martedì, Gennaio 26, 2021

Muore in un incidente stradale la giovane promessa del volley, Valeria Artini

Una vita spezzata nel fiore della gioventù: Valeria Artini ha perso la vita in un tragico incidente stradale nella provincia di Trento.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Nel tardo pomeriggio di sabato scorso si è verificato un terribile incidente sulla strada provinciale 34, nel territorio del comune di Tre Ville, nella provincia di Trento, che ha portato alla morte di una giovane di 16 anni, Valeria Artini. La giovane si trovava nell’auto con altri tre amici, rimasti gravemente feriti. Non si conoscono ancora le cause che hanno portato allo sbandamento della vettura, finita fuori strada. I feriti più gravi, di 21 e 22 anni, sono stati trasferiti all’ospedale Santa Chiara di Trento, tramite elicottero. L’altra meno grave, una 15enne, è ricoverata a Rovereto.

Morte di Valeria Artini: la dinamica dell’incidente

 Valeria Artini
Incidente nel quale ha perso la vita Valeria Artini.

La vettura, una Toyota Yaris, stava per arrivare a Preore quando si è schiantata contro alcuni alberi posti ai lati della carreggiata per poi ribaltarsi. Nella macchina oltre a Valeria Artini, altri tre giovani: il conducente, un 21enne di Caderzone, un 22enne di Strembo e un’altra 15enne, di Giustino. I due giovani che erano sui sedili posteriori sono balzati fuori dall’auto. La sedicenne, residente a Zuclo, purtroppo all’arrivo dei primi soccorsi era riversa sull’asfalto, già morta. Gli altri due giovani che si trovavano sui sedili anteriori erano ancora all’interno dell’auto quando sono arrivati i soccorsi e sono stati estratti con le pinze idrauliche, si legge da La Voce del Trentino. Al vaglio delle polizia locale la dinamica dell’incidente. Secondo quanto riportato dal TGR Trento un testimone avrebbe dichiarato che l’auto viaggiava ad alta velocità.

Leggi anche: Parma, ci lascia la piccola Alice Scagnelli. La mamma: “Voglio imparare da lei”

Chi era Valeria Artini, promessa del volley

Valeria Artini, figlia dell’ex sindaco di Borgo Lares, secondo quanto riportano amici e conoscenti, era una ragazza solare e piena di potenzialità. Frequentava il terzo anno di liceo all’Istituto Don Guetti di Tione. Oltre ad essere un’appassionata giocatrice di pallavolo, era attiva anche nel sociale e in parrocchia. Avrebbe avuto di certo un futuro nel volley. Si era fatta conoscere nella zona del Lago d’Idro e dell’Alto Garda con amichevoli e partite di campionato. Il presidente dell‘Associazione sportiva dilettantistica Brenta Volley, Stefano Parolari, sulla pagina Facebook dedicata alle loro squadre, ricorda con affetto la giovane appena scomparsa:

Ti abbiamo vista crescere in mezzo a noi, con le tue compagne, in questi bellissimi anni di Tua gioventù ora sbocciata nell’adolescenza.

Tu, come Carla e Enzo, sempre presenti nelle nostre palestre e nei nostri tornei estivi. Come sempre presenti, alle vostre partite, la Tua mamma Cinzia e il Tuo papà Paolo.

Leggi anche: La rinascita di Mila, grazie a un farmaco su misura per lei

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.