lunedì, Settembre 26, 2022

Borgonzoni sottosegretaria alla Cultura: “Non leggo un libro da tre anni, non ho tempo”

Lucia Borgonzoni è nella squadra del Governo Draghi come sottosegretaria leghista alla Cultura sotto la guida di Dario Franceschini.

Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Lucia Borgonzoni è nella squadra del Governo Draghi come sottosegretaria leghista alla Cultura sotto la guida di Dario Franceschini.

Ospite della trasmissione di Radio1 Un giorno da pecora, la nuova sottosegretaria ai Beni e attività culturali aveva ammesso:

L’ultima cosa che ho riletto per svago è “Il castello” di Kafka, tre anni fa.

Lucia Borgonzoni, sotto la guida di uno scrittore, ma non legge

Leggo poco, studio sempre cose per lavoro.

L’ultima cosa che ho riletto per svago è Il Castello di Kafka, tre anni fa.

Ora che mi dedicherò alla cultura magari andrò più al cinema e a teatro.

Aveva dichiarato Lucia Borgonzoni durante la trasmissione di Radio1 Un giorno da pecora nel 2018, quando ricopriva lo stesso incarico di sottosegretaria nel Governo Conte I.

Sotto la guida dello scrittore Dario Franceschini, l’appena incaricata sottosegretaria non legge. E quel che preoccupa di più è che non andrà neanche a cinema o a teatro, visto che sono chiusi.

In che senso si occupa di cultura?

Leggi anche: Nicola Molteni, chi è il nuovo sottosegretario all’Interno, che gridava: “Sinistra infame”

Chi è Lucia Borgonzoni?

Chi è Lucia Borgonzoni?

Nata a Bologna, classe 1975, Lucia Borgonzoni è figlia dell’architetto Giambattista Borgonzoni e Nadia Marchionneschi, nonché nipote del pittore Aldo Borgonzoni.

Diplomata in Arti Figurative all’Accademia delle Belle Arti di Bologna, ha esposto le sue opere d’arte in diverse mostre, ha lavorato come designer degli interni e come barista presso il centro sociale LINK di Bologna.

Tesserata leghista dal 1992, durante gli studi superiori, nel 2009 viene eletta consigliere all’interno della coalizione di centro-destra, ruolo da cui si è dimessa una volta eletta consigliere comunale di Bologna alle consultazioni del 2011.

Al ballottaggio alle elezioni comunali del 2016, in cui si era candidata come Sindaco di Bologna, viene sconfitta da Virginio Merola.

Nel 2018 diventa senatrice della Repubblica e dopo essere stata sottosegretaria alla Cultura del Governo Conte I, oggi ricopre lo stesso incarico nell’esecutivo Draghi.

Nel 2019 si candida alla presidenza della giunta regionale dell’Emilia Romagna, con il sostegno del centro-destra, di alcuni partiti minori e liste civiche. Viene nuovamente sconfitta e nel 2020 rinuncia formalmente al seggio in consiglio regionale, scegliendo di rimanere in carica come senatrice.

Leggi anche: Chi sono i nuovi ministri del Governo Draghi? Chi conosciamo e chi no

Come si occupa di cultura l’attuale sottosegretaria al Ministero dei Beni Cultura?

Come si occupa di cultura l'attuale sottosegretaria al Ministero dei Beni Cultura Lucia Borgonzoni?

Insomma, la carriera politica ha tenuto molto impegnata la nuova sottosegretaria e per leggere non c’è stato proprio tempo, almeno fino al 2018.

Sarà forse servita la quarantena per riprendere in mano qualche altro libro? Magari, sentendosi sotto accusa, anche se nel suo caso per via delle sue stesse dichiarazione, avrà sfogliato o sfoglierà anche Il Processo?

Con cinema e teatri chiusi, qualche ora libera dovrebbe averne trovata o, almeno, trovarne.

Nel frattempo, forse si può apprezzare una qualità di Lucia Borgonzoni: la sincerità.

Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie