sabato, Febbraio 27, 2021

Nevicate record in Alto Adige, crolla il Palaghiaccio di Vipiteno

Le abbondanti nevicate in Alto Adige stanno creando molti problemi. Ieri, a San Candido in val Pusteria è crollato un fienile e questa mattina ha ceduto la struttura del palaghiaccio di Vipiteno sotto il peso della neve.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Questa mattina è crollato il tetto del Palaghiaccio di Vipiteno sotto il peso della neve. Il cedimento della struttura è avvenuto verso le 7 di stamattina a causa delle abbondanti nevicate che stanno colpendo l’Alto Adige in questi giorni.

L’impianto era chiuso: nessun ferito ma enormi danni. Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco per mettere in sicurezza la zona.

Il tetto del Palaghiaccio di Vipiteno è crollato

Palaghiaccio di Vipiteno.

Il tetto del Palaghiaccio è crollato a causa delle abbondanti nevicate di questi giorni. L’accumulo del manto nevoso, particolarmente pesante, sul tetto insieme all’aumento delle temperature ha causato il crollo.

Il tetto del palazzo del ghiaccio, ‘Weihenstephan Arena’, dunque, è crollato distruggendo l’intera struttura. La squadra di hockey dei Broncos Vipiteno giocava nel Palaghiaccio le partite del campionato di Alps Hockey League. Fortunatamente al momento del crollo, all’interno del Palaghiaccio non c’era nessuno.

Leggi anche: Maltempo in Italia, valanga uccide alpinista a Mortirolo, evacuati due hotel al Terminillo

Palaghiaccio di Vipiteno crollato, nevicate record in Alto Adige

Palaghiaccio di Vipiteno neve.

L’Alto Adige sta registrando nevicate record. Il meteorologo provinciale Dieter Peterlin, ha spiengato all’ANSA, che dall’inizio dell’inverno sono caduti 285 litri/mq, cioè tre volte il valore della media pluriennale.

I vigili del fuoco sono intervenuti immediatamente nella zona del Palaghiaccio di Vipiteno ma anche in diverse zone della provincia per liberare i tetti dalla neve. Il manto nevoso a Vipiteno e San Candido, dove ieri è crollato un fienile, è di circa 30-50 centimetri. La neve, però, si è compattata a causa dell’escursione termica giornaliera quindi è abbastanza pesante.

Leggi anche: Neve in Veneto, Bottacin: “Disponibilità del Governo per lo stato d’emergenza”

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie