lunedì, Settembre 27, 2021

Milano, il camion-palcoscenico del teatro Parenti riporta gli spettacoli nelle piazze

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

In attesa delle nuove direttive ministeriali i teatri rimangono chiusi. Ma non si lascia sconfortare Andrée Ruth Shammah, direttrice e regista del teatro Franco Parenti di Milano. L’idea: quella di riportare gli spettacoli teatrali nelle piazze, ispirandosi all’antica tradizione delle compagnie di giro. Un camion-palcoscenico girerà nella città di Milano, presentando di volta in volta spettacoli nuovi e divertenti. Ha detto Andrée Ruth Shammah al Corriere:

Stiamo preparando un camion-palcoscenico per portare un po’ di serenità e sollievo nelle zone della nostra regione più colpite dal virus. Nelle piazze più popolari spettacoli comici e tanta musica con Greta Rampoldi e i giovanissimi della Watt Band, per il pubblico adulto invece serate di poesia e musica classica.

“Siamo pronti a dare il nostro contributo”

La stagione teatrale 2020 non si ferma, ma ha dovuto reinventarsi per superare l’era Covid. Tra giugno e luglio il teatro Parenti di Milano tornerà in scena, adattandosi alle norme in vigore. La Sala Grande potrà ospitare fino a 200 posti e nel giardino dei Bagni Misteriosi, oltre a laboratori per bambini e campus estivi, gli attori e gli spiritelli di casa Parenti intratterranno il pubblico con musica e monologhi. Ha detto la direttrice:

Sarà un teatro intimo per poche persone alla volta, a costi accessibili per tutti. Se il pubblico ha le mascherine e ogni spettatore è distante dall’altro, che rischio c’è nell’ascoltare musica in un parco? Il nostro desiderio è dare un po’ di serenità e se la gente non sarà troppo spaventata tutto ciò sarà possibile.

E ancora, ispirandosi alla tradizione delle compagnie itineranti, gireranno la città a bordo di un camion-palcoscenico. Ha detto Andrée Ruth Shammah:

Nel momento in cui tutto sembra stia per crollare è necessario investire. È importante far sentire alla città che ci siamo, pronti a dare il nostro contributo di artisti capaci di raccontare con la testa e il cuore il nostro tempo. E non solo in streaming. Il teatro è il teatro, non si può sostituire con qualcosa che sia supportato dalla tecnologia.

Leggi anche: Guerritore: “Donne, smettiamo di chiedere scusa per il posto che occupiamo nel mondo” di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie