Cos’è l’effetto letargo? Per mantenersi in salute anche in inverno bisogna contrastarlo

Dall'alimentazione all'attività fisica, ecco le regole d'oro per sentirsi in forma anche nella stagione invernale.

spot_img

Durante i mesi invernali è comune sperimentare sonnolenza e mancanza di energia a causa del cosiddetto effetto letargo, ma questa sensazione non è tutta colpa dell’inverno, o almeno non interamente. Buio, giornate più corte e temperature più basse tendono a farci chiudere dentro casa e a predisporre maggiormente il nostro corpo ai virus dell’influenza. Nonostante per l’insorgenza di malattie specifiche si possa fare la giusta prevenzione potendo contare su una polizza sanitaria completa in grado di coprire moltissime spese,mantenersi in buona salute d’inverno è possibile, seguendo sane e buone abitudini. Vediamo quali sono.

Influenza della luce sull’umore: consigliate passeggiate

La sonnolenza e la stanchezza possono in parte essere attribuite alla mancanza di luce tipica dei mesi invernali. Questa carenza di luce può ridurre i livelli di serotonina, un ormone che influisce sul nostro umore controllando i livelli di ansia e felicità. Si sviluppa ciò che viene comunemente definito “malinconia invernale”, legata a cambiamenti nel ritmo circadiano di produzione della melatonina, che causa sonnolenza.

Per attenuare questi fastidi, è consigliabile trascorrere il massimo tempo possibile sotto la luce solare, magari facendo passeggiate che possono contribuire a ridurre l’ansia e promuovere il benessere psicofisico.

Leggi anche: Mindfulness e stress: come la meditazione può aiutare

Alimentazione invernale 

Durante l’inverno, le nostre abitudini alimentari tendono a cambiare, spesso a causa della malinconia invernale. In questo periodo, siamo inclini a consumare cibi ricchi di calorie nel tentativo di migliorare il nostro umore. Tuttavia, non è necessario consumare cibi eccessivamente calorici durante l’inverno, poiché la necessità di calorie aggiuntive per resistere al freddo non è applicabile alle nostre latitudini.

In ogni stagione, è consigliabile seguire una dieta equilibrata e cercare di evitare pasti troppo calorici durante la cena, poiché ciò può rallentare la digestione e influenzare negativamente la qualità del sonno.

Le basse temperature spingono verso cibi caldi e confortanti. Delle valide alternative ai cibi processati sono:

  • Zuppe con verdure ricche di minerali come potassio, magnesio, zolfo, calcio e vitamine A, C e K. Questi alimenti sono noti per le loro proprietà protettive contro alcuni tipi di tumori e per la ricchezza di fibre che promuovono la salute intestinale
  • Minestre a base di legumi, fonti di proteine vegetali che, unite ai cereali in ricette tradizionali come pasta e fagioli o riso e lenticchie, forniscono una composizione di aminoacidi essenziali simile a quella della carne. I legumi sono poveri di grassi e ricchi di fibre, utili per la salute intestinale, e contengono fosforo, calcio e ferro
  • La vitamina C può aiutare a prevenire le malattie da raffreddamento, ed è particolarmente abbondante negli agrumi. Le arance, ad esempio, contengono elevate quantità di vitamina C e presentano proprietà antiossidanti che possono contribuire alla prevenzione di tumori del tratto digestivo. Gli agrumi contengono anche flavonoidi, come l’esperidina, che favoriscono il colesterolo “buono” HDL e riducono il colesterolo “cattivo” LDL
  • Durante la stagione fredda, poi, è cruciale mantenere un’adeguata idratazione per evitare la perdita di minerali. È altresì essenziale evitare il consumo di alcolici, poiché, contrariamente a una credenza diffusa, non aiutano a riscaldare il corpo ma, piuttosto, contribuiscono a disperdere il calore corporeo.

Mantenere un’attività fisica anche in inverno

L’attività fisica è importante anche durante l’inverno. Anche se le temperature sono basse è possibile svolgere attività all’aperto, a condizione di indossare l’abbigliamento adeguato per mantenere la temperatura corporea corretta senza sudare e utilizzare guanti, cappello e scarpe antiscivolo per evitare cadute.

Chi soffre di malattie cardiovascolari, invece, dovrebbe preferire un’attività indoor in ambienti ben illuminati e a temperatura fresca.

Riscaldamento e salute

mantenersi in buona salute in inverno

In casa, il calore secco dei riscaldamenti può causare disidratazione, il che può a sua volta portare a una percezione distorta della fame. Questa situazione può portare a eccessi alimentari invece che a una corretta idratazione.

Per favorire il sonno, è importante mantenere una temperatura e un’umidità costanti in camera da letto (meno di 20°C e umidità inferiore al 55%) e aerare periodicamente, anche quando l’aria all’esterno è fredda.

spot_img

Correlati

Fedez e Chiara Ferragni, in vendita la dimora estiva sul Lago di Como: qual è il valore sul mercato?

Fedez e Chiara Ferragni hanno deciso di vendere la loro dimora estiva sul Lago...

Ilaria Salis esce dal carcere dopo 15 mesi, i legali: “Vogliamo vederla presto in Italia”

Ilaria Salis è uscita da poco dal carcere di massima sicurezza di Gyorskocsi utca...

Caso Scurati, Presidente Rai prima difende Serena Bortone, poi cambia idea: “Nessuna censura”

La presidente della Rai, Marinella Soldi, in commissione di Vigilanza ha chiarito alcuni aspetti...
spot_img