Perché Re Carlo non abdicherà in favore del figlio William nonostante la malattia?

I biografi sono convinti che Re Carlo III d'Inghilterra non abdicherà, nonostante la malattia: quali sono i motivi di questa scelta?

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

Le condizioni di salute di Re Carlo continuano a migliorare. La Royal Family rimane molto riservata, ma buone notizie arrivano dal biografo del sovrano, Robert Hardman, che a “Repubblica” ha rivelato: “Non sappiamo dettagli del suo tumore. Ha 75 anni e pare sulla buona strada. Mi dicono che stia migliorando, decisamente. Nessuno al palazzo si sta preparando al peggio né per quest’anno, né per l’anno prossimo. Non c’è una vera cura per il cancro, ma al momento mi dicono che si sia fermato”.

Nonostante l’annus horribilis, ― sia per via della malattia del monarca inglese sia per quella della Principessa Kate ― il 1997 è stato quello peggiore per Buckingham Palace: “Chi lo ha vissuto, sa che il 1997, quando è morta Diana, è stato peggiore. La monarchia britannica non è mai stata in discussione come allora”.

Inoltre, secondo Hardman, Re Carlo non abdicherà al trono: Non credo che questo possa succedere, anche perché William non vuole salire sul trono così“. E, se le condizioni di salute dovessero peggiorare, il sovrano inglese può delegare i suoi obblighi reali ad altre personalità vicine alla Royal Family: “Carlo può comunque continuare a lavorare durante la malattia, come ha fatto sua madre. E poi, anche in casi estremi, ci sono altre soluzioni temporanee come i cosiddetti ‘consiglieri di Stato'”.

Perché Re Carlo non abdicherà?

Nonostante la malattia, secondo il biografo Robert Hardman, Re Carlo non rinuncerà al trono. Si è mostrato dello stesso parere anche il giornalista Vittorio Sabadin, esperto della Royal Family, che all'”Adnkronos” ha dichiarato: “Carlo III nonostante l’età, nonostante la malattia, non abdicherà. Fare il Re all’interno della famiglia reale inglese è visto come un vero e proprio dovere. Carlo III ha straordinari esempi nella sua famiglia, Giorgio V, Giorgio VI, la madre, la regina Elisabetta II”.

Perché Re Carlo rimarrà al trono? Ha spiegato Vittorio Sabadin: “Quello di Edoardo VIII ― che per sposare Wallis Sampson, americana divorziata, è stato costretto a rinunciare al suo ruolo di Re ― fu per il Paese un vero choc, fu considerato un tradimento. Chi abdica dà l’impressione di essere un disertore“.

Quale sarà il futuro della Royal Family?

Re Carlo auspica a una ‘monarchia snella’, in cui solo pochi membri della Royal Family possono svolgere dei compiti al posto del sovrano e in sua rappresentanza. Ecco cosa ha sostenuto a proposito Sabatin:

Queste sono state le intenzioni, all’inizio, di Re Carlo, ma purtroppo lo scandalo del principe Andrea prima, l’uscita di Harry e Meghan, e ora la malattia della principessa Kate, hanno drammaticamente cambiato le carte in tavola.

La Royal Family si è ridotta e non può far fronte a tutti gli impegni.

Il futuro della monarchia è nelle mani di Carlo III e del principe William, dei 13 ‘royals’ in attività 9 hanno più di 70 anni.

L’Inghilterra ama i Windsor e la monarchia.

L’assenza di Kate, che vuole privacy sia per sé sia per i figli, “si sente” ed Harry, il Duca di Sussex ― ha dichiarato ancora Vittorio Sabatin ― “è sempre venuto da solo in Gran Bretagna, la sua popolarità è in forte ribasso, anche negli Stati Uniti. I Windsor, al momento, non si fidano più di lui”.

Leggi anche: Re Carlo riprende gli impegni pubblici dopo 3 mesi: oggi la visita a un centro oncologico

spot_img

Correlati

Kate Middleton, la salute che migliora, le parole di William e le ultime notizie da Palazzo

Come sta Kate Middleton? Qualche giorno fa il "Daily Mail" ha reso noto che...

Arriva il nuovo anticiclone africano Scipione: “Temperature fino a 40 gradi”

Sta per arrivare in tutta Italia il primo anticiclone africano soprannominato Scipione. A dirlo...

Non faremo più la fila grazie al decreto liste d’attesa: cos’è e come funziona

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge e il disegno di legge...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img