mercoledì, 17 Luglio 2024
spot_img
spot_img

Prodotti biologici e naturali, la differenza: ecco come leggere correttamente l’etichetta di un prodotto bio

Con l’ingresso dei prodotti certificati naturali/biologici nei supermercati, è cresciuta la confusione connessa all’etichetta. Ecco come leggerle correttamente per scelte più consapevoli.

Mara Bruni
Mara Bruni
Ama scrivere di tutto ciò che riguarda l'analisi economica, anche in un'ottica green. Nel tempo libero produce cosmetici ecosostenibili.
spot_img

I prodotti biologici si trovano con sempre più facilità nei supermercati. Non sempre però la dicitura indicata in etichetta corrisponde al vero.

Cosa si intende per prodotto naturale? Ha lo stesso significato di biologico? E il marchio Vegan a cosa si riferisce? Come riconoscere un buon prodotto? Spesso prodotti cosmetici non naturali o biologici riportano in bella vista nell’etichetta illustrativa la presenza di uno/più ingredienti naturali o biologici. Ma ciò significa che tutto il prodotto è naturale?

La risposta è no, ovviamente no. Andiamo con ordine.

Cosa sono i prodotti biologici?

Prodotti biologici e naturali: le differenze

I cosmetici biologici sono prodotti formulati senza petrolati additivi e sostanze chimiche potenzialmente dannose per il nostro organismo e per l’ambiente. Infatti, gli ingredienti utilizzati nella formulazione di cosmetici biologici:

  • provengono da agricolture controllate: non si utilizzano pesticidi, fertilizzanti chimici e OGM;
  • rispettano l’equilibrio dell’ambiente e dell’ecosistema: ecco perché vengono chiamati anche eco-biologici;
  • il cosmetico deve essere inoltre stato prodotto, lavorato e confezionato seguendo alti standard etici e di eco-sostenibilità.

I cosmetici che più facilmente troviamo nel supermercato invece, contengono metalli pesanti, oli di derivazione petrolifera, coloranti artificiali e profumi sintetici che, non solo attaccano lo strato protettivo della nostra pelle entrando in circolo nel sangue, ma sono anche altamente inquinanti.

La legge europea non regolamenta i prodotti cosmetici biologici: le aziende produttrici però, possono richiedere a enti privati particolari, una certificazione che attesti che il prodotto è biologico. La certificazione dei cosmetici quindi, è volontaria.

Invece, l’agricoltura biologica per essere definita tale, deve seguire le normative dell’Unione europea.

Qual è la differenza tra prodotti biologici e naturali?

Un prodotto è naturale quando contiene ingredienti di derivazione naturale, ossia elementi vegetali, animali e minerali. Il punto è che un prodotto naturale non è per forza anche biologico.

Quindi, non ci sono certezze sul fatto che gli ingredienti di derivazione naturale siano stati coltivati rispettando le norme che regolamentano l’agricoltura biologica.

Come abbiamo sottolineato, tutti i prodotti biologici hanno una certificazione (su base volontaria) che viene elaborata da istituti, associazioni ed enti privati come ICEA , ECOCERT, AIAB, BDHI.

La certificazione permette di accertare che nel prodotto non solo è presente una percentuale di materiale biologico, ma anche che ogni fase di produzione del prodotto rispetti standard di qualità. Ciò può invece non accadere per un prodotto naturale.

Inoltre, i prodotti biologici devono essere cruelty free: né il prodotto né i suoi ingredienti, devono essere testati sugli animali. Molti prodotti biologici hanno anche la certificazione Vegan, che assicura che il prodotto non contenga ingredienti animali o di origine animale. Quindi sono esclusi ingredienti come miele, latte, uova, proteine della seta, collagene e cheratina.

Bisogna stare attenti però: se un prodotto ha solo la certificazione Vegan, può essere comunque stato prodotto con ingredienti chimici, dannosi per il corpo e per l’ambiente, poiché non essendo di origine animale, possono essere inclusi tra gli ingredienti del prodotto.

Ovviamente questo problema non si verifica quando acquistiamo prodotti biologici.

Leggere correttamente le etichette di un prodotto: l’INCI

prodotti biologici come riconoscerli

L’INCI, International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, è una denominazione internazionale utilizzata per indicare in etichetta gli ingredienti presenti in un prodotto cosmetico ed è obbligatorio dal 1997.

Capire l’INCI ci permette di leggere gli ingredienti che sono presenti nel prodotto e capire cosa acquistare e cosa non acquistare.

Molte case produttrici di cosmetici etichettano i loro prodotti come biologici, ma spesso di biologico in quel prodotto c’è al massimo un ingrediente. Il che non rende tutto il cosmetico biologico. Per riconoscere un prodotto biologico dobbiamo invece vedere la certificazione biologica che ci assicura su tutto il processo di produzione del cosmetico. Un prodotto biologico quindi non può non avere la certificazione.

Imparare a riconoscere le aziende che producono cosmetici biologici ed imparare a leggere l’INCI. Ciò ti permette di fare acquisti in modo consapevole, non solo per la nostra salute, ma anche per l’ambiente.

Leggi anche: Proteggere le api per salvare il nostro ecosistema: ecco come fare anche nel nostro piccolo

spot_img
Mara Bruni
Mara Bruni
Ama scrivere di tutto ciò che riguarda l'analisi economica, anche in un'ottica green. Nel tempo libero produce cosmetici ecosostenibili.

Correlati

I quartieri migliori per i Millennial nella città di Milano

Con il termine “Millennial” ci si riferisce alla generazione dei nati tra i primi...

90 anni di Giorgio Armani: giacca destrutturata, lo stile a Hollywood, il lavoro che non lascerà mai

Giorgio Armani compie oggi 90 anni. Come riporta il "Corriere della Sera" era prevista...

Mark Zuckerberg sceglie la Costiera Amalfitana: la vacanza in yacht da 300 milioni

L'Italia è una delle mete preferite dei turisti stranieri, e quest'anno è stata scelta...
spot_img