Il compagno della donna che si è addormentata mentre allattava: “L’hanno lasciata sola sfinita”

Non si dà pace il padre del neonato scomparso a soli tre giorni probabilmente "schiacciato" dal corpo della madre. Ecco la denuncia dell'uomo.

Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img

Non si dà pace il padre del neonato schiacciato (e ucciso) a soli tre giorni probabilmente dal corpo della madre che, mentre lo allattava, si è addormentata di colpo a causa della stanchezza post-parto. Il dramma, che ha sconvolto l’Italia, si è consumato la notte tra il 7 e l’8 gennaio all’ospedale Pertini di Roma e adesso la Procura ha aperto un’inchiesta.

A chiarire le cause della morte del piccolo sarà l’autopsia, che è già stata disposta dagli inquirenti. Nel frattempo, il padre del neonato, un 36enne libero professionista abruzzese, in un’intervista per Il Messaggero ha raccontato di tutte le anomalie che si sarebbero susseguite in ospedale nelle 48 ore successive al parto. Ecco cosa ha detto l’uomo.

Neonato schiacciato al Pertini, il padre: “La mia compagna lasciata sola dopo 17 ore di travaglio”

Stando al racconto del padre del neonato schiacciato, la compagna, una donna di 29 anni, aveva chiesto agli infermieri di portare per qualche ora il figlio al nido in modo da permetterle di poter riposare dopo 17 ore di travaglio. L’uomo ha dichiarato:

Era sfinita da 17 ore di travaglio, dopo il parto le hanno subito portato il piccolo a letto, in reparto, per l’allattamento e hanno anche preteso che fosse lei a cambiarle il pannolino.

Ha chiesto più volte che nostro figlio fosse portato al nido per poter riposare qualche ora, ma il personale dell’ospedale ha sempre detto di no. È crollata, quando ha riaperto gli occhi nostro figlio non c’era più, lo avevano già portato via.

Il padre del neonato schiacciato al Pertini ha poi raccontato di essere riuscito a prendere in braccio il figlio solo due volte: “La prima quando è nato, il 5 gennaio, poi solo per un’oretta, il pomeriggio del 7 gennaio. Ero l’uomo più felice del mondo, poi è arrivato l’inferno”. Un inferno che il 36enne ha vissuto a distanza e che è divenuto realtà quando l’uomo è stato raggiunto dalla telefonata della fidanzata: “È stata la mia compagna a chiamarmi, mi ha detto di correre lì, ma mio figlio non c’era già più”.

Neonato schiacciato al Pertini: “Hanno lasciato il bambino accanto alla mia compagna ininterrottamente”

Neonato schiacciato al Pertini: a scegliere di partorire nell’ospedale romano era stata proprio la mamma del bambino. Il padre ha spiegato in merito: “La mia compagna è nata lì e lì voleva partorire. Ma gliel’hanno lasciato accanto ininterrottamente e con le norme Covid nessuno di noi ha potuto starle accanto. Da parte sua, il direttore sanitario del nosocomio Giuseppe Gambale ha fatto sapere di aver fornito agli inquirenti “tutto ciò che era a nostra disposizione per fare piena luce sull’accaduto”.

Ora la coppia, disperata, attende l’esito dell’esame autoptico per capire esattamente cosa sia accaduto al piccolo e, nel frattempo, si è affidata a un legale per avere giustizia e per far sì che drammi del genere non accadano più.

Il padre del piccolo ha concluso:”La cosa che non ci dà pace è che poteva accadere a chiunque, ed è successo a noi. Nulla ci potrà ridare il nostro bambino, ma non vogliamo che altri genitori vivano il nostro stesso incubo. Non è giusto che le donne siano lasciate sole nei reparti dopo il parto. Se ad altre mamme non è capitato, è solo perché sono state fortunate”.

Leggi anche: Clinica rifiuta ricovero: “È analfabeta, senza parenti e dimora”

spot_img

Correlati

La proposta di Pier Silvio a Fazio in Mediaset: sarà il nuovo Maurizio Costanzo?

"Noi siamo qui". Queste sono state le parole di Pier Silvio Berlusconi rivolte a...

Superbonus, il decreto diventa legge: cosa cambia, le novità e quali sono le agevolazioni

Il Decreto Superbonus è ora legge. Nella giornata di ieri, con 81 voti a...

Oh, my Job, torna la fiera con 57 aziende pronte ad assumere, come prepararsi al colloquio?

Sempre più vicina e prevista per il 29 febbraio la fiera ‘Oh, my job!',...
Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img