giovedì, Dicembre 2, 2021

Parla la mamma di Matias: “L’ho trovato pieno di sangue sul letto”. Ricoverata sotto shock in ospedale

Cura di Vetralla, parla la mamma del piccolo Matias, ucciso a 10 anni dal padre: "L'ho trovato sul letto pieno di sangue". Il dolore della comunità. La donna, profondamente sotto shock, è stata ricoverata in ospedale.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Padre uccide il figlio di 10 anni con una coltellata alla gola a casa dell’ex moglie, nonostante il divieto di avvicinamento a lei e al bambino che lo interessava da settembre. Questa è la terribile accusa mossa a Mirko Tomkow, ex gommista polacco di 44 anni, ora arrestato con l’accusa di omicidio volontario. Il delitto si è consumato a Cura di Vetralla, mentre Matias, 10 anni, era solo in casa e la mamma era a lavoro. Prelevato dalla scuola materna dallo zio, sarà proprio il piccolo a chiedere di tornare nella sua abitazione per “mangiare le cose preparate dalla mamma”. Qui, poi, troverà la morte.

La scoperta è avvenuta alle 15.30 di ieri, quando mamma Marjola è tornata da lavoro e ha trovato il figlio in una pozza di sangue, privo di sensi. Adesso la donna è ricoverata in stato di shock all’ospedale Belcolle di Viterbo. Il presunto assassino è attualmente in stato di incoscienza, ma tra pochi giorni dovrebbe essere in grado di comparire di fronte al gip per affrontare l’udienza di convalida del fermo. Domani verrà effettuata l’autopsia sul corpo di Matias.

Padre uccide il figlio di 10 anni, parla la mamma: “L’ho trovato pieno di sangue sul letto”. La donna è in ospedale sotto shock

Padre uccide il figlio di 10 anni, parla la mamma: "L'ho trovato pieno di sangue sul letto". La donna è in Ospedale sotto shock

Padre uccide il figlio di 10 anni. Nei pressi dell’abitazione del bimbo è comparso poche ora fa uno striscione: “Piccolo angioletto sarai sempre nei nostri cuori”, questa è la dedica della comunità. Nella scuola frequentata da Matias oggi i compagni hanno osservato un minuto di silenzio in sua memoria: “Abbiamo tentato di spiegare ai bambini che il cervello può andare in tilt, lo abbiamo spiegato con la loro naturalezza. Dobbiamo però capire che certe cose potrebbero anche non succedere”, ha fatto sapere una delle maestre. Il silenzio è stato osservato anche nei negozi e nelle attività commerciali, come richiesto dall’amministrazione comunale.

Nelle settimane precedenti all’omicidio, Marjola era stata contattata più volte dai Carabinieri: dopo le denunce per maltrattamenti e il divieto di avvicinamento per l’ex marito, le forze dell’ordine volevano assicurarsi che tutto procedesse bene. La risposta della donna a quelle chiamate era sempre la stessa: “Va tutto bene”. Almeno fino a ieri, quando il suo incubo peggiore si è trasformato in realtà.

“Lui era sul letto con sangue addosso…sono senza parole, non avrei mai pensato nulla di simile” queste sono le poche parole pronunciate da Marjola dopo l’omicidio. La donna, sotto shock, è ricoverata all’ospedale di Viterbo: non parla, non reagisce. È stata sempre lei a trovare l’ex marito nell’altra stanza privo di conoscenza. L’uomo era stato ricoverato in una clinica a causa del Covid e, appena negativizzato, era stato lasciato libero dopo 21 giorni di isolamento.

Leggi anche: Vetralla, padre uccide il figlio di 10 anni con una coltellata alla gola: aveva il divieto di avvicinamento

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie