martedì, Ottobre 20, 2020

Coronavirus, l’inquinamento scende del 50% in Europa

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Il nuovo Coronavirus, tristemente noto per i seri problemi respiratori che sta causando in tutto il mondo, si sta rivelando paradossalmente un sistema che ci aiuterà a respirare meglio in futuro. In che modo? Abbattendo drasticamente l’inquinamento delle nostre città. A confermarlo è l’Esa, l’agenzia spaziale europea, che con la sua missione Copernicus sta monitorando la nostra atmosfera da ormai diversi mesi. Tra i composti analizzati vi è il diossido di azoto e secondo le analisi dell’ente spaziale, le misure di lockdown adottate in tutta Europa avrebbero causato proprio una diminuzione di questo elemento, addirittura del 50% in alcuni paesi.

Inquinamento dimezzato a Parigi, Roma, Milano e Madrid

Questo drastico calo è visibile nelle nuove mappe che mettono a confronto i dati raccolti a marzo e aprile 2019, con i nuovi dati raccolti tra metà marzo e metà aprile 2020. È proprio in quest’ultimo periodo infatti che i governi europei hanno chiesto ai propri cittadini di stare a casa il più possibile per ridurre la diffusione del virus. Secondo queste mappe, la riduzione più sorprendente di diossido di azoto si è registrata nelle aree urbane. A Parigi i livelli sono scesi del 54%, a Roma, Milano e Madrid, del 45%. Il diossido di azoto è prodotto da fabbriche, impianti elettrici, veicoli e ha un impatto molto negativo sulla salute umana, causando anche disturbi respiratori molto gravi.

Un margine di errore del 15%

I suoi livelli di concentrazione nell’aria variano molto anche a seconda delle condizioni meteorologiche, perciò è necessario analizzare i dati su un lungo periodo per poter avere dei risultati affidabili. Come spiega il dottor Henk Eskes, del KNMI, il Reale istituto meteorologico d’Olanda:

Analizzare i dati su un lungo periodo di tempo ci permette di vedere in maniera più chiara le variazioni della concentrazione del diossido di azoto in relazione all’attività umana. Per questo, la mappa mostra le concentrazioni su un periodo di un mese, con un margine di errore del 15%.

Nelle prossime settimane gli scienziati del KNMI continueranno a lavorare ad analisi ancora più dettagliate sui paesi del nord Europa, che sono quelli che hanno una variabilità climatica più elevata.

La missione Copernicus Sentinel-5P

La Sentinel-5P è la prima missione del programma Copernicus dedicata al monitoraggio della nostra atmosfera. I gas tracciati oltre al diossido di azoto sono ozono, formaldeide, anidride solforosa, metano, monossido di carbonio e gli aerosol. Tutti responsabili dello stato di inquinamento dell’aria che respiriamo e di conseguenza della nostra salute e del nostro clima. Gli scienziati del KNMI, hanno monitorato i dati atmosferici degli ultimi mesi utilizzando lo strumento Tropomi, che sta per TROPOspheric Monitoring Instrument. Come spiega Josef Aschbacher, Direttore Esa dei Programmi di Osservazione della Terra:

Tropomi, a bordo di Copernicus Sentinel-5P, è lo strumento più accurato oggi per misurare l’inquinamento atmosferico dallo spazio. Queste misurazioni, disponibili a livello globale grazie alla politica dei dati libera e aperta, forniscono informazioni vitali per i cittadini e per gli organi decisionali.

Torneremo a respirare

Già lo scorso mese Claus Zehner, responsabile della missione Copernicus Sentinel-5P, aveva commentato:

Anche se potrebbero esserci minime variazioni nei dati, dovute alla copertura nuvolosa ed al cambiamento del tempo, siamo molto fiduciosi che la riduzione di emissioni che possiamo osservare coincida con la serrata in Italia che determina meno traffico e meno attività industriali.

I nuovi dati confermano questo ottimismo e se torna a respirare il pianeta, ci auguriamo che torneremo a respirare liberi anche noi. Leggi anche: Coronavirus, ha liberato dall’inquinamento le nostre città di Clarice Subiaco

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Nuove graduatorie e concorso per la scuola

Le nuove graduatorie provinciali GPS e l'atteso concorso straordinario per i docenti...

Lago d’Aral, la rinascita di un tesoro quasi scomparso

Un tempo era uno degli specchi d’acqua tra i più grandi al mondo, oggi è considerato uno dei più gravi disastri ambientali del Pianeta. Dagli anni 90 si lavora per la rinascita del lago d'Aral.

Addio a Lea Vergine, la curatrice d’arte scompare un giorno dopo suo marito Enzo Mari

Il suo contributo nella rivalutazione dell’opera artistica femminile è stato prezioso e rivoluzionario. Lea Vergine muore a 82 anni, un giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita, il designer Enzo Mari, per complicazione da Covid-19.

Stop a cartelle esattoriali e pignoramenti per tutto il 2020

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto che sospende fino al 31 dicembre 2020 la ripartenza delle riscossioni. Lo stop riguarda le nuove cartelle, i pagamenti di quelle già ricevute e i pignoramenti.

Coprifuoco in Lombardia dalle 23 alle 5. Fontana: “Evitare il collasso nei prossimi 15 giorni”

Il nuovo Dpcm emanato dal Premier Conte la scorsa domenica affidava ai...