giovedì, Ottobre 22, 2020

Lavoro e welfare aziendale: a Bobbio è boom di nascite

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Bobbio è un piccolo paese dell’Appennino emiliano in provincia di Piacenza che conta 3574 abitanti. Il nome di questo comune non è molto conosciuto se non da coloro che abitano nei dintorni, eppure è proprio qui che è avvenuto una sorta di miracolo. Mentre in Italia si registra ovunque un calo delle nascite, il centro piacentino sta vivendo il suo personale boom demografico. Sono nati talmente tanti bambini nell’ultimo anno che si è reso necessario aprire un nuovo asilo nido, struttura che fino ad ora non era mai esistita a Bobbio. La Chiesa locale ha messo a disposizione i suoi spazi per riuscire a crearlo. Da settembre questo nuovo nido sarà finalmente realtà. Don Paolo Cignatta racconta:

In effetti nell’ultimo anno a Bobbio sono nati 30 bambini, un dato che magari non farà tendenza ma che ha riacceso molte speranze. Prima fra tutte quella di non assistere passivamente allo spopolamento della zona. Vuole dire che il declino dei paesi non è un dato inesorabile.

La causa di questo piccolo miracolo è da ricercarsi in una coincidenza o c’è qualcosa di più? A spiegarlo è sempre il sacerdote:

Tutto nasce dal fatto che un’azienda della zona, che si chiama Gamma, ha deciso di non spostarsi da qui: magari le logiche di mercato glielo avrebbero richiesto ma il titolare nel suo piccolo è un imprenditore “alla Olivetti”. Insomma, il lavoro c’è e questo ha creato le condizioni perché accadesse anche tutto il resto.

Questo imprenditore illuminato ha garantito un welfare aziendale che prevede l’asilo nido gratuito per i figli dei dipendenti e questo ha incoraggiato a sua volta le nascite. Continua Don Paolo:

Siamo riusciti a invertire la tendenza e questo pone le basi per tenere in vita una serie di servizi – le scuole superiori, gli ambulatori – ma soprattutto è la dimostrazione pratica che se si creano le condizioni, le comunità non muoiono e le famiglie tornano a fare figli. Con l’imprenditore e il comune abbiamo lavorato insieme: noi abbiamo messo a disposizione i locali dell’ex seminario, che in questo modo tornano alla loro funzione educativa, la Gamma ha finanziato i lavori di ristrutturazione, la Fondazione San Benedetto che già si occupa di scuola, pagherà il personale. A settembre contiamo che tutto sia pronto.

Allora, mentre secondo l’Istat nel 2017 in Italia sono nati appena 450.000 bimbi, Bobbio scommette sul futuro e lo fa con un asilo nido.

Leggi anche: Ha il figlio malato: i colleghi le donano 471 giorni di ferie per stargli vicino   di Martina Mugnaini

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Papa Francesco, sì alle unioni civili: “Le persone omosessuali hanno diritto a una famiglia”

Inclusione, è la parola d’ordine della nuova iniziativa civile di Papa Francesco....

L’Irlanda è il primo paese europeo a imporre un nuovo lockdown

La chiusura totale inizierà alla mezzanotte di oggi e durerà sei settimane. Saranno consentiti solo spostamenti strettamente necessari, ma le scuole, considerate tra i servizi essenziali, rimarranno aperte.

Uccisa dal fidanzato durante il lockdown, oggi la Laurea a Lorena Quaranta

Tra le tante conseguenze del lockdown ci sono purtroppo anche le violenze...

Stanchezza da pandemia: perché siamo più tristi e tesi?

Di recente sentiamo spesso parlare di stanchezza da pandemia. Ma di cosa...