sabato, Maggio 8, 2021

Dopo il coming out Gabriel Garko torna a recitare con John Malkovich e Nicholas Cage

Gabriel Garko dopo quattro anni di assenza dalle scene torna a recitare con attori internazionali. Il film verrà girato a Civitanova e tratterà il tema dell'alcolismo.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Gabriel Garko ha da poco perso il papà. Proprio ieri si sono tenuti in forma privata i suoi funerali a Frascati, dove nel vicino ospedale era ricoverato a causa di una brutta malattia.

Dopo il coming out fatto in diretta Tv durante le prime puntate dell’ultima edizione del Grande Fratello Vip tornerà presto a recitare in un film indipendente del regista Carlo Fusco insieme ad attori internazionali del calibro di John Malkovich e Nicholas Cage.

Gabriel Garko: “Felice di ricominciare”

gabriel garko_civitanova

A giugno inizieranno le riprese del lungometraggio, che avrà come tema la problematica dell’alcolismo. La location scelta tra innumerevoli possibilità è Civitanova, una cittadina marchigiana situata sulla costa adriatica.

La pellicola, intitolata “Sull’orlo dell’oblio”, verrà girata in inglese ed avrà un cast internazionale. Una volta terminato, ha fatto sapere il regista, per il suo contenuto girerà per vari festival e sarà sicuramente distribuito su piattaforme come Netflix e Amazon Prime.

Gabriel Garko durante la presentazione e l’annuncio del film ha raccontato che negli ultimi quattro anni non aveva lavorato sui set perché aveva deciso di allontanarsi per un po’ dalle scene. Ora però è felice di ricominciare prendendo parte a questo progetto. Si preparerà come ha sempre fatto e lavorare insieme ad attori bravi e competenti potrà solo che essergli di aiuto.

Attori e location del film con Gabriel Garko

La protagonista del film è Ieva Likos, la quale interpreterà una donna in carriera che dopo la separazione dal marito entra in depressione, inizia a consumare alcool e poi ad avere blackout. Incontrerà solo persone che invece di aiutarla peggioreranno ancor di più la sua condizione.

Mentre la collaborazione con attori internazionali, ha raccontato Carlo Fusco, è nata dopo aver conosciuto a Cannes la manager di alcuni attori americani, la quale aveva interesse di farli partecipare a produzioni europee. Da lì è nato già un primo film che il regista ha girato con John Savage e Danny Glover.

La scelta di Civitanova è dovuta invece ad amicizie e conoscenze del posto. Importante inoltre l’incontro con la psicologa Barbara Montisci, la quale ha appoggiato il progetto come pure l’Ordine degli Psicologi. Seppur con linguaggi diversi, afferma la Montisci, psicologia e cinema possono dire la stessa cosa sul disagio e un film può davvero fare cultura psicologica.

Leggi anche: “Zero”: periferie milanesi e soprannaturale nella nuova serie Netflix

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie