Chi era il giovane Mameli e perché la Rai ha deciso di omaggiarlo con una serie?

Stasera e domani va in onda la nuova serie su Rai 1, Mameli - Il ragazzo che sognò l'Italia: perché se ne parla proprio adesso?

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

Mameli – Il ragazzo che sognò l’Italia. Inizia questa sera la miniserie evento in onda su Rai 1 e Rai Play, incentrata su una storia ancora fin troppo sconosciuta, quella di Goffredo Mameli, il giovane eroe del Risorgimento italiano e autore del “Canto degli Italiani”, conosciuto oggi come Inno nazionale.

La serie, girata a Torino, Genova e Roma per 10 settimane, per la regia di Luca Lucini e Ago Panini, è una produzione di Pepito Produzioni in collaborazione con Rai Fiction, con il sostegno del Ministero della Cultura – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo. Questo progetto vuol dimostrare come figure eroiche del passato siano, in primis, uomini che hanno cambiato il mondo con le loro idee.

Chi c’è nel cast? Oltre a Riccardo De Rinaldis Santorelli che interpreta il protagonista, ci sono anche Amedeo Gullà, Isabella Briganti, Lucia Mascino, Barbara Venturato, Gianluca Zaccaria, Luca Ward, Giovanni Crozza Signoris, Neri Marcorè, Chiara Celotto, Ricky Memphis, Sebastiano Somma.

Di cosa parla Mameli – Il ragazzo che sognò l’Italia?

La nuova serie Rai si svolge tra il 1847 e il 1849, anni in cui la vita di Goffredo Mameli si lega alla storia, in particolare al periodo del Risorgimento italiano, tra amicizie tradite e dibattiti politici.

Mameli – Il ragazzo che sognò l’Italia mostra alcuni tra gli eventi più significativi della sua vita, tra cui la composizione del Canto degli Italiani alla grande manifestazione dell’Oregina, quando per la prima volta è stato intonato da più di trentamila patrioti sullo sfondo della prima Guerra di Indipendenza, la Repubblica Romana, le Cinque Giornate di Milano. Viene esplorata anche la sua amicizia con Nino Bixio, Giuseppe Mazzini e Giuseppe Garibaldi, fino alla morte che lo colse a soli 22 anni.

Perché la Rai ha deciso di raccontare questa storia?

La Rai ha deciso di raccontare la storia di Mameli per un motivo ben preciso. Il progetto si inserisce nei titoli che vogliono raccontare la storia dell’Italia da un punto di vista nuovo, percorso già intrapreso con la trasposizione in fiction de La Storia di Elsa Morante. Come ha dichiarato la direttrice di Rai Fiction Maria Pia Ammirati, lo scopo della Rai èrestituire la ricchezza e la complessità del presente senza, però, perdere il legame con il passato né lo sguardo verso il futuro. Siamo responsabili di una parte importante dell’immaginario del Paese”.

Le parole dei registi

Mameli – Il ragazzo che sognò l’Italia è la storia di un giovane ragazzo che è riuscito a trasmettere il suo sogno a un intero popolo, come rivelano al “Corriere della Sera” i registi, Luca Lucini e Ago Panini:

Questa serie è prima di ogni altra cosa la storia di un gruppo di ragazzi pieni di vita e di energia, in particolare di colui che ha scritto l’Inno nazionale

Grazie alla sua passione e alla sua voglia di cambiare il mondo, Goffredo Mameli è riuscito a trasmettere il suo sogno ai suoi contemporanei.

In Mameli – Il ragazzo che sognò l’Italia facciamo scendere dai piedistalli i nomi incisi sulle statue e sulle targhe delle strade e li trasformiamo in uomini che hanno scelto di diventare eroi.

Leggi anche: Il Califano inedito di Leo Gassmann, la figlia Silvia, le poesie al PM con cui ritrova la libertà

spot_img

Correlati

Maria De Filippi al Teatro Parioli: “Ecco perché non ho mai parlato di Maurizio prima”

Maria De Filippi ha riaperto ieri sera le porte del Teatro Parioli, conducendo con...

Luciana Littizzetto dedica una lettera a Costanzo: “Senza di te la TV non è più la stessa”

Durante lo speciale andato in onda ieri sera su Canale 5, Dedicato a... Maurizio...

Maurizio Costanzo, quando va in onda lo speciale, a che ora e chi sono gli ospiti

Il 24 febbraio del 2023 ci ha lasciato uno dei conduttori e giornalisti più...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img