Patrick Zaki è stato graziato dal presidente egiziano Al Sisi: “Non dovrà tornare in carcere”

L'Egitto ha graziato Patrick Zaki. Lo ha deciso il presidente Abdel Fattah al Sisi dopo che ieri lo studente dell'università di Bologna era stato condannato a tre anni di carcere.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.
spot_img

È da poco giunta la notizia della grazia da parte del presidente egiziano Al Sisi per Patrick Zaki. Solo ieri era stato condannato, dai giudici del Tribunale egiziano di Mansura, a tre anni di carcere in Egitto, con l’accusa di diffusione di notizie false, a causa di un articolo scritto nel 2019 su un attentato dell’Isis e due casi di discriminazione ai danni dei copti, cristiani d’Egitto.

Oggi però finalmente arriva la lieta notizia, che tutti auspicavamo. In primis lo stesso Zaki, la sua famiglia e la fidanzata, con la quale dovrebbe convolare a notte il prossimo settembre. Oggi è un giorno felice” ha dichiarato Riccardo Noury, come riportato da sky tg24. Il portavoce di Amnesty International Italia si augura che per Zaki venga abolito anche “il divieto di viaggio, nel caso non fosse già previsto dal decreto di grazia.

L’odissea senza fine di Patrick Zaki: dall’arresto alla grazia

Patrick Zaki_

Patrick Zaki, studente del master in studi di genere dell’Università di Bologna, è stato fermato in Egitto e portato in custodia nel febbraio 2020. Diverse le accuse che gli sono state mosse: terrorismo, gestione di un account social con intenzione di minare la sicurezza pubblica e istigazione alla violenza. In questi anni più volte gli è stata rinnovata la custodia cautelare e Zaki ha ricevuto la prima visita nel penitenziario dopo 5 mesi e mezzo di reclusione. Nel 2021 viene disposta la scarcerazione, dopo 22 mesi di custodia cautelare, ma non l’assoluzione dalle accuse di aver diffuso notizie false, e quindi senza la possibilità di poter viaggiare e tornare a Bologna.

In seguito, dopo una serie di rinvii si giunge alla condanna del 18 luglio 2023, all’11esima udienza, fino alla grazia di oggi da parte del presidente egiziano. Al Sisi per il suo gesto otterrà riconoscimento e prestigio, se non internazionale, sicuramente a livello europeo. Non è chiaro, inoltre, se il governo italiano abbia avuto un ruolo nella concessione della grazia da parte del presidente egiziano.

Patrick Zaki: la lettera della fidanzata

Solo ieri la fidanzata di Patrick Zaki, Reny Iskander, aveva spiegato su Facebook come lei e la famiglia del ricercatore fossero stati colti di sorpresa dalla notizia della condanna. Poi su Il Corriere della Sera aveva fatto recapitare una lettera a suo nome per il compagno:

Patrick amore mio, buon anniversario, oggi completiamo il nostro quarto anno insieme. Anni che sono passati con i loro alti e bassi, non so come. Anni di amore, calore e donazioni infinite. Sono molto eccitata per una vita piena con te con tutte le sue esperienze, difficoltà e facilità.

Il matrimonio si svolgerà in tempo e sarà più bello di quello che abbiamo sognato. Celebreremo il nostro amore, sfideremo il destino che è stato così ostinato con noi e vinceremo.

Io sono con te e tutto il mondo è dalla tua parte. I tuoi professori di master e dottorato ti inviano tutto il sostegno e l’amore, colleghi, compagni di classe, amici e persone care da tutto il mondo, specialmente in Piazza Maggiore sono al tuo fianco. State tranquilli e state bene, non siete soli. Ti amo, Reni.

Leggi anche: La fidanzata di Patrick Zaki dopo la condanna: “Dovevamo sposarci, ma insieme vinceremo”

spot_img

Correlati

Antitrust restituisce 122 milioni a 600mila consumatori: “Beneficenza e sponsorizzazione li penalizzano”

Nella giornata di ieri 17 aprile il presidente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del...

Stellantis, approvato il maxi stipendio del CEO Carlos Tavares: quanto guadagnerà al giorno

Il 70,2% degli azionisti di Stellantis, nata dalla fusione di PSA e Fiat-Chrysler, ha...

Zelensky dopo gli attacchi iraniani avanza una proposta agli alleati occidentali

Dopo l'attacco dell'Iran contro Israele, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avanzato una specifica...
Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.
spot_img