mercoledì, Dicembre 2, 2020

IL LABORATORIO-CILE, ECCO COME ESPLODE LA PIAZZA

Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro, giornalista da quando si usavano le macchine da scrivere, si occupa oggi di innovazione digitale, nuovi media, e-democracy.
Il Cile è oggi il più grande laboratorio di democrazia partecipata. E non parliamo di internet, ma di piazza, di assemblee e anche di scontri violenti. Passaggi di una fase di transizione non tutta rose e fiori. Nel video che IlDigitale.it mostra qui in anteprima, un migliaio di persone circondano e colpiscono una stregua resistenza dei Carabinieros. La piazza ribolle e i risultati arrivano: le troppe diseguaglianze subite a lungo dalla popolazione si stanno incarnando in una proposta di nuova Costituzione attenta allo stato sociale. È stato annunciato in queste ore che il Cile terrà il prossimo anno un referendum per sostituire la Costituzione risalente all’epoca della dittatura di Augusto Pinochet. La decisione è davvero storica, e così in effetti è stata definita anche dal nuovo ministro dell’Interno, Gonzalo Blumel. La mossa, annunciata dal presidente del Senato Jaime Quintana, va incontro alle richieste delle proteste di piazza, sfociate nell’ultimo mese in scontri e violenze che hanno fatto 20 morti.

 

Il nuovo patto sociale, avanti i cittadini

L’attuale Costituzione, in vigore dal 1980 e considerata ispirata all’ancien regime di Pinochet, è stata modificata numerose volte negli anni. La Carta non stabilisce che lo Stato provveda a sanità e istruzione dei cittadini, due delle richieste portate avanti dai milioni di cileni scesi in piazza, nelle ultime settimane. Il Parlamento ha concordato di tenere un referendum, ad aprile 2020, con due quesiti: se la Costituzione deve essere sostituita e se sì, con quale metodo deve avvenire la sua stesura. Ha dichiarato Blumel:

Questo accordo è un primo passo, ma è un primo passo storico e fondamentale per costruire un nuovo patto sociale e in questo la cittadinanza avrà un ruolo guida.
A scatenare la rabbia dei cileni è stato l’aumento del 3,7% del prezzo del biglietto della metro a Santiago del Cile, poi cancellato dal governo. In realtà, quella che si è rivelata la peggiore crisi sociale degli ultimi decenni affonda le sue radici in un sistema socio-economico ereditato dalla dittatura di Pinochet (1973-1990), neoliberale: bassi livelli di salari e pensioni, scarsa assistenza sanitaria pubblica e istruzione, divario sempre più ampio tra ricchi e poveri, con un quinto della popolazione che vive con meno di 140 dollari al mese.
di Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro, giornalista da quando si usavano le macchine da scrivere, si occupa oggi di innovazione digitale, nuovi media, e-democracy.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Stéphanie Frappart, per la prima volta un arbitro donna in Champions League

In Juventus-Dinamo Kiev ci sarà per la prima volta una donna a...

Moderna, vaccino efficace al 100%. Ti vaccineresti?

Nella giornata di ieri Moderna ha confermato l'efficacia del suo vaccino contro...

Tutto quello che c’è da sapere per registrare un marchio

La registrazione di un marchio è attività delicata...

La tragica morte di Veronica Stile e le polemiche sul post sessista di Telenuova

Veronica Stile 33enne di Nocera Inferiore è morta il 27 novembre in...

Germania, auto sulla folla nell’area pedonale di Treviri: 2 vittime, almeno 10 i feriti

È accaduto nel primo pomeriggio, nel principale mercato cittadino della città. L’uomo, un cinquantunenne, è stato fermato dalla polizia.