Arzano, faida di Camorra: 3 bombe in 24 ore

Secondo le indagini delle forze dell'ordine sarebbero le famiglie dei Cristiano e dei Monfregolo gli artefici, a suon di attentanti, della guerra per la zone introno ad Arzano.

Tommaso Panza
Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.
spot_img

Faida di Camorra ad Arzano. La situazione nella provincia nord di Napoli non pare fornire nella ultime ore uno scenario tranquillo.

Secondo le informazione delle autorità, le famiglie Cristiano e Monfregolo (entrambi con interessi sulla zona di Arzano) starebbero contendendosi il controllo di territori attraverso una serie di attentati che hanno scaturito l’allarme degli abitanti e delle forze dell’ordine.

Faida di Camorra ad Arzano: attentati dinamitardi scuotono la zona

Faida di Camorra ad Arzano: attentati dinamitardi scuotono la zona

L’ultimo capitolo della faida di camorra ad Arzano ha avuto luogo la scorsa notte. Una bomba è detonatao intorno alle 2:20 in via Sant’Angelo proprio nel paese di Arzano. 

Avvisati del boato, sul posto sono giuni i carabinieri della Compagnia di Giugliano in Campania.

Quella fatta esplodere è stata una bomba carta, piazzata davanti a un edificio al civico 16. Nonostante fosse “solo” una bomba carta, l’esplosione ha provocati gravi danni al cancello ma fortunatamente non si registrate persone coinvolte.

Ma non è tutto, nell’ambito della faida di camorra, domenica 6 febbraio, si è verificato un altro attentato con modalità simili. Una bomba carta è stata fatta esplodere intorno alle 9:30 davanti a un centro scommesse di via Firenze sempre ad Arzano.

Sabato 5 febbraio, intorno alle 22, un altro ordigno è esploso in via Turati, a pochi passi dall’hub vaccinale, davanti a una sala slot, la Royal Chic Vlt.  

Una faida di camorra che va ormai avanti da settimane. Il 23 gennaio scorso un’automobile era stata crivellata di colpi. Il fatto era accaduto sempre in via Turati.

Contro la macchina in questione erano stati esplosi almeno 15 colpi, in quello che altro non poteva essere se non un avvertimento di matrice camorristica e su cui stanno indagando i carabinieri di Giugliano in Campania, dopo il primo intervento dei militari di Frattamaggiore.

Ultimo episodio, quello del 16 gennaio: una bomba era esplosa proprio davanti a un centro estetico al civico 19 di via Giuseppe Di Vittorio.

Lo scorso 18 gennaio scarcerazione di Giuseppe Monfregolo, considerato il vertice del clan. Una scarcerazione dovuta alla non esecutività della pena comminata in primo grado per estorsione ai danni degli imprenditori di Arzano.

Ci sono stati agguati, attentati incendiari e bombe ad Arzano nell’ultimo mese tutto finalizzato al controllo della zona.

Leggi anche: Attentato a Pomigliano d’Arco, il sindaco tre giorni dopo: “Danni incalcolabili”

spot_img

Correlati

Stellantis, approvato il maxi stipendio del CEO Carlos Tavares: quanto guadagnerà al giorno

Il 70,2% degli azionisti di Stellantis, nata dalla fusione di PSA e Fiat-Chrysler, ha...

Zelensky dopo gli attacchi iraniani avanza una proposta agli alleati occidentali

Dopo l'attacco dell'Iran contro Israele, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avanzato una specifica...

Israele chiede all’ONU tutte le sanzioni possibili per l’Iran: qual è stata la risposta?

Secondo il segretario generale dell'ONU, Antonio Guterres, il Medio Oriente si trova attualmente "sull'orlo...
Tommaso Panza
Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.
spot_img