lunedì, Aprile 19, 2021

Sanremo, Madame a piedi nudi sul palco stupisce con il suo stile e la sua “Voce”

Madame è una rapper di 19 anni. Tra i cantanti in gara in questa 71esima edizione del Festival è la più piccola di età. Scopriamo chi è e cosa ha fatto prima di partecipare a Sanremo.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ieri sera è stata la prima esibizione in assoluto per Madame a Sanremo. Si è presentata a piedi nudi con un completo argentato. Outfit che lei stessa su Instagram definisce come “vestita di specchi” e commenta così:

Voglio che il mondo si rifletta su di me.

Voglio sentire il mio corpo che assorbe le immagini o le rigetta sotto forma di fasci di luce.

Voglio essere verità, voglio essere trasparente, voglio essere pura, voglio essere vera.

Chi è Madame?

madame_cantante

Madame, pseudonimo di Francesca Calearo, è una giovanissima cantante rap di 19 anni. Proviene da Creazzo, una cittadina di 11mila abitanti in provincia di Vicenza.

Esordisce nel mondo della musica a 16 anni con il singolo Anna.

La popolarità giunge un po’ per caso, dopo che Cristiano Ronaldo utilizza per una sua storia su Instagram un brano della giovane rapper, intitolato Schiccherie.

Anche il nome d’arte nasce per caso. Mentre sta giocando con degli amici chiede ad un software come si sarebbe chiamata se fosse stata una drag queen e viene fuori Madame.

Attualmente la sua manager è Paola Zakar, la stessa di Clementino, Marracash e Fabri Fibra. Ha collaborato con Elodie, Ghali e Marracash.

Madame: “Voce è una canzone che parla della ricerca della propria identità”

madame_sanremo

Voce, il brano che Madame ha deciso di portare a Sanremo, è un’intensa canzone d’amore e di ricerca. Ecco cosa aveva dichiarato, commentando il suo inedito:

La mia è una canzone che parla della ricerca della propria voce, quindi della propria identità, del trovare sé stessi in mezzo al rumore e al caos dei tempi.

Questo pezzo è nato un paio di anni fa per fare da ‘intro’ al mio primo album, poi ho deciso di portarlo al Festival e l’ho ripensato aggiungendoci i tre ritornelli classici del pop.

La sonorità della canzone sarà particolare, perché non si è mai sentita nei miei progetti fino ad ora e sicuramente sarà una bella botta emotiva.

È evidente in chi l’ascolta per la prima volta l’unicità di voce e stile mentre chi la conosce da tempo ha ritrovato il timbro dell’artista con qualche accento melodico, adatto alla realtà sanremese.

Madame: “Chiasmi, figure retoriche, poesia: ho una grande sensibilità riguardo alle parole”

Sicuramente Madame ha una concezione di femminilità diversa dai comuni stereotipi. È l’artista più giovane a Sanremo ed è anche una delle poche cantautrici donna in Italia.

Madame è consapevole delle sue capacità. In un’intervista rilasciata a Repubblica spiga come pur provenendo da un mondo lontano da Sanremo si è sentita libera di partecipare.

Inoltre ha ribadito il fatto che pur essendo giovane ha già alle spalle anni di studio e carriera e non si sente di essere arrivata al successo così in fretta ma di aver fatto un cammino per gradi.

Riguardo all’uso di parole particolari, e al piacere della parola in generale, ecco cosa ha detto:

Quando ero più piccola volevo fare l’insegnate di italiano e di grammatica, sono una intellettualoide che prova a trovare il suo senso in quello che legge e quello che scrive.

“Sciccherie”, ad esempio, è una parola che brilla. Quando una persona parla, in base alle sue parole il discorso è più fluido o comprensibile, o divertente, quindi deve essere così anche nelle canzoni.

Chiasmi, figure retoriche, giochi di parole, poesia, ho una grande sensibilità riguardo alle parole e questo mi piace portare in scena.

Leggi anche: Festival di Sanremo, Lauro: “Mi esibirò per il settore dello spettacolo ferito e vessato”

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie