martedì, Marzo 2, 2021

Decreto Natale, il vademecum: ecco cosa si potrà o NON si potrà fare durante le feste

Dal 21 dicembre al 6 gennaio tutta l'Italia dovrà rispettare la zona rossa, eccezion fatta per i giorni a cavallo tra le feste. Colori alternati, regole, deroghe ed eccezioni però rischiano di confondere. Ecco perché un vademecum.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Cosa si potrà o non si potrà fare durante queste particolarissime vacanze natalizie? Il continuo cambio di colori delle regioni, dal giallo al rosso, passando per l’arancione, e le varie regole e deroghe per gli spostamenti prima, durante e dopo le feste, hanno creato non poca confusione negli italiani.

L’ultimo decreto del 18 dicembre, il decreto Natale appunto, dovrebbe essere quello definitivo e proprio per aiutare i cittadini a fare chiarezza, il Governo ha pubblicato un vademecum riepilogativo, sotto forma di domande e risposte.

Decreto Natale, quando è consentito spostarsi?

Decreto di Natale_Giuseppe Conte
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la sua ultima conferenza stampa di presentazione del decreto Natale del 18 dicembre.

Sarà possibile tornare alla propria residenza, domicilio o abitazione tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, se per qualsiasi motivo ci si trova ancora in un’altra Regione?
Sì, il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre un motivo legittimo di spostamento.

Sarà possibile spostarsi per tornare al proprio luogo di lavoro o per motivi di necessità o di salute?

Sì, gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità sono sempre possibili, senza distinzione tra giorni e orari.

Sono concesse le visite a parenti e amici?

Durante le feste sarà consentito andare a trovare amici o parenti?

La risposta a questa domanda varia in relazione ai giorni, al luogo di partenza e alla destinazione del proprio spostamento.

Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, sono vietati tutti gli spostamenti, anche per far visita ad amici o parenti, che comportino l’uscita dalla Regione in cui si vive o in cui si risiede.

Nei giorni festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1°, 2, 3, 5 e 6 gennaio) sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone.

Nei giorni 28, 29 e 30 dicembre e 4 gennaio sarà possibile spostarsi liberamente, fra le 5.00 e le 22.00, all’interno del proprio Comune. Conseguentemente sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali, una sola volta al giorno.

La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili che con loro convivono.

Sempre nei giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio, sarà possibile, per chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti, spostarsi liberamente, tra le 5.00 e le 22.00, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia.

Decreto Natale, quando è consentito spostarsi verso seconde case

In quali casi è possibile spostarsi nella seconda casa nel periodo dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021?

Nel periodo compreso tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, gli spostamenti di un nucleo familiare convivente verso le seconde case sono sempre consentiti, dalle 5 alle 22, purché all’interno della propria Regione. Vietati gli spostamentiverso nelle seconde case se ubicate in altre Regioni.

Genitori e parenti in difficoltà

I miei genitori, anziani ma in buona salute, vivono in una regione diversa dalla mia. Posso andare a trovarli per le feste?

No, nel periodo compreso tra il 21 dicembre e il 6 gennaio questi spostamenti sono vietati.

Ho dei parenti non autosufficienti che vivono in casa da soli, in un altro comune/regione, e ai quali periodicamente dò assistenza. Potrò continuare a farlo anche dal 21 dicembre al 6 gennaio?

Lo spostamento per dare assistenza a persone non autosufficienti sarà consentito anche dal 21 al 6 gennaio, anche tra comuni/regioni in aree diverse, ove non sia possibile assicurare loro la necessaria assistenza tramite altri soggetti presenti nello stesso comune/regione.

Decreto Natale, le sanzioni previste per il mancato rispetto delle regole

In caso di violazione dei più stringenti divieti di spostamento previsti durante le prossime festività, si applica comunque la consueta sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro?

Sì, la sanzione applicabile è quella amministrativa, da 400 a 1.000 euro, eventualmente aumentata fino a un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo.

In caso di accertamento di una violazione alle disposizioni che non ritengo motivato, come posso far valere le mie ragioni?

La valutazione circa la sussistenza di motivi giustificativi, e in particolare quelli per le situazioni di necessità, rispetto alle variegate situazioni che possono verificarsi in ciascuna vicenda concreta, resta rimessa all’Autorità competente.

Il cittadino che non condivida il verbale di accertamento di violazione redatto dall’agente operante può pertanto fare pervenire scritti e documenti difensivi al Prefetto.

Leggi anche: Autodichiarazione per gli spostamenti durante le festività: ecco quando serve

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie