giovedì, Dicembre 2, 2021

La NASA lancia un veicolo spaziale per testare la sua difesa anti asteroide

La NASA ha lanciato una navicella martedì notte in missione per schiantarsi contro un asteroide e testare il proprio sistema di difesa qualora una roccia spaziale dovesse minacciare la Terra.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

La NASA ha lanciato una navicella spaziale martedì notte in missione per schiantarsi contro un asteroide e testare se sarebbe possibile far fuori rotta una roccia spaziale in velocità se si dovesse minacciare la Terra.

DART, la navicella della Nasa contro gli Asteroidi

DART, la navicella della Nasa contro gli Asteroidi

La navicella spaziale DART della NASA, abbreviazione di Double Asteroid Redirection Test, è decollata dalla Vandenberg Space Force Base in cima a un razzo SpaceX Falcon 9 in un progetto da 330 milioni di dollari.

Se tutto va bene, nel settembre 2022 si schianterà frontalmente contro Dimorphos, un asteroide di 525 piedi di diametro (circa 16 mila cm), a 15.000 mph (miglia orarie).

“Questo non distruggerà l’asteroide. Gli darà solo una piccola spinta”, ha detto l‘ufficiale di missione Nancy Chabot del Johns Hopkins Applied Physics Laboratory, che gestisce il progetto.

Dimorphos orbita attorno a un asteroide molto più grande chiamato Didymos. La coppia non rappresenta un pericolo per la Terra, ma offre agli scienziati un modo per misurare l’efficacia della collisione.

Dimorphos completa un’orbita di Didymos ogni 11 ore e 55 minutiL’obiettivo di DART è un incidente che rallenti Dimorphos e lo faccia cadere più vicino all’asteroide più grande, riducendo di 10 minuti la sua orbita.

La variazione del periodo orbitale sarà misurata dai telescopi sulla Terra. La modifica minima affinché la missione sia considerata un successo è di 73 secondi.

La tecnica DART potrebbe rivelarsi utile per alterare il corso di un asteroide anni o decenni prima che colpisca la Terra con il potenziale di una catastrofe.

Una piccola spinta “sarebbe sommata a un grande cambiamento nella sua posizione futura, e quindi l’asteroide e la Terra non sarebbero in rotta di collisione”, ha detto Chabot.

Gli scienziati della Nasa cercano costantemente asteroidi e tracciano i loro percorsi per determinare se potrebbero colpire il pianeta.

“Sebbene non ci sia un asteroide attualmente noto che sia in rotta di impatto con la Terra, sappiamo che c’è una grande popolazione di asteroidi vicini alla Terra là fuori”, ha detto Lindley Johnson, ufficiale della difesa planetaria della NASA“La chiave per la difesa planetaria è trovarli molto prima che diventino una minaccia di impatto”.

Anche l’Italia nel progetto Dart della NASA

DART impiegherà 10 mesi per raggiungere la coppia di asteroidiLa collisione avverrà a circa 6,8 milioni di miglia (11 milioni di chilometri) dalla Terra.

Dieci giorni prima, DART rilascerà un minuscolo veicolo spaziale di osservazione fornito dall’agenzia spaziale italiana che lo seguirà.

DART trasmetterà il video in streaming fino a quando non verrà distrutto all’impatto. Tre minuti dopo, l’imbarcazione in coda realizzerà le immagini del luogo dell’impatto e del materiale espulso.

Leggi anche: Asteroide in rotta di collisione con la Terra, NASA: “Possibile impatto nel 2022”

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie