giovedì, Dicembre 3, 2020

Il terrorismo è tornato, Al Qaeda spietata contro la cristianità

Il terrorismo è tornato ma in verità non è mai scomparso, anzi in maniera silenziosa e subdola, era lì pronto ad ‘esplodere’ di nuovo con il consueto e raggelante grido: Allāhu akbar (الله أَكْبَر) che tradotto vuol dire «Allah è il più grande».

Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi, giornalista e fotoreporter si occupa di inchieste, reportage in giro per il mondo, cronaca e attualità. Il suo vizio? Guardare oltre, sempre.

Non bastava il Covid, Al Qaeda torna a terrorizzare

Il terrorismo di Al Qaeda che da sempre svolge un ‘ruolo’ fondamentale, sembra sia tornata ad ‘aizzare’ i suoi adepti contro la nazione. Gli obiettivi che l’organizzazione ‘invita’ a colpire? I luoghi di culto cristiani.

Teatro ancora una volta dell’ennesimo, efferato, atto terroristico la Francia, Nizza questa volta. Non bastava infatti, la terribile pandemia da Covid-19 con i suoi 36.020 decessi e 1 Mln di casi totali accertati a decimare i cittadini francesi, no. Ora lo spettro degli attacchi terroristici è più ‘vivo’ che mai e questa volta porta il nome di Brahim Aoussaoud. Il tunisino di 21 anni sbarcato lo scorso 20 settembre a Lampedusa. L’attentatore come riportato dall’Adnkronos era stato già indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. 

Tre persone sgozzate e uccise a sangue freddo

A sangue freddo tre persone sono state sgozzate e uccise in perfetto ‘stile’ terroristico presso la cattedrale di Notre Dame nel centro di Nizza, in Avenue Jean-Medecin. Un’altra persona, un uomo invece è stato aggredito brutalmente presso il consolato francese ma fortunatamente è riuscito a salvarsi. Cosa che purtroppo non sono riuscite a fare il sacrestano Vincent Loquès che, soli 54 anni lascia moglie e due figli. Lasciano le loro famiglie anche le altre due vittime, due donne di cui una è stata quasi sgozzata dall’attentatore. Le indagini, affidate alla Direzione Centrale della Polizia Giudiziaria e alla Direzione Generale della Sicurezza Interna sono state subito avviate e la Procura francese ha aperto un’indagine sull’accaduto per terrorismo. 

Nizza al centro degli attacchi

Nizza non è comunque nuova nell’essere ‘sotto scacco’ del terrorismo. Nel 2016 come scordare le 86 vittime ferite a morte da un camion portato a folle velocità contro i cittadini che, ignari di quanto da lì a poco sarebbe successo, erano presi dalle festose celebrazioni della festa nazionale. Ma è di soli pochi giorni fa l’altra triste notizia della feroce decapitazione del professore Samuel Paty. La sua colpa? Ritenuto blasfemo dopo aver parlato agli studenti delle note vignette di Charlie Hebdo dove il profetto Maometto, veniva in qualche modo ridicolizzato.

Charlie Hebdo e quell’odio mai sedato

La sede di Charlie Hebdo, il noto giornale satirico con sede a Parigi, non dimentichiamolo nel 2015 era stato preso d’assalto dai terroristi islamici. Dodici le vittime e undici feriti caduti sotto i colpi dei kalashnikov di tre uomini incappucciati. Uccisi il direttore del settimanale, Stephan Charbonnier, e i più importanti vignettisti: Cabu, Tignous, Philippe Honore’ e Georges Wolinski, molto famoso anche in Italia. Nell’attentato era rimasto ucciso anche l’economista Bernard Maris, azionista della testata parigina e collaboratore di France Inter. E una donna, Elsa Cayat, a psicologa e psicoterapeuta, che teneva una rubrica ogni due settimane sul magazine.

Ma se il terrorismo internazionale non si arresta, non si ferma di certo  l’incessante attività di cooperazione giudiziaria internazionale correlata alle estradizioni dei molteplici condannati nell’ambito dell’indagine “JWEB” condotta dal R.O.S. dell’Arma dei Carabinieri che il 12 novembre 2015 portò in carcere complessivamente 17 persone che, sotto la guida del Mullah Krekar, avevano costituito in Europa una organizzazione terroristica suddivisa in cellule, denominata Rawti Shax (ritorno alla montagna). 

L’organizzazione terroristica – definita tale dalla Corte di Cassazione che ha già condannato in via definitiva i membri della cellula italiana – si prefissava la restaurazione del Califfato in Iraq e stava predisponendo attentati in Europa nel periodo di massima espansione territoriale dello Stato Islamico del defunto Califfo Abu Bakr al Baghdadi al quale Krekar aveva offerto sostegno e nelle cui fila avevano militato diversi membri di Rawti Shax.

Leggi anche: Attentato a Notre Dame: “L’uomo continuava a gridare Allah Akbar”

La mobilitazione europea contro il terrorismo

Un altro cittadino iracheno condannato per terrorismo quale membro dell’organizzazione terroristica Rawti Shax del Mullah Krekar,  infatti sarà estradato dall’Inghilterra ed è atterrerato a Roma lo scorso 28 ottobre 2020.

Il risultato di questi ultimi giorni è solo l’ultimo in ordine di tempo, frutto della collaborazione tra le Autorità giudiziarie, di Governo e di Polizia del Regno Unito, della Norvegia e della Germania, sotto il coordinamento giudiziario della Procura Generale presso la Corte d’Appello di Trento – sede distaccata di Bolzano – della Procura distrettuale antimafia e antiterrorismo di Trento e del Desk italiano presso Eurojust e il raccordo investigativo di Europol.

Lo scorso 15 luglio 2019, la Corte d’Assise di Bolzano aveva infatti condannato per “associazione con finalità di terrorismo anche internazionale” sei cittadini di origine curdo-irachena, emettendo contestualmente una ordinanza di custodia cautelare nei loro confronti, condanna confermata dalla Corte d’Assise d’Appello di Trento Sezione distaccata di Bolzano in data 18.07.2020 nei confronti di 5 imputati. In particolare, due dei tre imputati residenti in Norvegia tra cui lo stesso Krekar sono già stati estradati in Italia rispettivamente il 26 marzo 2020 e il 03 ottobre 2020, mentre questa sera (28.10.2020) alle ore 20.40 atterrerà a Fiumicino – scortato da personale dell’INTERPOL – Hamad Bakr, alias Rebwar condannato a 7  anni e 6  mesi di reclusione. 

Leggi anche: Bus dirottato nel milanese: condannato l’autista per terrorismo

L’estradizione per due cittadini iracheni in Italia

Ammontano così a due i cittadini iracheni membri di vertice di Ratwi Shax presenti in Inghilterra in attesa di essere estradati in Italia: per uno il trasferimento già predisposto si concretizzerà a breve, all’esito delle formalità sanitarie anti-covid, mentre il secondo deve prima espiare un’altra condanna emessa dalle Autorità inglesi per la sua affiliazione allo Stato Islamico.

In particolare, il gruppo terroristico aveva tra le proprie finalità:l’invio di foreign fighters nelle zone di conflitto tra Iraq e Siria; la partecipazione al jihad su scala globale; l’instaurazione nel Kurdistan iracheno di un califfato regolato dalla legge coranica (sharia); la realizzazione di atti di intimidazione nei confronti di diversi governi occidentali, attraverso la costituzione di cellule dormienti disseminate in tutta Europa. HamadBakr, in forza alla cellula inglese dell’organizzazione e colà operativo, era stato arrestato il 17 luglio 2019 dalle autorità britanniche in esecuzione del provvedimento italiano del 2019.

Il 28 ottobre scorso invece, all’esito di un’operazione congiunta dell’Arma dei Carabinieri e del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (SCIP) della Direzione Centrale della Polizia Criminale, Rebwar sarà estradato in territorio italiano e trasferito in carcere, in attesa della decisione della Suprema.

Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi, giornalista e fotoreporter si occupa di inchieste, reportage in giro per il mondo, cronaca e attualità. Il suo vizio? Guardare oltre, sempre.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

5 idee per un Ponte dell’Immacolata 2020 in Italia

Dove andare il prossimo weekend? Ecco cinque mete per trascorrere il Ponte dell'Immacolata 2020 in Italia.

Al ristorante si ordina carne sintetica. L’ultima da Singapore, ma l’Italia dice no

Da Singapore arriva la carne sintetica. Secondo la rivista del Mit, la...

Matilde Villa, fenomeno del basket a soli 15 anni: il record in A-1 con 36 punti

Il talento di Costa Masnaga, Matilde Villa, si fa notare per una...

Iran, rinviata l’esecuzione di Ahmadreza Djalali

Era prevista tra ieri ed oggi l'esecuzione dello scienziato Ahmadreza Djalali, un...

Alessandro Cecchi Paone: “Una notte io e Paolo Brosio ci siamo baciati”

La confessione del giornalista ha creato imbarazzo e sollevato dubbi. Al momento, però, Brosio non ha negato né confermato le sue parole.