giovedì, Giugno 30, 2022

Draghi incontrerà Biden il 10 maggio: cosa succederà dopo?

Draghi incontrerà Biden. I temi che affronteranno saranno il finanziamento della guerra, tramite l'invio di armi all'Ucraina e quello del gas russo.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Draghi incontrerà Biden nel primo pomeriggio di domani, 10 maggio. Si tratta di un viaggio istituzionale che sarà l’occasione per “riaffermare le eccellenti relazioni e la solidità del legame transatlantico”, e fare il punto sul “coordinamento sulle misure a sostegno del popolo ucraino e di contrasto all’aggressione della Russia”, da come fa sapere Palazzo Chigi.

Dai recenti sviluppi pare che l’Italia condivida la strategia americana e della Nato, che consiste nel proseguire a voler rifornire l’Ucraina con le armi, nella speranza che in questo modo si possa porre fine al conflitto.

Al riguardo negli Usa tutto è pubblico, sia la qualità che la quantità dei mezzi spediti a Kiev mentre in Italia il Governo ha secretato la lista degli armamenti inviati in Ucraina. Nel nostro Pese pare ci sia timore nell’essere trasparenti sotto questo aspetto, a motivo forse delle divergenze d’opinione anche interne ai partiti.

Draghi incontrerà Biden: su cosa discuteranno

draghi incontrerà biden_

Draghi incontrerà Biden. Tra i due leader si affronterà certamente l’aspetto del rifornimento armi all’Ucraina. Secondo quanto riportato da il Corriere della Sera Biden riconosce la capacità di Draghi nel tenere una coalizione compatta, nonostante l’emergere di alcune posizioni contrarie, e si aspetterebbe un contributo economico da parte dell’Italia e degli altri alleati per finanziare la guerra, proporzionale al proprio prodotto interno lordo.

Gli Stati Uniti hanno annunciato di voler aumentare gli aiuti all’Ucraini pari a 33 miliardi, di cui 20 in armamenti. All’Italia, secondo tale criterio, spetterebbero 3 miliardi di dollari ma il governo Draghi ha comunicato che una tale cifra sarebbe fuori dalla propria portata, in quanto già la manovra da 14 miliardi per sostenere famiglie e imprese è stata realizzata con grande fatica.

La Casa Bianca però si aspetta che gli alleati, e il nostro Paese, contribuiscano in qualche modo e che il fronte sia compatto. Conosciamo le difficoltà di bilancio dell’Italia, ma adesso la cosa importante è che tutti facciano qualcosa. Questo non significa che il contributo debba per forza essere economico, avrebbe dichiarato l’ambasciatore Taylor al Corriere.

Draghi incontrerà Biden: il tema del gas e dell’invio di altri militari

Un alto aspetto sul quale Biden e Draghi discuteranno sarà il tema del gas. Certamente l’obiettivo è quello di svincolarsi dalla dipendenza dal gas russo e Biden potrebbe offrire ulteriori forniture, che comunque non risolverebbero il problema della quantità e del tempo necessario all’approvvigionamento.

Se l’Italia non potrà interrompere il rifornimento di gas russo, non avrà la possibilità di inviare soldi o armi, le potrà venir chiesto l’invio di altri militari nelle basi Nato, presenti in Polonia, Romania, Bulgaria ed Europa dell’Est.

Inoltre l’incontro sarà anche l’occasione per discutere su sicurezza energetica, cambiamenti climatici, rilancio dell’economia e dei preparativi in vista del G7 e NATO, che si terrà a giugno.

Draghi incontrerà Biden: la leadership e la posizione del nostro premier

Draghi si sta rivelando un forte leader europeo, stimato anche dagli altri alleati e dagli stessi Stati Uniti, il cui peso delle sue scelte e decisioni non può non essere d’esempio.

Ecco quali erano state le sue parole al G7, in riferimento alla posizione dell’Italia e all’intenzione di proseguire nell’invio di armi, come riportato da ilsole24ore:

Dobbiamo continuare a sostenere l’Ucraina e dobbiamo andare avanti con il sesto pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia.

Allo stesso tempo, dobbiamo fare ogni sforzo per aiutare a raggiungere quanto prima un cessate il fuoco e per dare nuovo slancio ai negoziati di pace.

Leggi anche: Putin alla parata del 9 maggio: il discorso di un presidente addolorato

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie