sabato, Dicembre 5, 2020

Raffaello, il bambino che ripulisce la Senna con i magneti: ha già raccolto 7 tonnellate di rifiuti

Il piccolo ha dieci anni e una rara coscienza ambientalista. A Natale ha chiesto in regalo dei magneti, un gancio, una corda e dei guanti per ripulire il fiume della sua città. Tra le altre cose, dal Senna ha ripescato anche una baionetta del 1874.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Dall’inizio della sua impresa, il giovane Raffaello, 10 anni e una rara coscienza ambientalista vista la giovane età, ha già ripescato dalla Senna oltre 7 tonnellate di rifiuti. Armato di magneti, un gancio, una corda e dei guanti avuti in regalo per il Natale, come da lui desiderato, con l’aiuto di suo padre, Raffaello sta portando avanti la sua personale battaglia contro l’inquinamento.

Il fiume parigino dagli anni ’60, ormai, è stato considerato morto dal punto di vista biologico. Grazie ad alcune leggi e progetti di protezione ambientale negli anni si è un po’ ripreso, ma rimane comunque un fiume molto inquinato. Il piccolo Raffaello, da sempre sensibile alle tematiche sull’ambiente, ha così pensato di poter contribuire per migliorare la sua città.

Come un ambientalista sfrutta la forza dei megneti

Il piccolo Raffaello ha iniziato a raccogliere rifiuti verso la fine del 2019. Le 7 tonnellate già recuperate lungo il fiume e smaltite nei centri di riciclaggio, dunque, sono il frutto di un lavoro di pochi mesi. E in effetti, il fondo della Senna occulta una quantità di oggetti inimmaginabile. Raffaello e suo padre hanno recuperato di tutto: biciclette, batterie di auto, televisori, caldaie, carrelli, della spesa, un’urna funeraria, una motocicletta Yamaha e persino una baionetta del 1874. Ha spiegato il piccolo ambientalista:

Sistemato il magnete all’estremità di una corda con gancio, lo getto in acqua. Quando sentiamo che le cose si muovono, lanciamo l’artiglio, che è una specie di grande gancio che afferra una parte dell’oggetto e ci aiuta a tirare.

Leggi anche: Futuro verde di Parigi, un esempio per il mondo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Benedetta Barzini, prima top model italiana: “L’anoressia malattia grave, ma utile”

È stata la prima italiana a comparire sulla copertina di Vogue America, nel 1963. Bellissima e fascinosa, all’età di 77 anni è protagonista del documentario di Beniamino Barrese, "La scomparsa di mia madre".

Natale con droni, posti di blocco ed esercito, il piano del Viminale per la sorveglianza

Il piano del Viminale interviene per la sicurezza dei cittadini. Affinché si...

Adolf Hitler africano: cosa faresti se alla nascita ti venisse assegnato questo nome?

Di recente è stato eletto in un consiglio regionale in Namibia un...

California: bimbo si suicida a 11 anni, in diretta durante una lezione on line

Un bimbo si suicida all'età di soli anni a Woodbridge, in California....

Autostrade, Castellucci indagato per crollo della galleria Berté in A26

Nel giorno in cui il Riesame dispone la scarcerazione dell'ex dirigente per la vicenda delle barriere fonoassorbenti, Castellucci viene indagato, insieme a una decina di persone, per la mancata manutenzione delle gallerie.