lunedì, Aprile 19, 2021

Sanremo, Barbara Palombelli alle donne: “Non dobbiamo essere prudenti ma osare, fare rumore”

La giornalista Barbara Palombelli è stata la co-conduttrice femminile della quarta serata del Festival. Toccante il momento del suo monologo.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Amadeus ha scelto per la sua quarta serata come co-conduttrice Barbara Palombelli.

A metà serata la giornalista si è rivolta alle ragazze, donne e nonne, invitandole nel continuare a tenere in piedi l’Italia.

Non sono mancate però le critiche e chi non ha approvato il messaggio lanciato dalla Palombelli.

Il consiglio di Barbara Palombelli alle giovani: “Studiate fino alle lacrime”

barbara palombelli festival sanremo 2021

In un excursus sulla sua giovinezza, a tratti ribelle, ha ripercorso alcuni momenti della sua vita come donna lavoratrice e indipendente fino ai contratti stipulati con il Corriere della Sera prima e Repubblica dopo.

Poi rivolgendosi alle ragazze e alle donne ha detto:

Studiate fino alle lacrime, lavorate fino all’indipendenza.

Le donne devono assolutamente contribuire alla nascita di questo Paese: ci credo, dovete correre, non fatevi togliere il fiato e la dignità.

Non dobbiamo essere prudenti, dobbiamo osare, facciamo rumore.

Barbara Palombelli, criticato il suo monologo a Sanremo

Il monologo di Barbara Palombelli ha ricevuto molte critiche sui social sia dalle persone comuni che da parte di varie testate e personaggi.

Ciò che non è andato giù alle persone è stata la “predica” da parte di chi, a detta di molti, essendo la moglie di Francesco Rutelli, ha avuto la strada spianata e raccomandazioni durante la sua carriera.

Che sia vero oppure no, non sono solo queste le critiche ad esserle poste. Fanpage parla di unione alla rinfusa di biografia e vecchie canzoni mentre Repubblica ha fatto intendere che il discorso della giornalista sia stato alquanto noioso.

Mentre per Carlotta Vagnoli, attivista per i diritti delle donne, il ruolo che secondo la Palombelli le donne avrebbero altro non è che quello “di cura”, riportando paradossalmente indietro la figura e i diritti delle donne.

La lunga carriera di Barbara Palombelli

Barbara Palombelli è nata a Roma, nel 1953. Dopo la laurea in Lettere con una tesi in antropologia culturale inizia a la sua carriera a Radio Due.

Inizia la sua carriera giornalistica nel 1979 a L’Europeo per poi passare negli anni ottanta prima a Il Giornale e poi a Panorama. Dal 1989 al 1990 è inviata speciale per il Corriere della Sera, di cui sarà editorialista dal 2001 al 2006, e inizia la collaborazione con La Repubblica fino al 2000.

Le frequentazioni televisive, iniziate nel 1987 con alcune interviste per Domenica In, riprendono con Stefano Ferrara, conduttore su La7 di Otto e mezzo, tra il 2003 e il 2004. In questi anni inizia la sua stabile collaborazione con Mediaset, prendendo parte al TG5, Mattino Cinque, Matrix, Pomeriggio Cinque e dal 2013 come conduttrice di Forum.

Dal 2018 fino ad oggi conduce su Rete 4 dal lunedì al venerdì, dalle 20.30 alle 21.25, il programma Stasera Italia.

Leggi anche: Sanremo, Elodie: “Quando nasci in contesti difficili devi lavorare di più per ottenere quello che dovrebbe essere già tuo”

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie