lunedì, Giugno 21, 2021

La Filarmonica della Scala nelle mani di Etienne Reymond torna in piazza, teatro e tournée

"Guardiamo al futuro con fiducia", Etienne Reymond punta a preservare la Filarmonica della Scala come "una delle migliori orchestre al mondo e la numero uno in Italia".

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

La Filarmonica della Scala conferma l’appuntamento per il concerto gratuito in piazza Duomo e riparte in teatro e in tournée.

Ma niente rasserena gli animi come l’avere dopo ben quattro anni finalmente un nuovo direttore artistico: è il turno dello svizzero Etienne Reymond.

Per la Filarmonica della Scala è l’ora di Etienne Reymond: “Guardiamo al futuro con fiducia”

Per la Filarmonica della Scala è l'ora di Etienne Reymond: "Guardiamo al futuro con fiducia".

Dopo l’addio nel 2017 dello storico direttore Ernesto Schiavi, passato all’orchestra sinfonica della Rai, il posto rimasto vacante per ben quattro anni è finalmente di nuovo occupato: Etienne Reymond, direttore generale e artistico della Stagione Lugano Musica del LAC di Lugano, è oggi anche il nuovo direttore artistico della Filarmonica della Scala.

La scelta non è casuale: il presidente della Filarmonica e di Fondazione Unicredit, Maurizio Beretta, ha sottolineato come all’unanimità si sia giunti a scegliere il nome di colui che non solo ha iniziato la carriera proprio alla Scala di Milano, ma che è stato anche segretario artistico e membro del direttorio della Orchestra Tonhalle di Zurigo.

Il presidente della Filarmonica della Scala incalza:

L’esperienza di Etienne Reymond nella programmazione artistica e la sua rete professionale internazionale saranno essenziali per la Filarmonica della Scala in un momento importante di ripartenza dei concerti al Teatro alla Scala e delle tournée, dopo la forzata interruzione dovuta al Covid-19.

Guardiamo al futuro con fiducia.

Mentre lo stesso il nuovo direttore non ha potuto che mostrare gratitudine per il ruolo conferitogli:

Ho una grande ammirazione per la Filarmonica della Scala e sarò felice di lavorare con il Maestro Riccardo Chailly, i membri dell’orchestra e il Consiglio di Amministrazione sui progetti che l’orchestra ha in programma per i prossimi anni.

Dopo le restrizioni e gli impedimenti legati all’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Covid, come direttore artistico Etienne Reymond ha non solo il prestigioso e importante incarico di far ripartire i concerti al Teatro alla Scala e di organizzare eventuali tournée, ma anche il potere di aiutare l’associazione a “progredire ulteriormente, facendo cose nuove, anche a livello internazionale”.

Leggi anche: Festival di Cannes 2021: “Una fantastica eruzione di ritorno alla vita”

La Filarmonica della Scala riparte

La Filarmonica della Scala riparte.

L’Associazione Orchestra Filarmonica della Scala che riunisce i musicisti dell’Orchestra del Teatro della Scala di Milano finalmente ricomincia la sua stagione di musica e spettacolo.

Il classico concerto in Piazza Duomo è anche quest’anno confermato, anche se spostato di qualche mese: invece che il 13 giugno il grande evento è atteso 12 settembre.

E non è tutto: oltre a una tournée con tappe a Praga e Bucarest, allo scopo di recuperare parte del tempo e delle serate perdute, in autunno è già in programma una serie di sei concerti con direttori come Daniel Harding, Marc Albrecht e Myung-Whun Chung.

Come ribadito dal neodirettore: “La Filarmonica della Scala è diventata una delle migliori orchestre al mondo e la numero uno in Italia”. Ciò significa che molto è stato fatto, ma anche che molto ancora c’è da fare affinché non si perda il prestigio che anni di impegno e sacrifici hanno permesso di riconoscere di buon diritto quella che oggi è un’importante istituzione italiana.

Leggi anche: Roma, Cinema in Piazza 2021: ricomincia oggi l’imperdibile rassegna cinematografica all’aperto

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie