lunedì, Agosto 8, 2022

Vivo l’escursionista disperso da una settimana sulle montagne friulane: “Sta bene”

Escursionista trovato vivo: si è conclusa con un lieto fine la vicenda di Gianpaolo Baggio, il 31enne disperso da una settimana tra le montagne friulane.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Escursionista trovato vivo: si è conclusa con un lieto fine la vicenda di Gianpaolo Baggio, il 31enne disperso da una settimana tra le montagne friulane. Le ricerche, che si sono concentrate sul versante italiano e sloveno del Monte Matajur, hanno permesso di rintracciare il giovane, nonostante le speranze di ritrovarlo in vita fossero ormai quasi svanite.

Gianpaolo Baggio è stato avvistato da un elicottero dei Vigili del fuoco durante l’ennesimo sorvolo sopra la ferrata Palma, luogo in cui l’escursionista aveva detto di essere diretto. Il 31enne si trovava intrappolato in un canalone profondo da cui era impossibile risalire.

Escursionista trovato vivo: le ricerche dei soccorritori

Escursionista trovato vivo: le ricerche dei soccorritori

“Sta bene”: questo il primo commento dei soccorritori in merito alle condizioni dell’escursionista trovato vivo. Gianpaolo Baggio era a un centinaio di metri di distanza rispetto all’itinerario che aveva messo a punto prima di partire.

Delle ricerche si sono occupati il Soccorso Alpino (anche quello sloveno), i Vigili del fuoco, la Guardia di Finanza, i Carabinieri, le unità cinofile, i cani molecolari e la Protezione civile. I tecnici di tutte le forze di soccorso, all’incirca una trentina, hanno esplorato in lungo e largo tutta la parte alta della ferrata Palma, un itinerario attrezzato di più di mille metri di dislivello, coperto da una fitta boscaglia e piuttosto impervio.

Lì era stata agganciata per l’ultima volta la cella telefonica di Gianpaolo Baggio e lì si cercavano eventuali canali o possibili linee di caduta, anche attraverso l’utilizzo di droni.

Escursionista trovato vivo: cosa è successo

Escursionista trovato vivo: le ricerche sono partite lo scorso sabato 25 giugno dopo il mancato rientro di Gianpaolo Baggio. La sua auto, ritrovata a Stupizza, era stata aperta dagli agenti ma non era stato ritrovato alcun indizio utile. Come comunicato dal Soccorso Alpino Fvg, quel giorno l’uomo era uscito per un trekking sul Monte Matajurcon un’amica che poi aveva rinunciato ad accompagnarlo”.

La conferma che Baggio volesse percorrere la ferrata Palma era arrivata dal computer dell’ufficio in cui lavorava, all’interno del quale erano stati ritrovati dati e materiali su quel luogo.

Il sindaco: “Ha escoriazioni, è disidratato, ma è vivo e lo trasporteranno in ospedale”

Escursionista trovato vivo: dunque, Gianpaolo Baggio sta bene, non è ferito e i soccorsi si stanno preparando per recuperarlo con l’elisoccorso regionale. Verrà poi trasferito all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine per effettuare tutti i controlli del caso, visti i giorni trascorsi senza assumere cibo né acqua. Il sindaco di Pulfero, Camillo Melissa, ha così commentato la lieta notizia del ritrovamento:

Una bellissima notizia: il ragazzo è stato ritrovato vivo, ha qualche escoriazione, è disidratato, ma vivo e lo stanno trasportando all’ospedale. Un sincero e sentito ringraziamento a tutti quanti hanno collaborato nelle ricerche, compresi i volontari locali.

Leggi anche: Serena Mollicone, pm: “A toglierle la vita fu Marco Mottola”

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie