenti, sgraditi, superflui o silenziati.

Sono storie di bambine senza infanzia, adolescenti solitarie o emarginate.

E aggiunge:

La maggior parte delle autrici e degli autori sono nati negli anni Sessanta, Settanta e Ottanta. il sentimento dell’esclusione sociale e del rancore incendia alcuni di questi libri.Sono storie di testimonianza, di vita vissuta o prossima.

Sono storie domestiche, nelle quali la casa – abitata, posseduta, perduta, occupata, infestata di oggetti – diventa personaggio.

Nell’anno del confinamento nelle mura domestiche o nelle mura metaforiche dei nostri confini nazionali, è certo una coincidenza non casuale.

Donne le penne e donne molte delle figure principali chiamate a coinvolgere e appassionare i lettori, un universo a cui inevitabilmente si lega la casa, un ambiente capaci di animarsi e diventare quasi vivo, un luogo che mai come quest’anno abbiamo vissuto e imparato a conoscere.

Premio Strega 2021: le finaliste e i finalisti

Premio Strega 2021: le finaliste e i finalisti.

A decidere i vincitori sarà una giuria votante composta da 660 personalità selezionate per l’arduo compito: agli Amici della domenica si aggiungeranno i voti di studiosi, traduttori e appassionati della nostra lingua e letteratura selezionati dagli Istituti italiani di cultura all’estero. Ma non solo, chiamati a giudicare ci saranno anche lettori forti scelti da librerie indipendenti distribuite in tutta Italia, voti collettivi di scuole, università e gruppi di lettura, tra i quali i circoli istituiti dalle Biblioteche di Roma.

Nella dozzina finalista del Premio Strega 2021 figurano:

  • Sembrava bellezza, Teresa Ciabatti (Mondadori)
  • Borgo Sud, Donatella Di Pietrantonio (Einaudi)
  • Il pane perduto, Edith Bruck (La nave di Teseo)
  • Due vite, Emanuele Trevi (Neri Pozza)
  • Il libro delle case, Andrea Bajani (Feltrinelli)
  • L’acqua del lago non è mai dolce, Giulia Caminito (Bompiani)
  • Splendi come vita, Maria Grazia Calandrone (Ponte delle Grazie)
  • Cara pace, Lisa Ginzburg (Ponte delle Grazie)
  • Le ripetizioni, Giulio Mozzi (Marsilio)
  • L’anno che a Roma fu due volte Natale, Roberto Venturini (SEM)
  • La casa delle madri, Daniele Petruccioli (TerraRossa)
  • Adorazione, Alice Urciuolo (66thand2nd)

    Chi si aggiudicherà il premio di €5,000 quest’anno?

Per quanto riguarda invece il Premio Strega Giovani 2021, i libri, che passano con l’esclusione di Mozzi da 12 a 11, saranno letti e votati da una giuria composta da 600 studenti provenienti da scuole secondarie superiori in Italia e all’estero.

Leggi anche: In arrivo l’ultimo romanzo di Ken Follett sulla (possibile) Terza Guerra Mondiale: “È il mio libro più bello”

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie