domenica, Giugno 20, 2021

Viaggi 2021, cresce l’ipotesi di un passaporto sanitario che certifichi la vaccinazione

Presto quella che era solo un'idea diventerà realtà. Per viaggiare sarà necessario avere un passaporto sanitario che certifichi negatività del tampone e soprattutto la vaccinazione effettuata.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

L’augurio di molti è che nel 2021 si possa tornare a viaggiare in sicurezza. Tra le ipotesi che coinvolgono compagnie aeree ma anche tutto il sistema alberghiero ci sarebbe il passaporto sanitario per certificare la salute dei passeggeri e viaggiatori.

L’idea è quella di creare un’applicazione che faciliterà le procedure di imbarco e fornisca le informazioni ai viaggiatori sulle restrizione applicate nei Paesi di destinazione e anche una lista dei laboratori dove poter fare i vaccini prima della partenza.

Inoltre il passaporto servirà per dimostrare se il viaggiatore ha effettuato o meno il vaccino, quando sarà disponibile per tutti.

Passaporto sanitario o Common Pass

passaporto sanitario_common pass
Passaporto sanitario: con la Common Pass sarà possibile in futuro viaggiare in sicurezza.

L’epidemia di Coronavirus ha intaccato diversi settori. Tra quelli più colpiti sicuramente il turismo e in particolare le compagnie aeree. Molte di queste stanno pensando a soluzioni per far sì che il settore si risollevi, come ad esempio l’istituire dei veri e propri voli “Covid free” con la possibilità del tampone rapido prima dell’imbarco.

L’ipotesi che da qualche mese si fa sempre più concreta è la realizzazione di un passaporto sanitario o “Common Pass”, ossia un pass digitale che certifichi la negatività del passeggero al Covid.

Il Common Pass genera un codice QR che può essere scansionato dal personale della compagnia aerea e dai funzionari alla frontiera. Il progetto di questa app è stato presentato al World Economic Forum insieme con la Commons Project Foundation, consapevole del fatto che, una volta concessa a tutti la possibilità di vaccinarsi, il Common Pass possa diventare un prerequisito per il viaggio.

Come riporta il New York Times, alcune compagnie aeree, come United Airlines e Cathay Pacific, hanno iniziato a sperimentare Common Pass già nel mese di ottobre. Tra i partner che hanno già aderito ci sono: Cathay Pacific, Lufthansa, Swiss Airlines, JetBlue, United Airlines, Virgin Atlantic e il governo di Aruba.

Sileri sul passaporto sanitario

Passaporto sanitario_Sileri
Il Viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ritiene che il passaporto sanitario possa diventare presto una realtà.

Sull’idea di un passaporto sanitario, che in futuro possa dimostrare l’avvenuta vaccinazione, si è espresso in positivo il Viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, il quale all’Adnkronos ha dichiarato:

È molto probabile che nel prossimo futuro per svolgere diversi tipi di attività sarà richiesto in qualche occasione di comprovare l’avvenuta somministrazione del vaccino.

Non è però un tema di competenza esclusivamente interna: istituzioni internazionali quali la Commissione Europea e l’Oms stanno valutando una proposta di certificato internazionale digitale.

Già ora, una volta effettuata, viene rilasciata una normale certificazione di avvenuta vaccinazione. Da questo documento al passaporto sanitario c’è ancora molta strada da fare, ma è senz’altro uno sviluppo possibile.

Zaia favorevole al passaporto sanitario

Passaporto sanitario_Zaia
Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, crede che i tempi siano maturi per un passaporto sanitario.

Il presidente veneto Luca Zaia, in un’intervista al Corriere della Sera, ribadisce la serietà della situazione in Veneto riguardo all’elevato numero di contagiati e si dice favorevole al vaccino. Inoltre è pronto a vaccinarsi quando arriverà il suo turno, facendo velatamente riferimento al Presidente della Campania, Vincenzo De Luca che si è da subito vaccinato, facendo esplodere la polemica.

Riguardo al passaporto sanitario ritiene che presto questo diventerà una realtà e dice:

Però credo che ormai i tempi siano maturi per un passaporto sanitario.

Le compagnie aeree hanno iniziato a dire che vogliono passeggeri con la garanzia del vaccino, ma presto cominceranno a chiederlo le strutture ricettive, gli spazi per congressi e via dicendo.

In Veneto, certamente, potremo provvedere rapidamente.

Le altre app per viaggiare sicuri

L’Associazione internazionale del trasporto aereo (IATA) aveva annunciato il proprio Travel Pass, un pass sanitario digitale. Si tratta in pratica di una app per consentire alle autorità di vedere (tramite codice Qr) tutte le informazioni sanitarie dei passeggeri, inclusi test Covid e vaccinazioni. L’associazione prevede il rilascio dell’app per l’inizio del primo trimestre del 2021.

Anche altre grandi aziende si stanno impegnando per realizzare app con le stesse funzioni. Anche IBM ha sviluppato la propria, chiamata Digital Health Pass, e dichiara che lascerà la possibilità agli utenti di decidere quali informazioni fornire alle autorità.

Il rispetto per la privacy è un elemento fondamentale di queste iniziative, precisano Common Pass, Ibm e la Linux Foundation, organizzazione che si occupa delle applicazioni tecnologiche per aiutare le autorità sanitarie a combattere il Covid-19.

Leggi anche: La favola di Zanzibar che ha sconfitto il Covid dopo tre giorni di digiuno e preghiere

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie