domenica, Gennaio 29, 2023

Il piccolo Ryan è sveglio: “Riesce a contare in greco e potrebbe raccontare quanto accaduto”

A far ben sperare, non è solo l'annuncio di ieri del Gaslini, ma pure le dichiarazioni che la madre del piccolo Ryan ha rilasciato all'avvocato.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Il piccolo Ryan, il bimbo di 6 anni di Ventimiglia arrivato all’ospedale Gaslini di Genova lo scorso 19 dicembre in condizioni gravissime, sta meglio. Ieri la direzione sanitaria dell’Istituto ha fatto sapere di averlo dimesso dalla terapia intensiva e che “le sue condizioni cliniche sono soddisfacenti e ha iniziato il suo percorso riabilitativo“.

Al momento, per quanto accaduto a Ryan, rimangono indagati dalla Procura la nonna e il compagno della donna. Stando alle prime ricostruzioni, sarebbe stato l’uomo a picchiare brutalmente il nipote acquisito, anche se lui ha sempre negato di aver alzato le mani sul bambino.

Nei giorni scorsi, la Procura di Imperia ha diffuso una nota in cui si legge che “gli accertamenti sinora effettuati in ordine alla produzione delle più gravi lesioni riportate dal minore e che ne hanno determinato il pericolo di vita, non paiono ricondurre a condotte volontarie di percorsse o maltrattamento“.

Tra le varie piste al vaglio della Procura c’è l’ipotesi che le ferite riportate da Ryan siano antecedenti al ricovero in ospedale. L’avvocato della madre del piccolo, Luca D’Auria, ha spiegato che “sembrerebbe sempre più avvalorarsi l’ipotesi che il bambino sia stato fatto cadere o si è gettato dall’auto in corsa“.

Migliorano le condizioni del piccolo Ryan: “Riesce a contare in greco”

Le condizioni del piccolo Ryan, dunque, sono in progressivo miglioramento. A far ben sperare non è solo l’annuncio di ieri del Gaslini, ma pure le dichiarazioni che la madre del piccolo ha fatto all’avvocato Luca D’Auria, che poi le ha rilasciate a Fanpage.

Nello specifico, la mamma ha fatto sapere di aver insegnato al figlio a contare in diverse lingue prima del dramma che l’ha coinvolto. E ha aggiunto che, al momento del risveglio dal coma, il piccolo Ryan non si è affatto dimenticato di quanto appreso, anzi: il bambino ha ricordato i numeri greci e ha cominciato a contare in greco.

Un’evidenza, questa, che è particolarmente importante perché suggerisce che Ryan potrebbe ricordare almeno qualcosa di ciò che gli è successo, il che potrebbe aiutare molto gli inquirenti nel lavoro di ricostruzione dei fatti e di accertamento delle responsabilità.

Il piccolo Ryan e il rischio di suggestionabilità interrogativa

Ovviamente i ricordi del piccolo Ryan potrebbero non essere del tutto veritieri: si tratta di un “teste vittima”, ma pure di un “teste vulnerabile” data l’età e le condizioni fisiche e psichiche. Anche per questo verranno nominati consulenti e periti esperti che avranno il compito di assicurarsi che il racconto del bambino non sia influenzato da razionalizzazioni compiute in modo inconscio per colamare lacune o vuoti di memoria dovuti al pesante trauma subito.

Il rischio di incappare nel fenomeno della suggestionabilità interrogativa, insomma, è dietro l’angolo. Anche perché Ryan è molto piccolo e alla sua età i centri cerebrali responsabili delle principali funzioni cognitive non hanno raggiunto piena maturazione, il che significa che la memoria potrebbe essere facilmente soggetta a distorsioni. Distorsioni che potrebbero arrivare anche da fonti terze, come ad esempio da coloro che avranno il compito di interrogare il minore, che dovranno evitare a tutti i costi le cosiddette “domande suggestive“.

Leggi anche: Pertini, la compagna di stanza della mamma: “Ho dato io l’allarme, non l’infermiera”

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie