martedì, Gennaio 26, 2021

Oltre 1000 migranti a Lampedusa. Il sindaco: “Dichiaro io lo stato d’emergenza”

Il sindaco dell’isola, Totò Martello, chiede al Governo di intervenire per gestire la situazione, ormai critica. A seguito degli sbarchi della scorsa settimana, i migranti a Lampedusa sono oltre 1000 in un hotspot che potrebbe ospitarne un massimo di 95. E continuano ad arrivare.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, nei giorni scorsi ha chiesto ripetutamente al Governo di intervenire per gestire la situazione, ormai critica. Nell’ultima settimana i numerosi sbarchi dalla Tunisia hanno reso l’accoglienza sull’isola impossibile. L’unico hotspot ancora operativo, sportello di primissima accoglienza, potrebbe ospitare un massimo di 95 persone, mentre allo stato attuale ne conta oltre 1000, dieci volte la capienza massima prevista. Le forze dell’ordine sono in crisi e riescono a malapena a identificare tutti coloro che sbarcano. Le parole del sindaco:

È una situazione ormai ingestibile. L’hotspot non è più in grado di accogliere migranti e la responsabilità di questa emergenza non può ricadere sul sindaco, sull’amministrazione comunale e sui lampedusani.  

Migranti, Lampedusa è al collasso

I barchini provenienti dalla Tunisia continuano ad approdare sull’isola senza sosta. I migranti a Lampedusa continuano ad aumentare e ormai sull’isola non c’è più spazio. L’unica struttura d’accoglienza ancora operativa è al collasso, il cortile è sovraffollato e l’unica soluzione praticabile è stata sistemare dei gazebi sul molo, in attesa che venga deciso dove i migranti dovranno essere sistemati. Ma la situazione, fa sapere il sindaco Martello, è totalmente fuori controllo. Inoltre, le motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza continuano ad avvistare gommoni in mare.

Leggi anche: Klodiana Çuka, Integra Onlus: “Ho chiuso 55 case d’accoglienza. E ancora vedo solo demagogia”

Il sindaco di Lampedusa contro Salvini

Intanto il sindaco di Lampedusa risponde al leader della Lega Matteo Salvini, che nei giorni scorsi è stato sull’isola, accusandolo di comportarsi da mentitore seriale. Ha detto Totò Martello:

L’onorevole Salvini continua a comportarsi da mentitore seriale, sostenendo che quando lui era ministro ‘non c’erano più sbarchi’: nulla di più falso. Quando Salvini era ministro gli sbarchi a Lampedusa sono sempre proseguiti, basterebbe leggere i report del ministero degli Interni per verificare quello che sto affermando.

Se Salvini fosse venuto a Lampedusa in quel periodo, quando da sindaco ho più volte chiesto un’interlocuzione istituzionale con il ministero che allora guidava, senza mai avere risposta, avrebbe visto con i suoi occhi le imbarcazioni dei migranti entrare in porto. Forse allora non è venuto a Lampedusa proprio per questo motivo, per non dovere ammettere la realtà e continuare a negare l’evidenza. È venuto adesso per pura propaganda politica, comportandosi come un pericoloso ‘giullare di piazza’ che fomenta odio e rabbia.

Leggi anche: Due barche affondano nel Mediterraneo, ma l’Italia non risponde

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.