domenica, Gennaio 24, 2021

Napoli, crolla il mobilificio Cutolo di Poggiomarino. Al momento solo feriti lievi

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Un boato e poi il crollo. Il Mobilificio Cutolo a Poggiomarino è crollato in pochi minuti. Lo stabile che ospitava il mobilificio si trova in via Nuova San Marzano a Poggiomarino, nell’area metropolitana di Napoli. Giunti immediatamente sul posto carabinieri e vigili del fuoco. Non ci sarebbero feriti. Erano in corso dei lavori di ristrutturazione in un negozio di mobili al piano terra. Ma gli operai che stavano lavorando all’intero del mobilificio sono, fortunatamente, riusciti ad allontanarsi in tempo perché il palazzo ha dato segnali di cedimento.

L’esplosione mobilificio Cutolo a Poggiomarino

Crolla mobilificio a Poggiomarino
Forte boato, poi le maceria. Crolla il mobilificio Cutolo a Poggiomarino, Napoli.

In pochi minuti un forte boato e una nuvola di polvere si è alzata, il mobilificio Cutolo è crollato poco prima delle 10. Questa mattina i vigili del fuoco hanno scavato sotto le macerie alla ricerca di vittime. Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, gli operai all’interno dello stabile sarebbero riusciti a scappare in tempo. Il cedimento ha coinvolto i due solai al piano terra del mobilificio che era in ristrutturazione. È stata aperta un’inchiesta per accertare le cause del crollo.

Leggi anche: 40 anni dal Terremoto in Irpinia: non dimenticheremo mai quel 23 novembre 1980

Esplosione a Poggiomarino, nessun ferito tra le macerie

Esplosione a Poggiomarino
I solai del mobilificio Cutolo crollato a Poggiomarino.

Immediatamente sul posto del crollo due squadre dei vigili del fuoco e varie ambulanze. La strada è stata bloccata e all’inizio si pensava al peggio. Al momento non ci sarebbero feriti: i due operai sono riusciti a salvarsi grazie ai segni di cedimento che ha dato lo stabile prima di crollare.

Il mobilificio Cutolo di Poggiomarino

Molti cittadini sono accorsi dopo aver sentito il boato dovuto al crollo del

Il mobilificio Cutolo è molto conosciuto a Napoli. Nato nel 1935, vantava ben 3000 mq di esposizione di arredamento per la casa. Il mobilificio si occupa di: camere da letto, camerette per bambini, cucine componibili, divani, poltrone ecc.

Infatti, tanti i cittadini accorsi sul posto dopo aver udito il boato o aver assistito al crollo dell’edificio. L’associazione sanitaria Misericordia di Poggiomarino, per consentire le operazioni delle forze dell’ordine nel luogo del crollo del mobilificio, ha rivolto un appello ai cittadini su Facebook in cui conferma l’assenza di feriti e vittime:

La situazione è gestita dalle Forze dell’Ordine prontamente intervenute. Non ci sono vittime, ma solo qualche lieve ferito assistito dal nostro personale sanitario. Si continua ad invitare tutti ad evitare di recarsi sul posto per non intralciare le operazioni in atto.

Leggi anche: Attentato di Nassiriya, il ricordo dei 19 italiani caduti

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie

Giornata mondiale dell’educazione 2021, in piena pandemia più sentita che mai

Il 24 gennaio si celebra la Giornata mondiale dell'educazione, perché l'educazione è...

E oggi si muore anche di social, su Tik Tok

La vicenda è drammaticamente nota: una bambina di Palermo ha partecipato sul...

Dante 2021, 5 cose da vedere a Firenze tra i luoghi del Sommo Poeta

Quest’anno sarà speciale. Pronti a celebrare i 700 anni dalla morte di...

Gli organi della piccola Antonella, morta a 10 anni per una sfida social, salveranno tre bambini

Gli organi di Antonella Sicomero, morta per una presunta challenge su Tik Tok, sono stati espiantati e destinati a tre piccoli pazienti. Intanto la procura della Repubblica indaga per istigazione al suicidio.

Smog, rapporto Mal’Aria 2020: ecco le città italiane più inquinate. Torino in testa

Ecco i nuovi dati dello studio sullo smog in città raccolti da Legambiente nel report Mal’aria 2020. L'associazione ambientalista ha stilato una pagella sulla qualità dell’aria di 97 città italiane.