domenica, Gennaio 29, 2023

Giornata mondiale contro l’Aids: come prevenire l’Hiv e le nuove terapie

Oggi, 1° dicembre 2022, è la Giornata mondiale contro l'Aids. Vediamo come prevenire l'infezione da Hiv e quali sono le nuove terapie.

Rosarianna Romano
Rosarianna Romano, classe 1997. Formazione umanistica e interessi eclettici, sedotta dall'arte e dalla storia contemporanea, ama leggere i libri e la realtà. Nata in Puglia e bolognese d'adozione.

Oggi, 1° dicembre, è la Giornata mondiale contro l’Aids, indetta per la prima volta nel 1988. Non esiste ancora una vera e propria cura per l’Hiv, ma il crescente accesso alla prevenzione, a una diagnosi e a un trattamento ha permesso che l’infezione sia diventata una condizione di salute cronica gestibile.

In questo modo, le persone che contraggono il virus possono condurre una vita lunga e sana. Il tema per la giornata mondiale del 2022 è “Equalize”: lo slogan è condiviso dalla stessa Oms.

Giornata mondiale contro l’Aids 2022

In occasione della giornata mondiale contro l’Aids e del tema del 2022, il direttore esecutivo dell’Unaids, Winnie Byanyima, ha affermato:

Possiamo porre fine all’Aids se poniamo fine alle disuguaglianze che lo perpetuano. In occasione della Giornata mondiale dell’Aids, è necessario che tutti si impegnino a condividere il messaggio che tutti trarranno beneficio quando affronteremo le disuguaglianze. Per mantenere tutti al sicuro, per proteggere la salute di tutti, abbiamo bisogno di Equilibrio.

I dati

Nel 2021 In Italia le nuove diagnosi di infezione da Hiv sono state 1.770, pari a tre nuovi casi per 100.000 residenti, un’incidenza al di sotto della media (4,3) degli altri Paesi dell’Unione Europea. Ogni giorno quasi 5 persone contraggono il virus.

Più di 6 contagiati su 10 scoprono l’infezione quando è già in fase avanzata, non avendo possibilità di iniziare subito le terapie. Secondo alcuni dati diffusi dal Centro Operativo AIDS (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità in occasione della giornata mondiale della lotta contro l’Aids, nel 2021 il 76,4% delle persone cui è stato diagnosticato l’Aids non aveva ricevuto una terapia antiretrovirale prima della diagnosi di Aids.

Le vie di trasmissione dell’Hiv

Le vie di trasmissione dell’Hiv sono:

  1. Sessuale: attraverso rapporti sessuali non protetti.
  2. Ematica: scambio di siringhe, trasfusioni di sangue contaminato.
  3. Verticale: da madre sieropositiva a neonato durante la gravidanza, al momento del parto e, più raramente, attraverso l’allattamento al seno.

Come prevenire l’Hiv

Grazie ai progressi scientifici fatti negli ultimi anni, chi scopre oggi di avere l’Hiv (virus dell’immunodeficienza umana), iniziando nell’immediato le terapie antiretrovirali, disponibili anche in nuove modalità terapeutiche, ha una prospettiva di vita simile a chi non ha l’Hiv.

L’uso corretto del preservativo protegge dall’infezione da Hiv, messo dall’inizio alla fine del rapporto. Per evitare la trasmissione dell’infezione per via ematica, invece, non si devono usare siringhe e aghi in comune, facendo attenzione che gli aghi utilizzati per iniezioni, tatuaggi e piercing siano monouso.

Terapie e novità

Attualmente non esiste una cura definitiva per cancellare il virus dall’organismo né un vaccino efficace. Esistono farmaci che vanno assunti per tutta la vita. Esistono diverse classi di farmaci, che, combinate tra loro, controllano il virus e consentono alle persone sieropositive di avere una buona qualità di vita.

Una nuova frontiera di cure esiste, da alcuni mesi, in Italia. In alternativa alla compressa antiretrovirale quotidiana, è disponibile, infatti, la terapia iniettabile, somministrata in ospedale una volta ogni due mesi. Questa modalità potrebbe comportare risvolti positivi anche per la salute mentale, comportando talvolta un sollievo psicologico, dato dal fatto di non essere costretti a ricordare quotidianamente la malattia ogni giorno con l’assunzione della pastiglia.

Leggi anche: Alzheimer, ci sarà il vaccino? E come agisce?

Rosarianna Romano
Rosarianna Romano, classe 1997. Formazione umanistica e interessi eclettici, sedotta dall'arte e dalla storia contemporanea, ama leggere i libri e la realtà. Nata in Puglia e bolognese d'adozione.

Ultime notizie