martedì, Maggio 11, 2021

Fiumicino, maresciallo della Finanza uccide la compagna, poi l’abbraccia e si toglie la vita

Ieri pomeriggio sono stati ritrovati i corpi senza vita di Maurizio Zannolfi, maresciallo della Finanza, e della compagna Barbara Castellani, nella casa della coppia all'Isola Sacra di Fiumicino.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

L’omicidio suicidio è avvenuto a Fiumicino. Maurizio Zannolfi, maresciallo della Guardia di Finanza di 57 anni, e la compagna Barbara Castellani, infermiera 42enne di Grottaferrata, sono stati trovati distesi a terra abbracciati, in una pozza di sangue.

Da una prima ricostruzione sembrerebbe che l’uomo abbia sparato alla compagna con la sua pistola d’ordinanza e poi si sia tolto la vita anche lui.

Da una lettera lasciata in casa emerge la causa che avrebbe portato entrambi, di comune accordo a togliersi la vita. Si tratterebbe di motivazioni di natura economica.

Su ciò gli investigatori dovranno far luce visto che entrambi lavoravano e percepivano il loro rispettivo salario.

Omicidio suicidio, la dinamica del ritrovamento

omicidio suicidio_casa fiumicino

L’omicidio suicidio è avvenuto ieri 14 aprile, in una casa in via del Portico Placidiano all’Isola Sacra, frazione di Fiumicino.

Una tenente, preoccupata di non aver visto e sentito il suo collega a lavoro, ha deciso di andare a trovarlo a casa. Dopo aver bussato alla porta si è affacciata alla finestra e ha scorto i corpi della coppia a terra, in una pozza di sangue, con accanto la pistola usata per l’omicidio suicidio.

Chiamati i soccorsi, il personale medico non ha potuto fare nulla se non costatare la morte di entrambi. Sul posto sono giunti gli agenti del Commissariato di Polizia di Fiumicino e gli uomini della Scientifica per svolgere i rilievi.

Leggi anche: Omicidio Teresa e Trifone, oggi ultimo atto in Cassazione per Giosuè Ruotolo

Omicidio suicidio, molti dubbi sul perché di un così tragico gesto

Omicidio suicidio_Maurizio-Zannolfi

È stata aperta un’indagine dal pubblico ministero di turno, portata avanti dalla Procura di Civitavecchia. Da parte dell’Autorità Giudiziaria è stato chiesto un esame autoptico sulle due salme.

Sono tanti i dubbi sulla vicenda, come quando si sarebbe consumato l’omicidio suicidio. Secondo quanto riportato da alcuni vicini la sera precedente avrebbero sentito degli strani rumori simili a colpi di pistola.

E soprattutto resta da capire perché i due abbiano deciso di togliersi la vita. Vanno chiarite le motivazioni e se effettivamente i due fossero d’accordo nel compiere il tragico gesto.

Ecco cosa dicono di Zannolfi alcuni conoscenti, come riportato da Leggo:

Amava la vita e gli piaceva il mare. Era appassionato di tatuaggi e delle gite in barca.

Ultimamente però, era preoccupato e non sembrava più lo stesso.

Leggi anche: Processo George Floyd: Derek Chauvin rischia 40 anni per omicidio di secondo grado

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie