giovedì, Dicembre 2, 2021

Il vaccino contro il cancro e non solo: le 5 innovazioni che non esisterebbero senza il Covid

In un attimo il Covid ci ha fatto balzare nel futuro: ecco quali sono le 5 invenzioni che non sarebbero esistite senza la pandemia.

Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Di tutte le storie che conosciamo sul Covid, ce n’è una meno nota a cui dovremmo prestare attenzione: quella legata all’accelerazione tecnologica portata proprio dall’emergenza pandemica. 

Dalla medicina alla ristorazione, il Covid ha dato una spinta incredibile alla trasformazione digitale di molti settori, ma non è la prima volta che questo accade. Un’altra tragedia che ha portato ad una forte accelerazione del settore tecnologico è stata la Seconda Guerra Mondiale, con l’invenzione dei primi calcolatori, antesignani dei moderni computer e la creazione dei primi motori jet aerei che hanno spianato la strada agli odierni voli di linea.

È bene, dunque, prendersi un momento per riflettere sulle 5 innovazioni che non sarebbero esistite senza il Covid:

1. I vaccini a mRNA a tempo di record

I vaccini non si creano in un giorno, questo ormai lo sappiamo bene. Ma quello che l’emergenza Covid ha dato alla medicina è un’accelerazione senza precedenti. Proprio a causa della pandemia molti processi che normalmente sono rallentati a causa di burocrazia e mancanza di fondi, hanno visto il dispiegarsi di ingenti risorse e quindi una finalizzazione in tempi molto rapidi. Primo tra tutti il vaccino a mRNA portato alla luce dalle case farmaceutiche Pfizer e BioNTech. Lo studio dei vaccini a RNA messaggero, non nasce con il Covid, ma è un processo che va a avanti da oltre 20 anni e oggi, con i fondi messi a disposizione per l’emergenza dai governi di tutto il mondo è riuscito a venire alla luce, salvando milioni di vite. 

2. Progressi anche contro cancro e HIV

Non solo progressi contro il Covid-19, ma anche per altre malattie che affliggono moltissime persone come cancro e HIV. Proprio pochi giorni fa, in un’intervista, i ricercatori della società BioNTech Sahin e Tureci hanno detto che presto i vaccini a mRNA potranno combattere tumori e altre malattie:

Nel 2022 contiamo di iniziare i test clinici per i vaccini contro la malaria e la tubercolosi. E andremo avanti con il nostro programma di un vaccino contro l’Hiv. Ma non finisce qui: l’mRna ci permette di riprogrammare il sistema immunitario non solo per stimolarlo, ma anche per calmarlo: e questo sarà prezioso per la cura delle malattie autoimmuni, dove i danni sono fatti da un sistema immunitario iper-reattivo e nella medicina rigenerativa.

3. Ha fatto letteralmente decollare il business dei droni

I piccoli veivoli telecomandati esistono ormai da diversi anni e sono impiegati nel mondo del cinema e anche da colossi dell’e-commerce come Amazon. Con la pandemia il loro ruolo è diventato cruciale per il trasporto di sangue, cure contro il cancro e anche dei vaccini. Tenere le persone il più possibile lontano dagli ospedali per evitare di congestionare una situazione già drammatica, ha portato aziende come la società americana Zipline, a vedere il proprio business aumentare in modo esponenziale. Da metà giugno a settembre 2020 la società di droni statunitense ha consegnato oltre 100 mila medicinali, ovvero la stessa quantità di quelli consegnati negli ultimi 3 anni.

4. Food Delivery e Ghost kitchen, nuovi modi di sopravvivenza per il settore della ristorazione

Tra i settori più colpiti dalla pandemia vi è senz’altro quello della ristorazione. Da un giorno all’altro niente più cene fuori e milioni di attività di ristorazione si sono trovate in ginocchio. Ed ecco che iniziano ad organizzarsi le prime consegne a domicilio, anche grazie ad aziende e startup specializzate come UberEats, Just Eat, Deliveroo ecc. A livello mondiale, si stima che i ricavi totali del settore delivery raggiungeranno i 182 miliardi di dollari entro il 2024, un aumento di oltre un terzo rispetto alle proiezioni del 2020.

La crescente richiesta di cibo a domicilio ha portato con sé un altro fenomeno: quello delle cosiddette ghost kitchen o dark kitchen, ovvero dei ristoranti con cucine e cuochi, ma senza posti a sedere, adibiti all’esclusiva preparazione di cibi da consegnare.

5. L’ascesa delle piattaforme di videochiamata

Il distanziamento sociale e le restrizioni legate alla pandemia hanno portato con sé nuovi modi per vivere il lavoro, lo studio e la socialità. Molte aziende hanno adottato lo smartworking per consentire ai dipendenti di portare avanti le loro attività rimandendo a casa, la scuola si è trasformata in insegnamento a distanza, e anche gli aperitvi con gli amici si sono evoluti in video-chiamate. In questo scenario, una startup fino a poco tempo fa sconosciuta, diventa all’improvviso la più importante piattaforma per la nuova vita da remoto. Ad aprile 2020, 300 milioni di persone si connettevano ogni giorno attraverso la piattaforma Zoom, che diventa improvvisamente il nuovo colosso del settore tech. 

Leggi anche: Come rendere piacevole lo smart working? Lavorando dalle Barbados

Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Ultime notizie