sabato, Luglio 24, 2021

Magazzini automatici: come sono strutturati e quali vantaggi offrono

I magazzini automatici rappresentano una soluzione vantaggiosa per un'azienda in termini di produttività, efficienza, sicurezza, risparmio e ottimizzazione dello spazio.

Perché dotarsi di magazzini automatici? Nelle aziende il costante rinnovo dei prodotti e l’intensificarsi delle consegne, sia in entrata che in uscita, devono essere gestiti da un efficiente sistema di stoccaggio e da scaffalature industriali capaci di assicurare alti livelli di sicurezza e produttività.

I magazzini automatici sono degli impianti automatizzati, che non necessitano dell’intervento umano, preposti per lo stoccaggio di merci, e che offrono elevati standard di efficienza.

Le fasi che si prestano ad essere automatizzate sono la movimentazione, raccolta, carico e scarico di merci. Sarà necessario solo allestire degli scaffali con strutture tecnologiche di qualità, concepiti per l’ottimizzazione automatica.

La struttura dei magazzini automatici

magazzini automatici_

L’impianto per i magazzini automatici è costituito da quattro parti:

  • trasloelevatore: è un robot che ha la capacità di prelevare e trasferire le merci dalla scaffalatura alla periferia. Il trasloelevatore può essere monocolonna o bicolonna e avere il sollevamento a fune, a cinghia o a catena
  • scaffalatura: è una struttura reticolare, organizzata secondo la normativa vigente e costruita con profili di acciaio che permettono di sfruttare in modo intensivo le superfici
  • testata o handling, composta dai trasportatori automatici, rulli e navette
  • elettronica, software e hardware

I magazzini automatici si differenziano a seconda della tipologia e del peso dell’unità di carico che gestiscono (pallet, scatole, vassoi). In base alla tipologia di automazione si distinguono i magazzini a transelevatore e i magazzini con navetta al piano.

Quali sono i vantaggi di un magazzino automatico

Il magazzino automatico permette di velocizzare le operazioni, diminuendo il margine d’errore. Tutte le fasi che caratterizzano sia la logistica interna che quella esterna, come il controllo di peso e volume delle unità di carico o l’allestimento ordini, vengono automatizzate divenendo molto più affidabili rispetto ai magazzini tradizionali.

L’automatismo inoltre permette un monitoraggio sull’inventario, la giacenza e la tracciabilità delle merci in modo da consentire una pianificazione strategica dei prelievi e delle scorte.

Inoltre un altro aspetto importante riguarda l’ottimizzazione dello spazio, in quanto è possibile stoccare grandi quantità di merci in spazi relativamente ristretti grazie ai trasloelevatori e alle scaffalature verticali.

Un ulteriore vantaggio riguarda anche la riduzione dell’errore umano e degli infortuni sul lavoro. Con la robotizzazione si guadagnerà in termini di sicurezza.

Tutti questi vantaggi si traducono in un risparmio di costi d’esercizio, come il riscaldamento e l’illuminazione, e in un aumento di produttività. In breve tempo sarà possibile avere un ritorno economico delle spese riguardanti l’investimento iniziale per l’automazione del magazzino.

A chi rivolgersi

La LCS Group progetta e realizza magazzini automatici e impianti di stoccaggio su misura.

Si tratta di un’azienda leader che opera sul mercato italiano ed europeo dal 1989 e che ha realizzato progetti per aziende del calibro di Barilla, Ferrero, Bracco, Stanley Black & Decker, solo per citarne alcune.

Il gruppo è composto da tre realtà distinte: LCS, LCS Automation, e 4NEXT Solutions.

LCS si occupa di logistica integrata, progettazione, realizzazione e manutenzione dei sistemi hardware e software per la logistica interna, tra cui magazzini automatici con trasloelevatori, ammodernamento impianti e stoccaggio automatico.

LCS Automation si occupa della progettazione, costruzione e manutenzione di impianti per l’automazione industriale nel settore automobilistico.

4NEXT Solutions progetta soluzioni software personalizzate, su misura, per l’ottimizzazione dei processi logistici e la gestione di magazzini manuali.

Leggi anche: Orange Fiber, l’azienda che produce abiti con gli scarti delle arance

Ultime notizie