domenica, 3 Luglio 2022

Leggere, compatte e potenti: le batterie al litio massimizzano l’impianto fotovoltaico

Un impianto di accumulo massimizza il risparmio di un impianto fotovoltaico: ecco come funzionano le batterie al litio.

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Quali sono le migliori batterie per un impianto di accumulo? E perché le batterie al litio sono le più indicate per il fotovoltaico? Quali sono le loro prestazioni e quali i vantaggi di questa tipologia?

Queste sono le più comuni domande che sorgono quando s’intenda installare nella propria abitazione un impianto di energia rinnovabile solare, per beneficiare al massimo della convenienza derivante dall’autoproduzione, l’autoconsumo e l’accumulo di energia elettrica. Ecco dunque tutto quello che c’è da sapere sulle batterie al litio per il fotovoltaico!

Batterie al litio per fotovoltaico, cosa sono

Per massimizzare la convenienza di un impianto di autoproduzione di energia elettrica abbinare al sistema fotovoltaico un accumulatore, o batteria, è una scelta “obbligata” ma estremamente vantaggiosa.

L’accumulo, infatti, permette di immagazzinare durante il giorno tutta quell’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici e non immediatamente sfruttata dalle esigenze dell’abitazione per poterla così riutilizzare nelle ore di buio, senza dover ricorrere all’energia elettrica della rete nazionale.

L’impianto di accumulo è quindi ampiamente raccomandato se non addirittura necessario laddove si viva l’abitazione in questione soprattutto durante le ore serali e notturne, quando il consumo di energia elettrica si fa più massiccio e indispensabile.

Esistono diverse tipologie di accumulatori, ma le batterie al litio rimangono quelle più vantaggiose per quanto riguarda l’affidabilità, la durata nel tempo e l’efficienza dello stoccaggio di energia.

Nel tempo, infatti, le batterie al litio si sono imposte sulle vecchie e pericolose batterie al piombo e a quelle poco pratiche al nichel o nichel cadmio.

Leggi anche: 5 vantaggi per abbinare ai pannelli fotovoltaici un impianto di accumulo

Batterie al litio, come sono fatte

Comunemente utilizzate nell’ambito delle comunicazioni, dei cellulari e della mobilità elettrica, le batterie al litio hanno numerosi pregi: sono ricaricabili, compatte e leggere, oltre ad avere la possibilità di ricarica veloce.

Una batteria al litio possiede un catodo in litio, il polo positivo, e un anodo negativo in carbonio o grafite, ottimi conduttori elettrici.

Grazie alla struttura del litio fosfato, leggera e con grandi capacità di carica, le batterie al litio sono le più ricercate e appetibili per la loro versatilità, oltre che per i costi contenuti data la grande disponibilità delle materie prime necessarie per realizzarle e per il basso impatto ambientale che richiede il loro smaltimento.

I vantaggi delle batterie al litio

Ecco quindi tutti i vantaggi per cui le batterie al litio sono particolarmente indicate per gli impianti fotovoltaici:

  • occupano poco spazio
  • hanno una lunga durata – in media dai 12 ai 15 anni
  • sono leggere ed efficienti
  • hanno prezzi contenuti, e possono essere portate in detrazione con l’Ecobonus o il Superbonus 110% ove applicabile
  • sono solide
  • hanno un’ottima stabilità in tensione, anche qualora sottoposte a grandi carichi
  • non hanno bisogno di essere scaricate del tutto prima della ricarica
  • si ricaricano velocemente
  • possono essere installate sia su impianti già esistenti che essere integrate in un nuovo sistema

Come scegliere il giusto impianto di accumulo

Quando si installa un impianto fotovoltaico si può decidere se montare contestualmente un sistema di accumulo oppure successivamente, con le installazioni cosiddette retrofit.

Nel secondo caso è utile fare una prova con l’impianto di almeno sei mesi per valutarne l’effettiva potenza ed efficacia, così poi da provvedere alla corretta taratura dell’impianto di accumulo da abbinare.

Un altro parametro da considerare è la destinazione d’uso che si vuole fare delle eccedenze della corrente accumulata: ad esempio si potrebbe prevedere di voler acquistare un’auto o una bicicletta elettrica, e in questo caso bisognerà dimensionare attentamente la capacità di accumulo di cui si potrebbe aver bisogno.

In ogni caso sarà necessario installare anche un inverter che possa trasformare la corrente continua della batteria in corrente alternata, utilizzabile dalle utenze di casa.

Leggi anche: Ecco cos’è l’inverter solare, il cuore dell’impianto fotovoltaico

Quanto costano le batterie al litio per il fotovoltaico?

I costi variano a seconda del tipo di impianto di accumulo che si vuole installare e dal momento in cui si decide di farlo, se direttamente con l’impianto fotovoltaico o se in un secondo momento.

Negli ultimi anni i prezzi stanno notevolmente calando, sia per una maggiore richiesta da parte del mercato che per la disponibilità sempre più fiorente di soluzioni possibili.

Per un impianto residenziale standard si può preventivare una spesa che si aggira tra i 1.000 e i 1.200 euro/kWh, ma l’investimento, che si può ammortizzare con gli incentivi statali, viene ammortizzato nel giro di 5/7 anni grazie all’enorme risparmio in bolletta che garantisce.

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Correlati

Fotovoltaico in 3D, il compromesso tra design ed efficienza

Possono i pannelli solari diventare dei veri e propri monumenti artistici? Ecco il fotovoltaico...

Finanza etica, mobilità green ed economia circolare: ecco i cardini del climate change

Si parla sempre più spesso di responsabilità sociale d'impresa, di economia circolare e di...

Data Center a energia pulita contro la carbon thumbprint

L'ossatura su cui si regge internet, i data center, produce tanta energia carbonica quanto...