Come proteggere la pelle dal Sole per una stagione primavera-estate sicura

Come proteggere la pelle dal Sole in vista dell'estate? Ecco le sane abitudini da adottare e tutti i rimedi per evitare scottature.

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

Con l’arrivo della primavera alle porte sempre più persone sono convinte che non sia necessario proteggere la propria pelle dal Sole, anche durante una tranquilla passeggiata domenicale in riva al mare o al parco. Ma perché così importante utilizzare le protezioni solari prima dell’estate?

I raggi del Sole, anche prima della bella stagione, possono scottare la pelle e la quantità di radiazioni che giunge in primavera è pressoché identica a quella durante la stagione estiva. Perciò, è necessario utilizzare le creme solari anche dopo una breve camminata sulla spiaggia o dopo l’attività fisica immersi nel verde, non solo per evitare le scottature, ma soprattutto per scongiurare rischi ancor più gravi, come ad esempio quello dell’insorgenza dei tumori.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il cancro della pelle è il tipo di cancro più comune al mondo e secondo lo studio del 2020 Advances and controversies in studying sunscreen delivery and toxicity ha dimostrato che l’incidenza dei tumori della pelle continua ad aumentare a causa dell’errata e scarsa applicazione delle creme solari.

Un altro importante studio, inoltre, condotto dal Journal of Clinical Oncology, ha dimostrato che l’applicazione di creme solari con SPF, fattore di protezione solare di almeno 30, può ridurre di gran lunga il rischio di melanoma, il tipo più pericoloso tumore della pelle. Bastano delle piccole accortezze per evitare di incorrere in rischi gravi.

Tutto quello che devi sapere per proteggere la tua pelle dal Sole

L’esposizione al Sole, in qualsiasi periodo dell’anno apporta numerosi benefici, tra cui la produzione di vitamina D che aiuta a mantenere le ossa sane, con effetti anche sulla salute mentale, migliorando l’umore e prevenendo la depressione e giocando un ruolo importantissimo sul sistema immunitario. E un filtro solare 30 SPF consente una buona assimilazione della vitamina D. Allo stesso tempo, però, una prolungata esposizione al Sole, senza crema solare può causare, come afferma “That’so”:

  • Macchie alla pelle
  • Rughe
  • Accelerazione del processo di invecchiamento
  • Tumori, nei casi più gravi

Scegliere una crema solare adatta al proprio tipo di pelle può essere, talvolta, complicato, ma è necessario prestare attenzioni ad alcuni fattori, anche per tutelare l’ambiente come sostiene “Istituto Oikos”:

  • La crema solare deve avere una quantità adeguata di fattore di protezione e bisogna utilizzarne una molto alta, se si ha la pelle molto chiara, nei primi giorni di mare e se si svolgono attività prolungate sotto il Sole
  • Per essere davvero efficaci e garantire una protezione maggiore, le creme solari devono contenere sostanze come l’ossido di zinco e il biossido di titanio
  • Non usare protezione spray, in quanto una parte di ciò che viene spruzzato si può disperdere nell’ambiente

Le sane abitudini da adottare

Ecco tutte le sane abitudini da adottare per prepararsi al meglio in vista dell’estate, come sostengono gli esperti di Microbiologia Italia:

  • Utilizzare, come già accennato, una crema solare che abbia un SPF non inferiore a 30
  • Applicare la protezione solare 15-20 minuti prima di fare un bagno o esporsi al Sole e riapplicarla dopo aver nuotato o dopo attività sportive svolte sulla spiaggia
  • Evitare l’esposizione prolungata sotto i raggi solari nelle ore più calde, più precisamente tra le 10:00 e le 16:00
  • Non bastano le creme solari, anche una dieta equilibrata ricca di vitamine e minerali aiuta a proteggere la pelle adeguatamente
  • Bere molta acqua e utilizzare creme idratanti oltre a quelle solari

Ecco cosa dichiara il professore e dermatologo Antonino Di Pietro a “Sanità Informazione” sul perché sia fondamentale utilizzare le protezioni solari: “La pelle è più delicata nei bambini e negli adulti over 45, ma brucia a qualsiasi età se esposta in maniera eccessiva al sole e non ben protetta”.

Ha spiegato cosa succede quando si rimane per troppo tempo sotto il Sole: Quando si prende il Sole è come essere colpiti da tanti spilli, entrano nella pelle, favoriscono la formazione di radicali liberi e provocano l’invecchiamento dell’epidermide. Al contrario la protezione solare crea uno schermo che impedisce la penetrazione e di conseguenza la distruzione delle cellule con l’alterazione del DNA che può provocare tumori della pelle”.

Cosa è necessario evitare secondo il professore e dermatologo Antonino Di Pietro?

Secondo il professore e dermatologo Antonino Di Pietro è necessario mantenere una corretta idratazione, e indica cosa invece sia da evitare: “È importante iniziare con una esposizione di circa 20 minuti al giorno per favorire la produzione di melanina e la giusta dose di vitamina D. Mentre sono da evitare le lampade abbronzanti, perché in quel caso la produzione di melanina è debole e tende a scomparire dopo pochi giorni”.

Ha aggiunto Di Pietro: Mettere una crema idratante dopo una giornata di Sole è fondamentale per ricreare i collegamenti tra le cellule ed evitare l’insorgenza di scottature. Nel caso di una scottatura è bene ricorrere poi a una crema ad azione lenitiva e rinfrescante contenente ossidi come lo zinco”.

Tutti i rimedi per evitare scottature

Non solo sane abitudini, vi sono alcuni rimedi per scottature da sole, come suggerisce la dottoressa Monica Negri, Direttore del Servizio di Dermatologia, IRCCS MultiMedica:

  • Indossare il giusto abbigliamento, come camicie a manica lunga, pantaloni lunghi e cappelli a tesa larga. Sono preferibili colori blu o rosso scuro e tessuti a maglia stretta, che offrono una maggiore protezione dal Sole
  • Non guardare mai direttamente i raggi solari, poiché potrebbero verificarsi danni importanti agli occhi
  • Utilizzare sempre occhiali da Sole con lenti che possano proteggere dai raggi UV
  • Bisogna mettere la crema anche quando non ci sono giornate particolarmente soleggiate. Infatti, le radiazioni solari non provengono esclusivamente dal Sole, e le nuvole riescono a bloccare parzialmente i raggi solari

Leggi anche: Bambini e vacanze, ecco il vademecum dei pediatri per un’estate in sicurezza

spot_img

Correlati

Come funziona la stimolazione magnetica transcranica per curare l’ansia e i traumi

Combattere l'ansia e lo stress si può grazie alla TMS, Stimolazione Magnetica Transcranica, ossia...

Alzheimer, l’AI individua la malattia già 6 anni prima dal tono di voce

L'Alzheimer potrebbe essere diagnosticato con molti anni in anticipo grazie all'AI. Più in particolare,...

HIV, come fare prevenzione, dalla PrEP alla terapia antiretrovirale: nuovi farmaci entro il 2025

Novità per l'HIV. Si sta ora svolgendo la 16esima edizione dell'ICAR, Italian Conference on...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img