martedì, Ottobre 27, 2020

I colori di Arò, l’arte come vibrazione

Una mostra dal titolo "I colori di Arò" sul pittore Saverio Armenio, in arte Arò, si terrà a Frosinone dal 23 al 31 ottobre presso la villa comunale.

Avatar
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder dell'azienda Identità Digitali e direttore de Il Digitale. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista, scrive di innovazione e cultura. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.

Una retrospettiva dedicata al pittore Saverio Armenio 1924/2000, in arte Arò, si terrà a Frosinone dal 23 al 31 ottobre, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, presso la villa comunale dal titolo “I colori di Arò”, in via Casilina Nord, 31. Lo presentiamo con una nota del critico Franco Miele:

Sembra che Arò abbia raggiunto una sua sintesi formale e una robustezza di linguaggio, dimostrando di aver positivamente assimilato alcune esperienze della ricerca contemporanea. Ma è altresì interessante rilevare che in ogni circostanza il pittore non è mai venuto meno alle specifiche esigenze di un temperamento che è portato a dare corposità al fatto rappresentato in una immediatezza di vibrazioni ampie e cadenzate.

Miele ha ben descritto l’aspetto più caratterizzante dell’arte di Arò:

Arò si inserisce senza confusione nella schiera valida di quegli artisti di nuova generazione che dal ’47 ad oggi vanno percorrendo, senza soste e senza compromessi, la difficile strada di una “riconquista della verità umana”, pagando di persona un pezzo alla genuina conoscenza: un atteggiamento di arte quindi che si risolve coerentemente in un atteggiamento di vita.

Mentre il professor Rosa, che insieme a Toni Amernio, figlio di Arò, ha fortemente voluto questa mostra, sottolinea:

Arò merita di essere ricordato per aver raccontato con originalità la realtà del secondo dopoguerra, con un’umanità eticamente sana e priva delle contaminazioni distruttive contemporanee, con il coraggio intellettuale di non cedere mai al ricatto di un’arte allora troppo spesso sostenuta da sigle partitiche.

Leggi anche: Addio a Philippe Daverio, aveva 71 anni. Portò l’arte nelle case degli italiani

Come racconta bene Nerio Tebano a proposito del rapporto di Arò con la sua terra:

La possibilità di esprimere prima di ogni altra cosa il «suo» sentimento degli uomini e delle cose con la più bella disposizione gli viene dalla forza viva, nativa, che è la sua «mediterraneità» cioè quella sua appartenenza mai rinnegata, alla sua terra d’origine, Taranto, la Puglia, a cui sempre si ispira.

E per concludere vogliamo riassumere Arò con le parole del Professor Rosa:

Arò è un artista che sapeva vedere il mondo con gli occhi di un poeta.

ARò
Teads


Avatar
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder dell'azienda Identità Digitali e direttore de Il Digitale. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista, scrive di innovazione e cultura. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Perché andare al cinema è importante come andare al supermercato

Non si vive di solo pane, eppure la pandemia stravolge completamente le...

Covid-19: come cambierà il lavoro?

Il cambiamento è già in atto. Dopo il nuovo DPCM in vigore...

Chi è Miriam Candurro, una delle protagoniste di “Un posto al sole”

Conosciamo Miriam Candurro per l'interpretazione di Serena Cirillo nella serie tv "Un...

Innamorarsi del proprio carnefice, ecco cos’è la sindrome di Stoccolma

Quante volte durante un film o una serie tv abbiamo sentito nominare...

Se non ti basta chiamarlo Fido: nomi per cani originali

I più tradizionalisti possessori di cani si accontentano dei nomi più comuni...