lunedì, Agosto 10, 2020

Offendere sui social è reato? Secondo la Procura di Roma sarebbe solo uno sfogo

Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Qualche giorno fa, la procura di Roma ha dichiarato che non è reato insultare sui social media, specificando che «le frasi denigratorie godono di scarsa credibilità, dunque non ledono la reputazione altrui». Sarebbe, insomma, soltanto uno sfogo. Be’. Tanti pensieri ci vengono in mente. Come cantava Guccini nel Cirano, riecheggiando un noto proverbio popolare, “ferisce più la penna che la spada”. La questione non è così banale. Le ferite che possono provocare parole dure e velenose, soprattutto per i più sensibili, meno attrezzati, possono essere molto profonde, spesso devastanti. E possono, sì, condurre al gesto estremo. Quello di farla finita per sempre. E le recenti vicende di cronaca lo dimostrano, e Tiziana Cantone è solo la punta dell’iceberg.

Fenomeno moderno? Niente affatto

Già nel VI secolo a. C., si dice che il poeta lirico greco Ipponatte fosse famoso per i suoi versi ricolmi di astio verso i suoi nemici. Frasi così rancorose, polemiche, crudeli, che spesse volte spingevano i lettori al suicidio per l’estrema vergogna. Una specie di cyberbullismo ante litteram, insomma. D’allora la polemica e l’insulto mediato, tramite per esempio poesie o canti, come nel celebre caso di Dante contro Bonifacio VIII. E ora che i media sono diventati social, condivisi e digitali – be’, naturalmente gli insulti si sono diffusi. Espansi. Ma derubricare l’odio socialmediale a semplice “sfogo”, come per l’appunto ha fatto la procura di Roma, potrebbe essere un po’ miope.

Bullismo da social media, un trend da contrastare

Come detto, gli insulti si sono moltiplicati aumentando la potenza esiziale a dismisura. Le morti per suicidio “da social media” aumentano sempre più, è un dato forte. Secondo l’Annual Bullying Survey del 2017, su un campione di 10.000 casi, il 31% di questi adolescenti inglesi ha dichiarato di aver bullizzato qualcuno su internet – il 54% è stato vittima di bullismo almeno una volta nella vita, di cui 10% di cyberbullismo. Forse allora bisognerebbe porre un freno, un argine politico/sociale/culturale a questo habitus orrendo. Dato che, purtroppo, non sappiamo ancora regolarci da soli…   di Alessandro Isidoro Re

Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Correlati

Puglia, avviata la prima fabbrica pubblica di mascherine: “Ospedali mai più sprovvisti”

La regione Puglia sarà in grado di produrre 60 milioni di dispositivi di protezione individuale all’anno. L'obiettivo è quello di garantire al Paese uno stock di materiale strategico in caso di necessità.

Conte: “Al Sud in primis l’alta velocità. Per il ponte sullo Stretto non ci sono ancora le condizioni”

È quanto affermato dal presidente del Consiglio a proposito dei progetti per il sud Italia nell’incontro pubblico organizzato in Puglia da Affaritaliani.it. Sulla politica: Il mio orizzonte è di fine legislatura, non sono interessato a fare un partito.

Plastica, i traffici illeciti dell’Italia. Ecco dove finiscono i nostri rifiuti

Invece di riciclare, la plastica viene abbandonata dall’altra parte del mondo in discariche fuori legge. Secondo l’unità investigativa di Greenpeace, oltre 1.300 tonnellate di rifiuti italiani sono finiti in Malesia illegalmente.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

“Sul Covid quante bugie ci hanno raccontato”: l’intervista al Professor Bacco

Abbiamo il diritto di discernere la verità dalla menzogna sul Coronavirus e guardare con lucidità al futuro, dando spazio a punti di vista differenti. L'intervista al Professor Pasquale Mario Bacco.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Ultimi

Puglia, avviata la prima fabbrica pubblica di mascherine: “Ospedali mai più sprovvisti”

La regione Puglia sarà in grado di produrre 60 milioni di dispositivi di protezione individuale all’anno. L'obiettivo è quello di garantire al Paese uno stock di materiale strategico in caso di necessità.

Conte: “Al Sud in primis l’alta velocità. Per il ponte sullo Stretto non ci sono ancora le condizioni”

È quanto affermato dal presidente del Consiglio a proposito dei progetti per il sud Italia nell’incontro pubblico organizzato in Puglia da Affaritaliani.it. Sulla politica: Il mio orizzonte è di fine legislatura, non sono interessato a fare un partito.

Plastica, i traffici illeciti dell’Italia. Ecco dove finiscono i nostri rifiuti

Invece di riciclare, la plastica viene abbandonata dall’altra parte del mondo in discariche fuori legge. Secondo l’unità investigativa di Greenpeace, oltre 1.300 tonnellate di rifiuti italiani sono finiti in Malesia illegalmente.

Bielorussia, scontri e feriti dopo l’ennesima vittoria di Lukashenko

Scontri a Minsk, la capitale nella cosiddetta “Ultima dittatura d’Europa” dopo le elezioni e la vittoria di Lukashenko, in carica dal 1994.

Notte di San Lorenzo, perché è la notte dei desideri

Notte di San Lorenzo, notte dei desideri, si tratta di un evento...