Ghali racconta le sue origini a Sanremo: dall’infanzia difficile alla mancanza di suo padre

Ghali ci racconta la vita nel suo quartiere al Festival di Sanremo 2024: "Abitavo in una stanza con mia mamma, c'era poco spazio, ma accoglievamo tutti quelli che non avevano una casa".

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

Ghali si sta preparando per salire sul palco dell’Ariston tra qualche giorno e lo farà con il brano autobiografico “Casa mia”. Il cantante milanese di origini tunisine è cresciuto nella periferia lombarda, più precisamente nel quartiere di Baggio. Ed è proprio qui che ci riporta Ghali, in quell’infanzia difficile, segnata dalla mancanza di suo padre in carcere e in quella casa in cui condivideva solo una piccola stanza con sua madre.

Com’è stata l’infanzia di Ghali nel quartiere di Baggio?

Ghali ha più volte raccontato la sua infanzia e in un vecchio post di Instagram aveva rivelato:

Nella mia casa c’erano solo i muri, il soffitto e il pavimento, niente altro.

Dormivamo sui tappeti e mia mamma cucinava con i fornelli da campeggio.

Mettevamo il latte fuori dalla finestra per tenerlo al fresco.

L’appartamento era molto piccolo, ma c’era tanto spazio e lei non esitava ad ospitare altre persone con il nostro stesso problema.

Ghali amava ascoltare “le storie dei grandi” e “in quei giorni, in questa casa piccola” ha deciso “di fare tesoro di quelle storie e di raccontarle un giorno in qualche modo”. Proprio da quel piccolo appartamento è iniziata la sua carriera musicale e ancora sui social scriveva: “Il quartiere che mi ha insegnato che non ci sono persone cattive nel mondo, ma solo scelte sbagliate. Promettetevi di farcela”.

Di cosa parla “Casa mia” di Ghali in gara a Sanremo?

Ghali non ha mai dimenticato quella realtà, segnata dall’assenza di suo padre in carcere, ma che andava spesso a trovare dopo la scuola. E lo racconta anche in “Casa mia”, canzone in gara a Sanremo. Risuonano forti le parole che sembrerebbero a lui indirizzate: “Ci sarà tempo dai per salutarci, Non mi dire che ho fatto tardi”.

Nel brano il cantautore parla anche di chi, invece, quel quartiere l’ha sempre voluto lasciare: Non mi chiedere come sto, Vorrei andare via però, La strada non porta a casa, Se la tua casa non sai qual è”. Ma per Ghali, come rivela a “Repubblica”, quella piccola casa in periferia è stata, nonostante il passato doloroso, il suo punto di riferimento: “Viaggiando mi sono accorto che c’è un po’ di Baggio in tutto il mondo. Qui sono tutti uguali, stranieri e italiani, hanno tutti gli stessi problemi, vogliono tutti cambiare vita. Per me il quartiere è stato una benedizione“.

Infatti Ghali, in “Casa mia”, immagina un dialogo con un alieno e rivela: “Mi manca la mia zona, mi manca il mio quartiere”. Perché, nonostante tutto, senza il quartiere non sarebbe sul palco dell’Ariston oggi e alla domanda: “Ma qual è casa mia?” ci offre una risposta proprio nella sua canzone: “È dove il prato è verde, sempre più verde e il cielo è sempre più blu”.

Leggi anche: Celentano va a Sanremo? Amadeus: “Un sogno per me, Fiorello e tutti gli italiani”

spot_img

Correlati

Rosanna Banfi sarà nonna: “Mia figlia in menopausa a 27 anni, ora è incinta”

Rosanna Banfi è stata ieri ospite nel programma di Monica Setta, Storie di donne...

La lettera del giovane Sorrentino a Troisi: “A Roma clima freddo, le chiedo di poter lavorare nel suo prossimo film”

Paolo Sorrentino ha presentato al Festival di Cannes il suo ultimo film, Parthenope incentrato...

Chi è Aras Şenol, attore in Terra Amara: vince L’isola dei famosi e dona 50.000 euro alla fondazione Giulia Cecchettin

Aras Şenol è il vincitore de L'isola dei famosi, programma condotto da Vladimir Luxuria....
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img