sabato, Marzo 6, 2021

Matilda, la cagnolina coraggiosa che ha salvato dalle fiamme gli ospiti di una casa per anziani in Russia

Un gesto d’amore e di coraggio senza pari quello della cagnolina che ha messo a repentaglio la sua vita per salvare dalle fiamme gli ospiti di una casa di riposo.

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Un grave incendio è divampato la notte del 3 novembre scorso in una casa per anziani di Tosno, una cittadina russa a 50km da San Pietroburgo. La struttura completamente in legno è stata avvolta dalle fiamme in brevissimo tempo mettendo a rischio la vita di tutti i suoi ospiti. Non sappiamo cosa abbia dato origine all’incendio, ma quel che è certo è che la vicenda avrebbe avuto un epilogo molto più triste, se non fosse stato per l’intervento tempestivo di Matilda, una coraggiosa cagnolina che si trovata sul posto.

Al divampare delle fiamme, la Matilda ha iniziato ad abbaiare a squarciagola allertando tutto il vicinato e aprendo la strada ai soccorritori che, grazie a lei, sono riusciti a salvare la vita a quattro anziani ospiti della struttura.

Per un errore dei vigili, Matilda ha rischiato la vita

Sebbene gli ospiti dell’ospizio siano stati soccorsi grazie alla rapida risposta di Matilda, per errore i vigili del fuoco si sono dimenticati di lei. La cagnolina è infatti stata lasciata all’interno della struttura in fiamme e al guinzaglio. 

Durante il trambusto, tutti si sono dimenticati del cane di nome Matilda, che era al guinzaglio. Motya, come viene chiamata affettuosamente, non è riuscita a sfuggire al fuoco, è stata gravemente ustionata

Ha riferito l’emittende russa SPB.

Mentre si trovava al centro dell’incendio, Matilda ha inalato molto fumo e ha perso i sensi a causa del monossido di carbonio. Questo ha fatto sì che le fiamme arrivassero su di lei, provocandole gravi ustioni in diverse parti del corpo. 

Matilda con una volontaria del rifugio Vasilik (Fonte: spbvasilek/vk.com)

I volontari: “piangeva e tremava per il dolore, ma ha sopportato eroicamente tutto”

Qualche ora dopo, le immagini trasmesse da un giornalista intervenuto sul luogo che ritraevano la cagnolina gravemente ferita e sofferente, hanno attirato l’attenzione di un gruppo di attivisti per i diritti degli animali. Immediatamente, i volontari di San Pietroburgo Alexander Tsinkevich ed Elena Kalinina si sono precipitati sul luogo e hanno portato Matilda in salvo nella clinica-rifugio di Sotnikov.

Ma la storia ha una svolta inaspettata: dopo aver sottoposto la coraggiosa cagnolina a diversi controlli, i volontari scoprono qualcosa di sorprendente. Matilda è incinta

Il viso, il collo e l’addome di Matilda sono stati gravemente ustionati. Il suo muso è rimasto completamente nudo, è visibile solo la pelle bruciata. Anche il suo addome, in cui si trovano i cuccioli, sembra inquietante.

Si legge in una dichiarazione rilasciata dal rifugio. 

Un cuore grande, quello di Matilda, che ha rischiato la sua vita e quella dei suoi cuccioli per portare in salvo le persone dell’ospizio.

Piangeva e tremava per il dolore, ma ha sopportato eroicamente tutto

Si legge nel rapporto scritto da Elena Kalinina e Alexander Tsinkevich, i volontari che l’hanno salvata dalla morte. Ora gli attivisti per i diritti degli animali del rifugio Vasilek a San Pietroburgo stanno combattendo per curare le gravi ustioni e salvare i suoi cuccioli.

Matilda è salva ma non potrà allattare i suoi cuccioli

Per fortuna Matilda è tenuta sotto controllo da un’équipe medica che si sta occupando di lei:

È stata controllata da uno specialista della fertilità che l’ha osservata a lungo e studiato attentamente i cuccioli. Sono tutti vivi e stanno crescendo bene.

L’epopea di Matilda, chiamata affettuosamente dagli abitanti dell’ospizio Motya, non è però ancora finita. A causa delle ferite riportate all’addome, la cagnolina non sarà in grado di allattare i suoi cuccioli. Il proprietario della casa di riposo ha dichiarato di non poter prendersi cura di lei a causa di un infortunio, perciò i volontari del rifugio Vasilek stanno cercando di trovare una nuova mamma che possa farlo o, in alternativa, una persona che possa allattarli artificialmente e occuparsi di questa coraggiosa famiglia a quattro zampe. Con il contributo dei volontari, il rifugio pubblica aggiornamenti regolari sui progressi di Matilda che ormai potrebbe partorire da un momento all’altro.

Leggi anche: Magenta, cane abbandonato e legato in un parco: responsabili incastrati dalle telecamere

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Ultime notizie