Plastica biodegradabile che si dissolve in acqua, la rivoluzione di Sharon Barak

L'ultima innovazione della scienza verso un'economia sempre più verde è la plastica biodegradabile: non inquina. Si dissolve in acqua in pochissimi secondi e resta così pulita da poter esser perfino bevuta.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.
spot_img

Plastica biodegradabile, arriva da Israele l’ultimo progresso della scienza che spalanca le porte verso uno sviluppo sempre più sostenibile. Il materiale ecologico è completamente eco-friendly. La biochimica Sharon Barak e la sua start-up Solutum la stanno presentando al mondo.

Plastica biodegradabile: ecco di cosa si tratta

Plastica biodegradabile
La plastica biodegradabile si dissolve in acqua in tempi brevissimi e, addirittura, resta talmente pulita da poter esser bevuta.

Non sembrerebbe che plastica trasparente e flessibile, ma il materiale creato dalla biochimica israeliana ha qualcosa di veramente straordinario: è ecologico. Mentre la nostra plastica impiega quasi 100 anni per essere smaltita, la “plastica” di Sharon Barak si scioglie nell’acqua in un tempo brevissimo, lasciandola, addirittura, talmente pulita da poter esser bevuta.

Siamo di fronte a una scoperta che potrebbe davvero rivoluzionare non solo l’industria, ma, soprattutto, il nostro futuro e quello del nostro pianeta. È proprio quest’ultimo che, quanto mai minacciato dal surriscaldamento globale, non aspettava altro che una notizia come questa: dopo anni ricerca e studio per ridurre l’impatto ambientale sembra che, finalmente, stiamo per sostituire la nostra ultracentenaria plastica, inquinante e difficile da digerire per il nostro ecosistema.

Leggi anche: Plastica, i traffici illeciti dell’Italia. Ecco dove finiscono i nostri rifiuti

Sharon Barak, la scienziata della plastica biodegradabile

plastica biodegradabile
Sharon Barak, ingegnere chimico israeliano e fondatrice della start up Solutum.

Sharon Barak è un’ingegnere chimico israeliano e fondatrice di Solutum. La Solutum è una giovane start-up innovativa impegnata nella lotta contro l’inquinamento causato soprattutto dalla plastica, un problema cui cerchiamo una soluzione ormai da decenni.

Oggi, proprio grazie a questa scienziata e ai suoi collaboratori, la svolta sembra non solo vicina, ma soprattutto economica e verde. Con la speranza che il composto individuato possa davvero essere utilizzato completamente e prontamente al posto della nostra ‘cara’ plastica, un ringraziamento oggi va al team di Solutum e alla scienza che, quando a servizio del benessere dell’uomo e del nostro fragile ecosistema, è ancora capace di progredire e offrire, se non soluzioni, buone prospettive per il futuro.


Leggi anche: Mascherine e guanti in mare: “40 mila kg di plastica in natura, è allarme ambientale”

spot_img

Correlati

Oniverse apre un Digital hub a Napoli e punta sui giovani: “Assumiamo 100 laureati”

Oniverse, ex Gruppo Calzedonia, sta scommettendo sempre di più sui giovani amanti del mondo...

Elon Musk ha impiantato un chip per la prima volta nel cervello umano: come funziona?

La società di impianti cerebrali con a capo Elon Musk, Neuralink, ha oggi impiantato...

Digi.Bio ha ideato una macchinetta simile a quella del caffè per monitorare la terapia contro il cancro

Esiste un dispositivo medico che funziona come una macchina del caffè in grado di...
Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.
spot_img