giovedì, Novembre 26, 2020

Cile, Honk Kong, Gilet gialli. Le rivolte senza guida

Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro, giornalista da quando si usavano le macchine da scrivere, si occupa oggi di innovazione digitale, nuovi media, e-democracy.

Il Cile in rivolta. Barcellona sulle barricate. Il Libano in tumulto. Honk Kong in fiamme. E a Parigi si sono ripetute per un anno le più violente battaglie urbane dal maggio ’68, guidate dalla rabbia dei Gilet gialli. Sempre diverse nelle motivazioni formali e più immediate, le rivolte efferatissime e disperate hanno più d’un tratto in comune. Sono spesso i più giovani, i ventenni a dare fuoco alle polveri, anche con una muscolarità inattesa. Una generazione che passa dal joystick alla molotov con la fluidità di chi guarda al mondo come a una successione di livelli di videogioco. Ma anche la nebulosa di corpi nerboruti e senza testa.

A Santiago del Cile il caos ha provocato la devastazione di novanta stazioni della metropolitana, date alle fiamme, come pure di centinaia di negozi, supermercati e banche depredate e distrutte. Uno scenario apocalittico largamente imprevisto dalle autorità cilene, colte di sorpresa come in un film distopico.

“È come se ci fosse stata una invasione aliena”, s’è lasciata sfuggire la first lady cilena, novella Maria Antonietta. Il Cile è un paese ricco dove il Pil corre e la redistribuzione della ricchezza deve diventare una priorità: il risveglio improvviso dal torpore di un ciclo liberista a senso unico mette le élite sotto choc. Perché nell’epoca dell’immediatezza e della disintermediazione non è più tollerabile l’esclusione dalla circolarità lineare dell’economia. A maggior ragione agli occhi dei digital native, che nascono con l’introiezione dell’orizzontalità interconnessa della Rete.

Gli economisti e i politologi non riescono più, non a caso, a fare analisi predittiva. Il piccolo aumento mensile sull’abbonamento della metro, come fu per quei pochi centesimi di rialzo del gasolio in Francia, non basta a giustificare l’ordalia delle violenze. C’è dell’altro, se abbiamo perso tutti la misura e la dimensione delle cose. C’è molto altro, se la società liquida di Bauman è diventata gassosa e si materializza in una miscela pronta ad esplodere all’improvviso: nitroglicerina, senza contenimento possibile. La fragilità di un mondo che pensiamo di conoscere e che da un giorno all’altro si contrappone all’ordine costituito, decostruisce anche il nostro ordine mentale.

I radar della storia sono andati tutti fuori uso: la deriva antisistema americana che ha portato a eleggere Donald Trump, la scioccante affermazione della Brexit, l’impunità per i paramilitari in Brasile. La rinascita dell’islam radicale in Turchia. Tutti fenomeni che parlano della latenza di un conflitto sociale profondo e che rispecchiano l’implosione silente ed erosiva dell’individuo, ormai privo di sé. Eserciti di Alieni che non rispondono più alla costante di una storia politica basata, negli ultimi centotrenta anni, sull’umanesimo costruttivo. O forse nuovi terrestri che dimostrano alla vecchia guardia la sua alienazione. La storia dell’umanità è costellata di rivoluzioni, sì. Ma avevano un fine ideale, una regola di condotta e una leadership incarnata. Oggi no. Dopo un anno di manifestazioni dei Gilet gialli, non è emersa una sola figura di portavoce. E in Cile nessuno assume la paternità di un gesto, rivendica per sé un ruolo di guida. Lo stato gassoso delle rivolte non può portare a niente di costruttivo: è come se la guerra ai vecchi mulini a vento, la stesse facendo il vento stesso. Può travolgere tutto, sì. Ma con il solo vento si costruisce poco.

Leggi anche: Catalogna: perché la politica ha bisogno di Dialogo e Intelligenza Emotiva

di Aldo Torchiaro

Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro
Aldo Torchiaro, giornalista da quando si usavano le macchine da scrivere, si occupa oggi di innovazione digitale, nuovi media, e-democracy.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al mondo?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

È morto Maradona per arresto cardiocircolatorio

La fine di una leggenda: a 60 anni muore Diego Armando Maradona,...

La rinascita di Mila, grazie a un farmaco su misura per lei

Mila ha otto anni ed è affetta da un rarissimo disturbo neurologico. Gli scienziati sono riusciti a creare un farmaco su misura per lei. Quali i risvolti etici?

Tragedia a Palermo, bambina cade e muore a scuola. Aveva appena 10 anni

Tragedia a Palermo, nella scuola media Vittorio Emanuele Orlando. Nella mattinata di...

Femminicidio a Padova, uccide moglie incinta: la violenza sulle donne non si ferma, neanche oggi

Oggi, nella giornata della lotta contro la violenza sulle donne, si è...

Plastica biodegradabile che si dissolve in acqua, la rivoluzione di Sharon Barak

L'ultima innovazione della scienza verso un'economia sempre più verde è la plastica biodegradabile: non inquina. Si dissolve in acqua in pochissimi secondi e resta così pulita da poter esser perfino bevuta.