sabato, Maggio 21, 2022

Gabriel Garko: “Gay da sempre, 30 anni di amori inventati: un ergastolo”

Gabriel Garko, in una recente intervista, si è raccontato liberamente aggiungendo alcuni particolari dei 30 anni trascorsi a nascondere il suo orientamento sessuale.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Gabriel Garko, in un’intervista al settimanale Oggi, è tornato a parlare della sua vita privata, da due anni dal suo coming out in diretta televisiva al Grande Fratello.

Il bell’attore ora è finalmente libero di vivere alla luce del sole le sue relazioni sentimentali, senza doversi più nascondere. Per trent’anni avrebbe vissuto ingabbiato in un personaggio che non lo rappresentava, solo per proseguire nel ruolo del latin lover.

Garko ha raccontato di aver scoperto il suo orientamento sessuale a 17 anni e di aver avuto la conferma di essere gay quando nell’89, recitando come attore esordiente con Monica Bellucci in Vita con i figli, pellicola di Dino Risi, si accorse di non provare nessun desiderio nei suoi riguardi. Lì comprese che se neanche una donna di così tanto fascino e bellezza non gli suscitava nulla allora era perché preferiva altro.

Gabriel Garko, ingabbiato in un personaggio che non era il suo

Gabriel Garko a quasi 50 anni è finalmente libero di vivere la vita e di parlare apertamente delle sue preferenze sessuali, senza più nessun timore. Al settimanale Oggi ha ricordato alcuni momenti del passato:

Un giorno mi sono guardato allo specchio, e al posto della mia faccia ho visto la copertina di un rotocalco che celebrava uno dei miei amori inventati.

Parlando del lungo periodo trascorso senza poter vivere liberamente la propria identità lo ha paragonato a una detenzione in carcere:

Desideravo uscire, divertirmi, avere un compagno. Ma non puoi perché devi mantenere il personaggio che è il tuo opposto: duro, inaccessibile, sciupafemmine.

È durata 30 anni questa “condanna”: quasi un ergastolo.

Gabriel Garko, gli stratagemmi per nascondersi

Garko ha rivelato anche degli stratagemmi che aveva per mantenere segrete le sue relazioni, come quando Riccardo, suo storico compagno che non presentò mai pubblicamente e con il quale stette 11 anni, faceva finta di lasciare la sua villa dove viveva a Zagarolo, per poi rientrare di nascoso poco dopo. Ecco cosa ha raccontato di quel luogo dove aveva un margine maggiore di movimento:

Un posto lontano da tutti, dove poter essere me stesso… Qui eravamo liberi, anche se quando veniva qualcuno dovevamo nasconderci. Invitavo degli amici a cena?

A fine serata lui fingeva di andarsene, si faceva mezza passeggiata a poi rientrava. Quando al mattino arrivava la donna delle pulizie, si faceva trovare nel letto della stanza degli ospiti anche se avevamo dormito insieme.

In quegli anni fingeva di avere relazioni con donne del suo entourage, come Eva Grimaldi o Manuela Arcuri. Quest’ultima però avrebbe dichiarato che all’epoca non conosceva la verità riguardo alla sua omosessualità e di aver vissuto con lui una reale storia d’amore. Nell’intervista però, alla domanda riguardo all’attrice Garko ha risposto di non volerne parlare, aggiungendo:

Non si è ancora liberata da certi condizionamenti. Spero che lo faccia presto.

Leggi anche: Suicidio Losito, ipotesi testamento falso: il pm vuole riascoltare Gabriel Garko

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie